Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Sudafrica: buon inizio per gli agrumi dopo la stagione delle uve

L'area di Senwes, in Sudafrica, è la seconda regione di produzione di limoni del Paese, con circa 4,5 milioni di cartoni da 15 kg, previsti per questa stagione. L'aumento delle piantagioni di limoni, dai 3,67 milioni di confezioni dello scorso anno, deriva dall'ampliamento dell'area, come accade in altre aree del Paese.

La Schoonbee Landgoed, tra Groblersdal e Marble Hall, nella regione di produzione degli agrumi di Senwes, ha iniziato la raccolta di limoni due settimane fa. "I frutti sono più piccoli rispetto all'anno scorso, con un massimo tra 113/138, e una buona distribuzioni di frutti grandi e piccoli", ha affermato Gert Upton, direttore marketing di Schoonbee.

"La nostra prima raccolta di limoni durerà fino alla settimana 22 o 23, e la seconda seguirà nelle settimane 26, 27, 28. I limoni e le arance Navel della nostra zona sono ovoidali, la forma preferita in Estremo Oriente perché si possono tagliare più fette da un limone ovoidale che non da uno tondo."

La raccolta dei limoni di Senwes segue i primi limoni del Limpopo e arriva prima dell'inizio della raccolta nella Sundays River Valley, la zona principe dei limoni sudafricani (dove si stima una produzione di 8,5 milioni di cartoni in questa stagione).
 


Tempi difficili per i limoni
Prima era più facile trovare un mercato per i limoni piccoli, 189 o 216, ma mercati come il Medio Oriente non sono più interessati a queste misure, avendo già avuto problemi, mentre il prezzo del succo, a livello locale, si abbassa.

Upton ha messo in conto una stagione difficile per i limoni - in effetti prevede un paio di anni difficili.
 
"In Sudafrica ci sono più blocchi di limoni non ancora in produzione che quelli in produzione - ha sottolineato - Quest'anno il totale stimato per l'industria è di quasi 21 milioni di cartoni. Dopo la piantagione intensiva degli ultimi anni, penso che in futuro ci sarà una cernita sulla base della qualità, consistenza dell'offerta, finestra di fornitura e calibro".

"Lo scorso anno il mercato russo, che fa grandi numeri, è stato sotto pressione a causa degli abbondanti volumi argentini, e con la notizia che, in questa stagione, il mercato locale del succo argentino risulta lento e che esporteranno il 30% in più, ci si chiede: quanta di quella frutta finirà sui tradizionali mercati sudafricani e quale sarà l'effetto sui prezzi? In Estremo Oriente i prezzi al momento sono buoni, ma per quanto tempo sarà così? In Europa la quotazione sta aumentando perché hanno finito con il Primofiore e sono impegnati con il Verna. Il raccolto del Verna non è abbondante come l'anno scorso, quindi la possibilità che il frutto vada bene sono poche; successivamente si passerà ai programmi fissi".

Upton ha sottolineato che i limoni argentini vengono venduti in cartoni da 18 kg, invece dei 15 kg del settore sudafricano. "Il prezzo per unità è sempre un fattore da tenere d'occhio. La grande pressione sul mercato dei limoni sarà in Russia e in Europa".

I blocchi di agrumi precoci dolci maturano in qualità
A parte i limoni, a Schoonbee Landgoed stanno attualmente confezionando clementine (nules) e Novas, insieme al raccolto della Navel di metà stagione che dovrebbe iniziare questa settimana.

A causa della precocità di molti dei loro blocchi di agrumi dolci, l'impatto della precocità degli alberi sulla qualità dei frutti è ancora una sfida, anche se di anno in anno lo è sempre meno. La raccolta del Satsuma (Miho wase) è iniziata bene, con frutti di calibri migliori rispetto allo scorso anno e una migliore qualità per gli alberi più vecchi. Allo stesso modo, gli alberi più datati di clementine hanno registrato una resa e una qualità molto buone, con una certa granulazione sulla frutta degli alberi più giovani.

Stessa cosa con Novas e clementine (nules). "La varietà Novas sembra decisamente migliore rispetto all'anno scorso, gli alberi sono molto più grandi e l'assortimento è buono con 300-400 frutti in più per albero" ha detto Upton.

"Con gli agrumi dolci, l'età degli alberi è un fattore importante. Nel caso della clementina (nules), gli alberi devono avere almeno sette o otto anni, cosa che li rende molto costosi, ma la clementina è una cultivar molto ricercata perché deve avere un contenuto di zucchero superiore a 9 Brix, altrimenti è commercializzata come un normale frutto, a meno che non abbia semi, nel qual caso è un mandarino".

La Schoonbee Landgoed commercializza la sua clementina (nules) nel Regno Unito e in Europa, dove la produzione spagnola della cultivar ha stuzzicato l'appetito del consumatore. E' anche di gran lunga la varietà più diffusa di clementina coltivata in Sudafrica.

Per quanto riguarda la gamma dolce di agrumi, il Nadorcott arriverà tra circa sei settimane, in sovrapposizione con l'Orri, seguito dal Tempio Thoro, un ibrido tangor che sta perdendo terreno in Sudafrica. "E' un frutto bellissimo, un'arancia luminosa, ma ha quantità di succo esagerata, per me è uno degli agrumi morbidi e più gustosi: un livello di zucchero molto alto insieme a un livello di acidità molto elevato. L'Africa ritira molti nostri Tempio Thoro perché resistono bene al trasporto, è di calibro grande - da 3X a 5X - e non mostra granulazione".
 

Foto di Littish Photography

Il marchio Schoonbee è quasi tutto l'anno sul mercato
La Schoonbee Landgoed ha 850 ettari di agrumi, di cui 580 attualmente in produzione. Si prevede un bilanciamento nei prossimi tre anni, e richiederà un raddoppio dell'attuale capacità di confezionamento degli agrumi di 11.000 mq. In questa stagione verranno impacchettati in totale 1,6 milioni di cartoni di agrumi (Senwes è la più grande area di produzione della Navel nel nord del Paese).

Nei mesi estivi produce uva da tavola su 380 ha. La stagione delle uve da tavola 2017/18 è stata molto buona: è stata l'unica regione di produzione del Paese ad aumentare la produzione, e per la Schoonbee Landgoed, la campagna giusta per mettere in uso il nuovo impianto da 8.000 mq per l'uva da tavola.

La stagione precedente avevano avuto 240 mm di pioggia durante la vendemmia, il che ha portato a un aumento dei problemi relativi alla qualità, ma quest'anno i problemi di qualità sono risultati trascurabili.


Foto di Littish Photography

Negli ultimi quattro anni, la Schoonbee Landgoed ha iniziato a prendere in mano la commercializzazione dei propri frutti, insieme a un numero di esportatori, a seconda delle aree di specializzazione e il risultato degli sforzi investiti. "Imballiamo per 9 o 10 mesi all'anno, quindi possiamo avere il nostro marchio sul mercato quasi tutto l'anno. La coerenza e la qualità sono ciò che ci guida" ha affermato Upton.

E' stata introdotta una gamma di marchi all'interno della Schoonbee, fra i quali il marchio Schoonbee Premium, che costituisce il punto di riferimento per le categorie uva da tavola e agrumi da esportazione. Il marchio di punta rosso e blu della Schoonbee è ancora più popolare tra la clientela base dell'azienda, a livello globale, ed è ora completato dal marchio Hello Fruit che riflette la diversità delle persone e dei frutti della Schoonbee Landgoed. Entrambi sono commercializzati sia a livello globale che nazionale.


Il portafoglio marchi della Schoonbee Landgoed (foto di Littish Photography)

Per maggiori informazioni:
Gert Upton
Schoonbee Landgoed
Tel.: +27 13 262 4000
Email: marketing@schoonbee.co.za
Web: schoonbee.co.za

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 14/05/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Spagna: Cordova raccoglie piu' agrumi del previsto
31/07/2018 Usa: operazioni di scarico della terza nave di agrumi sudafricani
31/07/2018 Limone verdello estivo: ancora sconosciuto ai piu'
30/07/2018 L'Egitto programma di piantare un milione di alberi di agrumi nelle aree urbane
30/07/2018 Spagna: gli agrumicoltori potranno scegliere la varieta' migliore con una app
27/07/2018 Trenta interpreti del Parlamento europeo 'a scuola' di agrumicoltura con il Distretto Agrumi di Sicilia
27/07/2018 Buone vendite per il limone Verdello
26/07/2018 Melograni, limoni Fino e finger lime: risorse per l’agricoltura etnea
26/07/2018 Agrumi biologici: la maggiore conservabilita' offre opportunita' ai retailer
25/07/2018 L'Europa ha fame di limoni
24/07/2018 Brasile: record nell'export di succo d'arancia
23/07/2018 Il lime sta guadagnando popolarita' e le produzioni crescono
20/07/2018 Le importazioni di limoni non riescono a soddisfare la domanda dei mercati statunitensi
20/07/2018 Spagna: vendite raddoppiate per i mandarini Orri nella campagna 2018
19/07/2018 Mandarini senza semi prodotti in modo sostenibile ed ecologico
19/07/2018 Arancia Lido: una stella nascente tra le varieta' rosse
19/07/2018 Andamento delle vendite agevole per il limone Verdello
18/07/2018 I lime sudafricani attraversano un periodo di scarsita' rispetto agli altri agrumi
17/07/2018 Investimenti per la Tristeza: al via il bando in Sicilia
17/07/2018 Sempre maggiore sostenibilita' per le produzioni agrumicole in Nord Africa

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*