Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un produttore italiano avvia una produzione di nicchia in Albania

Dopo avere lavorato per 25 anni come programme manager internazionale in diverse organizzazioni, come le Nazioni Unite, il consiglio di sicurezza europeo e, ultimamente, in diverse organizzazioni non governative, Davide Chiavegatti ha ampliato la sua esperienza nell'agricoltura attraverso diversi progetti di cui ha fatto parte e che, alla fine, lo hanno portato ad avventurarcisi autonomamente.

"Appena dopo la crisi del Kossovo, nel 2000, mentre mi occupavo di affari politici in Albania, ho incontrato la donna che presto sarebbe diventata mia moglie e da allora il mio amore per lei e per il suo paese non mi ha mai abbandonato - ha spiegato Davide - L'anno scorso, dopo avere vissuto in tutto il mondo, abbiamo deciso di tornare in Albania dall'Italia, con la ferrea determinazione di diventare un ingegnere agricolo".

Davide ha spiegato di essere stato fortunato a incontrare un "simpatico ragazzo con molta terra" e con poca esperienza negli affari e senza contatti internazionali; così i due hanno deciso di formare insieme una società (attualmente in corso di legalizzazione) con l'obiettivo di produrre "prodotti di nicchia" per il mercato europeo.

La coppia di imprenditori ha dato inizio all'attività producendo in questa stagione i carciofi violetto di Brindisi/francesino su 12 ettari di terra e ha deciso di concentrarsi sulla produzione di bacche di Goji il prossimo anno.

"Attualmente stiamo vendendo i nostri carciofi violetto di I classe (> 200 grammi ciascuno) sul mercato italiano, ma ci piacerebbe espandere la produzione e trovare grossisti per il mercato inglese per il nostro raccolto di novembre. Il nostro primo raccolto ammonterà a circa 1 milione di capolini. I carciofi sono un modo perfetto per, come si suol dire, scaldare i motori, dal momento che questo ortaggio è rustico e robusto e poi abbiamo un altro vicino italiano che produce carciofi che è disposto a fornirci i germogli di cui avevamo bisogno per cominciare la piantagione".

"Se si considera che abbiamo 150 ettari in tutto, si può facilmente comprendere quanto questo lotto iniziale di terra sia solo l'inizio" ha commentato Davide.

La giovane società produttrice si impegna a insegnare ai giovani agricoltori come incrementare il proprio reddito producendo prodotti più redditizi, e non limitandosi alla frutta e verdura, ma comprendendo anche piante e fiori. Attualmente l'Albania importa il 95% di ciò che coltiva dai Paesi Bassi.

Davide ha concluso: "Al momento stiamo lavorando alla certificazione biologica di tutti i nostri prodotti, che dovrebbe essere completata nell'arco di due anni".

Per maggiori informazioni:
Davide Chiavegatti
Email: davidechiavegatti@hotmail.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 16/05/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Prove tecniche di collaborazione tra diversi areali frutticoli italiani
31/07/2018 Nel cambio generazionale si trasferisce un vero patrimonio di conoscenze e competenze
30/07/2018 Caporalato: quando l'imprenditore rischia la galera e la multa
30/07/2018 L'eredita' di Marchionne: spunti e riflessioni anche per il settore ortofrutticolo
27/07/2018 Il nome di una regione non e' ad uso esclusivo di qualcuno
26/07/2018 Contratti a termine: ecco cosa devono aspettarsi le imprese ortofrutticole
25/07/2018 Agrion e Facolt insieme per la valorizzazione del territorio piemontese
24/07/2018 Donne dell'Ortofrutta: arriva il sostegno di Anna Casini, assessore all'Agricoltura delle Marche
23/07/2018 A Berlino senza stand: una tendenza o un semplice caso?
18/07/2018 Reminder sulla protezione dei dati personali: quello che le imprese devono sapere
18/07/2018 Premiate le aziende innovative condotte da giovani in Calabria
18/07/2018 Prima i pomodori locali? Come lo sciovinismo influenza il nostro comportamento d'acquisto
16/07/2018 Un registro informatico inalterabile contro le truffe utile anche in ortofrutta
16/07/2018 Le analisi del terreno nella moderna agricoltura
13/07/2018 Uvitaly esalta le peculiarita' delle uve da tavola del Sud Italia in un mercato altamente globalizzato
12/07/2018 Video sulle buone pratiche di rotazione delle colture pubblicato da IFOAM
11/07/2018 Il biologico di Canova investe sul futuro: in un anno assunti 12 giovani tecnologi alimentari e agronomi di talento
11/07/2018 L'AgriAcademy di Ismea fa tappa a Bologna
11/07/2018 La siciliana Ecofaber celebra 20 anni
10/07/2018 Le Op siano di medie dimensioni e non troppo grandi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*