Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A Ravenna copertura totale per un prodotto di qualita' e con meno trattamenti

Le reti anti insetto su nettarine sono una realta'

Quasi 5 ettari di copertura totale su nettarine, varietà Romagna Giant e Dulciva, su un totale di 32 ettari aziendali. Una protezione che preserva dagli insetti quali cimice asiatica e afidi, in primo luogo. Ma anche dagli uccelli quali storni e gazze. L'impianto ha un costo che si aggira fra i 20 e 25mila euro a ettaro e l'agricoltore l'ha realizzato con l'assistenza del Consorzio Agrario Adriatico.



L'azienda Agricola Ridolfi si trova a Ravenna. Bruno e il figlio Mattia sono i conduttori, mentre l'altro figlio Marco con la mamma Gianna si occupano dell'agriturismo annesso. Mattia ha 36 anni, è laureato in Agraria ed è il motore e l'innovatore dell'azienda. "Abbiamo deciso di coprire integralmente questi 4,5 ettari - esordisce Mattia - perché ritengo le reti il sistema migliore rispetto alle assicurazioni (cfr. FreshPlaza del 19/04/2017). Queste ultime, ormai, ammontano a 1800 euro l'ettaro, le franchigie sono in rialzo, e i contributi non arrivano mai. In più, in caso di eventi come la grandine, non si ha più il prodotto e saltano gli accordi commerciali con i compratori che vanno a rivolgersi altrove".



Quello realizzato da Ridolfi è uno degli impianti totalmente protetti su pesco (nettarine) più grandi dell'Emilia-Romagna. E' stato progettato dai tecnici Andrea Rossi ed Emanuele Pedota e, su questo fronte, il Consorzio Agrario Adriatico ha una notevole esperienza (cfr. FreshPlaza del 4/10/2017). In questa zona del ravennate, la cimice asiatica non è ancora molto presente, complice anche i -12 °C della gelata dello scorso febbraio, che ha abbattuto la popolazione. Ma le prospettive sono poco incoraggianti e il rischio che si diffonda, nel giro di qualche anno, è concreto. Gli afidi invece sono il vettore di Sharka e le reti ne impediscono il contatto con le piante.



Ridolfi ha 30 ettari a nettarine con le seguenti varietà: Big Top, Ali Top, Romagna Giant, Febe, Romagna Big, Dulciva, Dulcis, Romagna Lady. Tutte varietà subacide, cioè tendenzialmente dolci, così come il consumatore pare apprezzare di più. E tutte varietà che, se ben coltivate, garantiscono un calibro elevato.



"Da quest'anno commercializziamo in proprio - precisa Mattia - e a questo scopo abbiamo acquistato delle linee di lavorazione. Quando tutti gli ettari saranno in piena produzione, avremo una potenzialità di 1000 tonnellate. Quest'anno, considerato che abbiamo impianti giovani e che la gelata ha portato via molte gemme, saremo sulle 450 tonnellate. Ciò cui teniamo particolarmente è la qualità organolettica: frutta buona da mangiare e raccolta a un grado di maturazione consono alla commercializzazione".



Le reti Iridium perla, secondo alcuni studi, aiutano a migliorare il °Brix. E con alcuni accorgimenti agronomici si migliora il calibro: ad esempio con la doppia manichetta, con la baulatura per evitare ristagni idrici e con una fertirrigazione non troppo spinta. Il sesto di impianto è 1,40 mt x 4,50 mt.



"Non si può ottenere qualità ragionando come 40 anni fa - aggiunge - per questo cerco di aggiornarmi sempre. Ad esempio, per i trattamenti contro le malattie, mi baso sull'IPM, un programma che elabora i dati provenienti dalle tre stazioni meteo e dalle sonde che ho in campo e calcola il grado di rischio della propagazione delle malattie funginee, così come del volo degli insetti. Anche per la concimazione, incrocio i dati delle sonde e delle analisi fogliari per stabilire quanto apportare e quando. Non lascio nulla al caso. Lo scopo è quello di intervenire il meno possibile, ma quando si interviene serve la massima efficacia".



Mattia ha una concezione concreta della sostenibilità: dal tetto del nuovo magazzino l'acqua piovana viene convogliata in una cisterna interrata che funge da riserva utilizzata per l'irrigazione o per i trattamenti. I carri per diradamento e raccolta sono elettrici, e grazie alle reti i trattamenti sono ridotti al minimo.



"L'impianto coperto è stato ultimato ai primi di giugno - termina Mattia Ridolfi - e ora non ci resta altro da fare che prepararci alla raccolta".

Contatti:
Agricola Ridolfi
Via Del Dottore 33
48124 Ravenna - Italy
Tel.: (+39) 347/6128922
Email: info@agricolaridolfi.it
Web: www.agricolaridolfi.it

Data di pubblicazione: 12/06/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Applicazioni che migliorano il colore dell'uva da tavola rossa Red Globe
31/07/2018 Credit Agricole sostiene le aziende del 'Progetto Nocciola Italia' di Ferrero
31/07/2018 Per i coltivatori il marchio Fine Fleur significa valore aggiunto
31/07/2018 Cominciano le esportazioni dal centro di imballaggio Desert Fruit
31/07/2018 Pronto a essere introdotto sul mercato l'imballaggio singolo per ananas
31/07/2018 Uve da tavola biologiche, un mercato in espansione
31/07/2018 Il bel tempo richiede una gestione di alto livello dei ribes rossi
31/07/2018 La Spagna prevede un raccolto di kaki notevolmente inferiore
31/07/2018 Crescono i pistacchieti in Sicilia: una coltura per la quale non si conosce crisi
31/07/2018 Nuovo packaging per l'uva Cotton Candy, in arrivo questa settimana
31/07/2018 Racemus: success story di una delle filiere principali della Puglia, l'uva da tavola
30/07/2018 Kiwi Zespri SunGold, il compagno perfetto per le tue vacanze
30/07/2018 Pesche e Nettarine di Romagna IGP: le regine dell'estate protagoniste alla notte del cibo
30/07/2018 Confagricoltura Cuneo: primi segnali incoraggianti dalla raccolta delle pesche
30/07/2018 Raccolta anticipata di uva Crimson a piena colorazione grazie a buone tecniche e coperture
30/07/2018 I produttori spagnoli di kaki prevedono un prezzo al chilo raddoppiato
30/07/2018 Scarso entusiasmo per la prossima stagione delle pomacee
30/07/2018 Portinnesto Fox 9, alta produttivita' anche su ristoppio
30/07/2018 La pesca di Verona cerca la sua strada verso la tavola dei consumatori
30/07/2018 E' partita in anticipo la stagione del ficodindia di San Cono (CT)

 

Commenti:


Azienda veramente bellissima, complimenti
Luca, Faenza, Italia - 12/06/2018 13:45:12


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*