Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Pesche e nettarine: consumi stabili, esportazioni crollate

I recenti impianti di nettarine, dal 2014 al 2016, sono per l'83% di tipologia dolce. Solo il 17% acida. Per le pesche, i nuovi impianti nello stesso lasso di tempo sono stati di tipologia dolce per il 52% e 48% per quelli acidi. Sono alcuni dei dati emersi dal Forum Peschicoltura europea tenutosi al Macfrut la scorsa settimana (cfr. FreshPlaza del 10 maggio 2018) con la regia del Cso di Ferrara.



E, a leggere i dati del Cso, il cosiddetto crollo dei consumi di pesche e nettarine, fra i consumatori italiani, non c'è mai stato: se ne consumavano 249mila tonnellate nel 2008, se ne sono consumate 271mila tonnellate nel 2017. Nel mezzo, valori intermedi sempre attorno alle 250mila tonnellate. Il prezzo medio pagato dal consumatore è variato fra 1,61 euro/kg nel 2008 e 1,57 euro/kg nel 2017. I due estremi sono stati 1,56 euro/kg nel 2009 e 1,80 euro/kg nel 2012.



Il vero crollo sta nelle esportazioni: erano 326mila tonnellate nel 2008 scese a 252mila nel 2017, pari al 26% di perdita. E' un circolo vizioso: le esportazioni sono diminuite, per lo più a vantaggio della Spagna che ha occupato le quote di mercato italiane, il prezzo pagato ai produttori cala, i produttori abbattono e piantano meno. E di conseguenza: i vivaisti lavorano meno, così pure chi vende mezzi tecnici. Tutto sommato i magazzini possono ovviare importando e rivendendo merce estera, ma il territorio si impoverisce.



Nel dettaglio, gli ettari persi in 10 anni sono stati 9800 di pesche, in Italia, con forte diminuzione al nord (-47%) e al centro (-51%), mentre più contenuta al sud (-9%). Per le nettarine, gli ettari persi in 10 anni sono stati 7400, tutti al nord e al centro; al sud sono aumentati di 180 ettari. In definitiva, nel 2008 le superfici di pesche, percoche e nettarine erano pari a 77055 ettari, crollati a 58110 nel 2017, vale a dire 19mila ettari in meno, pari al 25%.

Data di pubblicazione: 16/05/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

13/07/2018 La Spagna si conferma primo esportatore di frutta al mondo. Italia settima
13/07/2018 Anecoop lancia le angurie a forma di cuore
13/07/2018 L'Uruguay vuole posizionare i suoi kaki nell'Ue
13/07/2018 Pesche e nettarine: bene ma non benissimo
13/07/2018 Angurie: la presentazione e' importante anche all'ingrosso
13/07/2018 Le ciliegie canadesi hanno un chiaro vantaggio di mercato in Cina
12/07/2018 Selezione di melo bicolore precoce: progetto aperto del CIV
12/07/2018 Flatlay Dole: ritrova il sorriso con l'ananas
12/07/2018 Gli ispettori russi fanno l'inventario della produzione melicola di Bosnia ed Erzegovina
12/07/2018 Spagna: ogni anno si vendono oltre 12.000 tonnellate di pere Rincon
12/07/2018 Norvegia: possibile calo nel raccolto di piccoli frutti
12/07/2018 Drosophila suzukii all'attacco dell'albicocco
12/07/2018 Nuove varieta': si lavora per piante resistenti agli eccessi climatici
12/07/2018 Le angurie del Salento destinate all'estinzione?
12/07/2018 Susine: attenzione alla maturazione di raccolta
12/07/2018 Per la prossima campagna mele la parola d'ordine e' produzione di qualita' eccezionale
11/07/2018 Cultivar di susino giapponese promettenti per le aree di produzione dell'Himachal Pradesh
11/07/2018 Europa: crollo drammatico nei prezzi degli avocado
11/07/2018 L'Europa tributa apprezzamenti al kiwi giallo Soreli prodotto in Sudafrica
11/07/2018 L'evoluzione dell'uva da tavola senza semi nel bacino del Mediterraneo

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*