Fra i porti di Trieste e Capodistria scoppia la guerra delle banane

Scoppia la guerra delle banane fra Trieste e Capodistria. Il presidente dell’Authority triestina Claudio Boniciolli ha accusato la Luka Koper - società per azioni che opera nel Porto di Capodistria - di concorrenza sleale e l'amministratore delegato del Terminal frutta sul Molo Quinto del Porto nuovo, Walter Preprost ha lamentato: "Ci è stato sottratto un maxitraffico di frutta gestito da un operatore russo dall’Ecuador verso i Paesi dell’Est europeo: complessivamente oltre 25.000 tonnellate di banane in un anno, che avrebbero dato solidità e certezza di prospettive al nostro terminal, ma lavoro anche al Molo Settimo, perché una parte della merce doveva arrivare tramite container".

Le banane sono dirette in molti Paesi dell’Est europeo: Slovenia, Serbia, Bosnia, Ucraina, perfino nelle macchinette distributrici delle scuole della Russia, che erogano anche frutta oltre alle merendine. L’arma vincente usata da Capodistria è stata la franchigia nei Magazzini frigoriferi: dieci giorni di sosta gratuita della merce se il traffico fosse stato spostato sulla Slovenia.

"Un’offerta non pareggiabile, qualcosa di incredibile e di assolutamente insostenibile per qualsiasi terminalista o società privata che applicando condizioni simili sarebbero indotti al fallimento - sostiene Preprost - può farlo solo Luka Koper o chi come essa evidentemente gode di forti sovvenzioni statali. Per tentare di salvare il salvabile abbiamo avanzato una controfferta al limite della quadratura economica: due giorni di franchigia. Ma com’era prevedibile non c’è stato nulla da fare e il traffico è stato dirottato".

"Il problema è quello del rispetto di regole che devono essere generali e comuni all’interno dell’Unione europea - sostiene Boniciolli - oggi il porto di Capodistria viene favorito nella concorrenza per il fatto che le banchine non sono date in concessione ai privati e che il suo status è simile a quello che contraddistingueva anche gli Ente porto italiani prima della riforma del 1994. In questa situazione di disparità la concorrenza diventa sleale ai nostri danni.

Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

x

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto