Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



E in Italia? Il commento di Assosementi

USA: il genome editing approvato per il miglioramento varietale delle piante

L'avanzamento delle tecniche genetiche, con il perfezionamento del genome editing, sta comportando interessanti ricadute anche in campo agricolo. Il segretario statunitense all'agricoltura Sonny Perdue ha chiarito che, nell'ambito dei regolamenti sull'impiego di biotecnologie, l'USDA non impone alcun quadro normativo per quanto riguarda le nuove varietà ottenute mediante metodo classico di ibridazione.

Considerando che tale metodo è andato arricchendosi in anni recenti di nuovi ausili (pensiamo ad esempio ai marcatori molecolari), senza che il risultato del breeding fosse in qualche modo distinguibile da quello ottenibile mediante l'ibridazione classica stessa, anche metodi innovativi come il genome editing non necessiteranno di alcuna autorizzazione preventiva o di un set normativo specifico per poter essere impiegati.

A maggior ragione se si tiene presente che le nuove tecniche consentono di introdurre tratti genetici in maniera più rapida, precisa e potenzialmente in grado di far risparmiare anni o decenni di tentativi alla ricerca nel campo del miglioramento varietale.



Secondo il segretario Perdue: "Il nostro approccio favorisce l'innovazione laddove essa non presenta alcun rischio. Al contempo, vorrei assicurare i consumatori che non stiamo in alcun modo deregolamentando il settore. Continueremo a mantenere alta l'attenzione sulla sicurezza delle piante, valutando i prodotti impiegati dalla moderna biotecnologia. E' il ruolo che USDA ha svolto negli ultimi 30 anni e che intendiamo mantenere, mentre lavoriamo a rendere le norme adeguate agli sviluppi della tecnologia".

Il Dipartimento statunitense all'agricoltura è infatti consapevole che le innovazioni genetiche in atto apriranno scenari enormemente promettenti al fine di proteggere le coltivazioni da fenomeni climatici avversi (quali siccità o fitopatie), al contempo elevandone il valore nutrizionale e contrastando i potenziali allergeni. Solo mediante la scienza, l'agricoltura potrà rispondere alle aspettative dei consumatori per un cibo più sano, prodotto in modo più sostenibile e alla portata economica di tutti. "Tali innovazioni - ha sottolineato il segretario USDA - aiuteranno gli agricoltori a realizzare quello che tutti noi auspichiamo: fare bene il proprio lavoro per garantire cibo a chiunque".

Negli USA ci sono già diverse aziende al lavoro su semi geneticamente modificati con la tecnica del genome editing.

Il commento di Assosementi
Alla luce delle decisioni statunitensi, Assosementi - l'associazione che riunisce le aziende sementiere italiane - rivolge un appello all'Unione Europea, chiamata nei prossimi mesi a esprimersi sul quadro normativo che regolerà le New Breeding Techniques.

"Bisogna c
onsentire all'agricoltura italiana di accedere alle nuove frontiere dell'innovazione vegetale, per garantire prodotti più sani ai consumatori e maggiore competitività alle imprese agricole. Il settore sementiero italiano si augura che l'Unione Europea possa prendere una decisione analoga (a quella USDA, NdR) quando sarà chiamata a esprimere la sua posizione in merito alla classificazione di tali metodi, per non correre il rischio di perdere in competitività sui mercati internazionali, ma anche su quello comunitario. L'auspicio è che queste tecnologie, fondamentali per la crescita della nostra agricoltura, non vengano inserite nella stessa normativa che regolamenta gli OGM, poiché sarebbe una scelta ingiustificata dal punto di vista scientifico e che potrebbe disincentivare le imprese a investire nella ricerca", ha dichiarato Giuseppe Carli, Presidente di Assosementi.
 
"Chiediamo che la decisione dell'Unione Europea lasci da parte paure dettate da pregiudizi ed emotività e si basi invece su evidenze scientifiche che promuovono la ricerca e l'innovazione, punto di partenza per le produzioni all'insegna della qualità, sostenibilità e sicurezza alimentare", ha concluso Carli.

Data di pubblicazione: 16/04/2018
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/04/2018 Assosementi: l'Agricoltura 4.0 inizia dal seme
19/04/2018 Nuovo metodo per informare tempestivamente i melicoltori su quando raccogliere
18/04/2018 Linfa, una mini serra idroponica in casa
18/04/2018 L'intelligenza artificiale fa passi da gigante in agricoltura
17/04/2018 La vetrina delle innovazioni della fiera Viva Fresh: il reportage fotografico
17/04/2018 Nuovo colorimetro per frutta e verdura
16/04/2018 Piccoli frutti: una macchina italiana per pesatura e confezionamento
13/04/2018 Nuova tecnologia in post-raccolta per il trattamento degli avocado
13/04/2018 Conservazione a temperature prossime al congelamento, nuova tecnologia per le albicocche
12/04/2018 Produrre nuvole per contrastare la siccita'?
10/04/2018 Antartide: raccolta le prime verdure nell'orto sperimentale 'marziano'
09/04/2018 Scoperto ormone anti-siccita' che imprigiona l'acqua nelle piante
06/04/2018 Ikea studia il cibo del futuro e presenta cinque specialita' a base di insetti, alghe e micro verdure idroponiche
05/04/2018 I fiori di boraggine si possono conservare freschi fino a cinque giorni
04/04/2018 Analisi multiresiduale su lattuga in 15 minuti
04/04/2018 Una serra ad acqua marina per coltivare ortaggi in un mondo sempre piu' arido
03/04/2018 Istituto Italiano di Tecnologia: bioplastica dagli scarti ortofrutticoli
03/04/2018 Strumento non invasivo per controllare la maturazione della frutta tropicale
30/03/2018 Agricoltura verticale urbana: anche le pesche in futuro
29/03/2018 Le fragole 'tecnologiche' di Claudio Previatello vincono il premio Smau

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*