Istituto Agrario di San Michele all'Adige

Trentino: seminario sulla corretta distribuzione dei prodotti fitosanitari

Si è svolto in data 10 dicembre 2008, presso l'Istituto Agrario di San Michele all'Adige (TN) un seminario di formazione per tecnici sul tema della distribuzione dei prodotti fitosanitari. Il corretto utilizzo delle macchine per i trattamenti fitosanitari e le modalità ottimali di distribuzione della miscela per evitare dannose dispersioni (deriva) sono aspetti qualificanti per una produzione agricola efficiente, senza sprechi e rispettosa dell'ambiente.

All’incontro, promosso dal Centro per l’Assistenza Tecnica dell’Istituto Agrario in collaborazione con il Servizio fitosanitario della Regione Veneto, ed intitolato "Gestione della deriva dei prodotti fitosanitari nei trattamenti delle colture arboree", hanno partecipato un centinaio di tecnici che ora avranno il compito di trasferire agli agricoltori le nozioni acquisite.

"Si stima che durante un trattamento fitoiatrico eseguito con l’atomizzatore l’efficienza di deposizione sul bersaglio non superi il 55% - spiega il tecnico del Centro per l’Assistenza Tecnica, Piergiorgio Ianes - Le dispersioni di miscela assumono dimensioni variabili in funzione della natura del fattore d’inefficienza preso in esame: evaporazione (4-6%), perdite a terra (30-60%), perdite per deriva (10-15%)".

Nel corso del seminario tecnico, i cui relatori sono stati gli esperti di settore e docenti universitari, Paolo Balsari, Giuseppe Zanin, Cristiano Baldoin, si è parlato di normative, aspetti meccanici che condizionano la deriva e di tecniche innovative per ridurla, ma anche aspetti agronomici nella distribuzione dei prodotti fitosanitari.

Altro argomento affrontato, il controllo funzionale delle macchine irroratrici, in Trentino reso obbligatorio dal Disciplinare di produzione integrata del settore ortofrutticolo, per il quale le circa 3600 macchine censite sono regolarmente ispezionate ogni sei anni.

Particolarmente interessante il tema delle scelte operative che definiscono il corretto impiego dell’irroratrice. E così si scopre, ad esempio, che la vegetazione, oltre a rappresentare il bersaglio da trattare, agisce di fatto anche come una barriera fisica di contenimento della deriva.

L’incontro parte dalla premessa che l’agricoltore professionale è gestore e custode dell’area che coltiva, ne è quindi primo responsabile e tutto ciò che mette in atto è un diretto beneficio per se e per l’ambiente circostante. L’attenzione ad una corretta gestione della difesa fitosanitaria è una priorità dalla quale non può prescindere sia per l’aspetto tecnico di garantire efficacia all’intervento, sia etico di salvaguardare persone, animali e ambiente da eventuali danni derivanti dall’uso di prodotti fitosanitari. 

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto