Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Complotto olandese contro le banane filippine?

Sec'è un paese in Asia che potrebbe replicare il successo delle Filippine nelsettore della produzione e dell'esportazione di banane Cavendish, quel paese è l'Indonesia. Ed è cosi che alcune isole indonesiane, nella stessa favorevole posizione geografica di Mindanao, ideale per la produzione di frutta tropicale, hanno risvegliato l'interesse degli olandesi.

L'anno scorso, l'industria filippina ha esportato 3,2 milioni di tonnellate dibanane verso circa 12 paesi, per un valore di 720 milioni dollari. Oggi le Filippine monopolizzano anche il 98% del fruttuoso mercato giapponese. La merce d'esportazione è costituita soltanto da banane di varietà Cavendish, mentre altre cultivar vengono generalmente consumate sul mercato domestico.

Ora i Paesi Bassi hanno messo gli occhi sull'isola di Halmahera, la più grande dell'arcipelago delle Molucche, e qui hanno cominciato a sviluppare una piantagione di 30.000 ettari di banane Cavendish.

E' degno di nota che Halmahera si trovi sullo stesso parallelo della provincia filippina di South Cotabato, nel Mindanao, principale regione bananicola delle Filippine. Essere posizionati "sopra l'equatore" è infatti una delle condizioni climatiche necessarie per la produzione intensiva di banane Cavendish.

Le "grandi manovre" olandesi nella regione non sono passate inosservate da parte dell'industria bananiera filippina, che anzi ha cominciato a sentire odore di bruciato in alcune recenti iniziative di organismi non governativi internazionali che stanno facendo pressione sul governo delle Filippine affinché metta al bando la spruzzatura aerea di pesticidi sulle piantagioni.

I produttori filippini hanno sempre chiarito che le dosi di agrofarmaci utilizzati per irrorare i campi dall'alto sono estremamente diluite e non comportano danni per l'ambiente o per la salute umana. D'altra parte, la spruzzatura è essenziale per prevenire la maturazione precoce delle banane, che risulterebbe fatale al commercio, in quanto la merce deve arrivare ai clienti ancora verde.

Quello che ha messo in allerta i produttori filippini è il fatto che un'agenzia olandese, chiamata CORDAID (Catholic Organization for Relief and International Development) stia finanziando la campagna contro le irrorazioni aeree. La coincidenza di questo fatto con gli interessi olandesi nell'area non sembra dunque tanto casuale.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto