Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La crisi dei peperoni spagnoli ha avuto riflessi per il prodotto marocchino?

Lo scorso dicembre i peperoni spagnoli della regione di Almerìa hanno attraversato una fase di crisi dovuta alla scoperta di residui di pesticidi non autorizzati. Stilando oggi il bilancio di quella situazione, l'Associazione marocchina dei produttori ed esportatori ortofrutticoli (APEFEL) si domanda quali siano stati i riflessi sui peperoni prodotti in Marocco, considerando il fatto che parte della produzione locale fa capo a compagnie spagnole.

Un portavoce della APEFEL dichiara: "La crisi di Almerìa è stata certamente drammatica per tutto il settore professionale dei peperoni, ma le esportazioni di prodotto marocchino sono rimaste piuttosto stabili per tutte le varietà. Il volume esportato per la stagione 2007 è stato di 34.400 tonnellate - nel periodo da ottobre a maggio - mentre nella campagna 2006 era stato di 35.300 tonnellate."

Il problema principale per le aziende marocchine rimane quello logistico. Il portavoce di APEFEL spiega: "Il costo per il trasporto di 14 tonnellate di prodotto da Agadir, in Marocco, fino a Perpignan, nella Francia meridionale, è di circa 4.000 euro. Perciò dovremo diminuire i nostri costi di produzione, se vogliamo incrementare la redditività."

Il Marocco è attualmente in grado di fornire al mercato europeo peperoni correttamente certificati. Quest'anno, oltre il 70% dei peperoni prodotti in Marocco proviene da agricoltura biologica; in altri casi, molte aziende hanno optato per il metodo di produzione a lotta integrata, fino al 100% della produzione.

APEFEL sottolinea le favorevoli condizioni climatiche del Marocco, molto simili a quelle della regione spagnola di Almerìa: "Vi sono - precisa l'associazione - veramente pochi paesi oltre a Israele e al Marocco, nei quali sia possibile una produzione invernale di peperoni. Noi riteniamo che i costi di trasporto verso il mercato europeo potranno ridursi se verrà stabilita una catena di fornitura regolare tra il Marocco, l'Olanda e il Regno Unito."

Fonte: S&G Peppers Today

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto