Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Pesche e nettarine: consumi stabili, esportazioni crollate

I recenti impianti di nettarine, dal 2014 al 2016, sono per l'83% di tipologia dolce. Solo il 17% acida. Per le pesche, i nuovi impianti nello stesso lasso di tempo sono stati di tipologia dolce per il 52% e 48% per quelli acidi. Sono alcuni dei dati emersi dal Forum Peschicoltura europea tenutosi al Macfrut la scorsa settimana (cfr. FreshPlaza del 10 maggio 2018) con la regia del Cso di Ferrara.



E, a leggere i dati del Cso, il cosiddetto crollo dei consumi di pesche e nettarine, fra i consumatori italiani, non c'è mai stato: se ne consumavano 249mila tonnellate nel 2008, se ne sono consumate 271mila tonnellate nel 2017. Nel mezzo, valori intermedi sempre attorno alle 250mila tonnellate. Il prezzo medio pagato dal consumatore è variato fra 1,61 euro/kg nel 2008 e 1,57 euro/kg nel 2017. I due estremi sono stati 1,56 euro/kg nel 2009 e 1,80 euro/kg nel 2012.



Il vero crollo sta nelle esportazioni: erano 326mila tonnellate nel 2008 scese a 252mila nel 2017, pari al 26% di perdita. E' un circolo vizioso: le esportazioni sono diminuite, per lo più a vantaggio della Spagna che ha occupato le quote di mercato italiane, il prezzo pagato ai produttori cala, i produttori abbattono e piantano meno. E di conseguenza: i vivaisti lavorano meno, così pure chi vende mezzi tecnici. Tutto sommato i magazzini possono ovviare importando e rivendendo merce estera, ma il territorio si impoverisce.



Nel dettaglio, gli ettari persi in 10 anni sono stati 9800 di pesche, in Italia, con forte diminuzione al nord (-47%) e al centro (-51%), mentre più contenuta al sud (-9%). Per le nettarine, gli ettari persi in 10 anni sono stati 7400, tutti al nord e al centro; al sud sono aumentati di 180 ettari. In definitiva, nel 2008 le superfici di pesche, percoche e nettarine erano pari a 77055 ettari, crollati a 58110 nel 2017, vale a dire 19mila ettari in meno, pari al 25%.

Data di pubblicazione: 16/05/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/05/2018 Gruppo Alegra: produzione leggermente ridotta per la Ciliegia di Vignola IGP
21/05/2018 Ungheria: i coltivatori di fragole alle prese con la carenza di manodopera
21/05/2018 Tunisia: nei primi 5 mesi del 2018 l'export della frutta e' aumentato del 180%
21/05/2018 Grecia: si promuove lo smart farming per i produttori di Crimson Seedless
21/05/2018 Bosnia ed Erzegovina: la migliore stagione dei lamponi degli ultimi 5 anni
21/05/2018 Albicocca rossa Gallo: campagna al via
21/05/2018 Coldiretti Puglia: ciliegie, ottima qualita' ma -25% di produzione
21/05/2018 Albifrutta implementa in stabilimento una calibratrice per frutti delicati
21/05/2018 Drupacee: non sempre quanto ricavato dal produttore e' sufficiente a bilanciare i costi di produzione
21/05/2018 Uno studio greco per combattere e prevedere la diffusione del batterio Psa-V nei kiwi
18/05/2018 Sudafrica: inizio vivace per la stagione delle susine
18/05/2018 Sudafrica: nonostante la siccita' a Capo Occidentale i fichi mostrano miglioramenti rispetto all'anno scorso
18/05/2018 La mela Joya sara' una valida avversaria per l'emisfero meridionale
18/05/2018 Cina e Nuova Zelanda svilupperanno un pool genetico per il kiwi
18/05/2018 Resoconto convegni sul Kiwi alla 33ma Fiera nazionale agricoltura a Campoverde-Aprilia
18/05/2018 Melone Mundial: qualita', sicurezza e, soprattutto, gusto
18/05/2018 Ora i consumatori possono acquistare i meloni Piel de Sapo dalla polpa arancione
18/05/2018 Giovanni Bellassai Srl: nuova realta' aziendale, ma garanzia di sempre
17/05/2018 Origine Group: il primo container di kiwi Sweeki e' arrivato in Cina dal Cile
17/05/2018 Vietnam: accesso al mercato per la pera Conference belga

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*