Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le etichette dialettali del Ministro Zaia e la tomba dell'economia

Il Ministro delle Politiche Agricole, Luca Zaia, ha annunciato che entro il 2010 le etichette dei prodotti tipici che rientrano nella categoria dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (4.471 in tutta la Penisola) saranno scritte nel dialetto dei luoghi di produzione, accompagnate da una traduzione in italiano.

Il Ministro Zaia ha giustificato questa decisione, motivandola con la necessità di tutelare, insieme al prodotto, anche la storia e la cultura del territorio, soprattutto nell’ottica di un mercato a chilometro zero. E in futuro Zaia pensa addirittura di estendere il bilinguismo alle spiegazioni in etichetta.

Critica la risposta di Vincenzo Donvito, presidente dell’Aduc (Associazione diritti utenti consumatori), che definisce l'esito di questa iniziativa "la tomba dell’economia", perché i produttori "dovrebbero limitarsi al mercato locale", e si avrebbe "un’economia legata al quartiere; i dialetti sono diversi anche da quartiere a quartiere nel medesimo centro abitato. Altro che made in Italy, il Ministro del Governo sta lavorando per il 'made in Forcella', 'made in San Frediano', 'made in Testaccio', 'made in Niguarda', 'made in Mirafiori'. Usando un termine gergale per l’etichetta, o si tratta di un marchio su cui si investono milioni per farlo conoscere, oppure ci si limita ad un mercato territorialmente ristretto".


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto