Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il maltempo spinge i produttori di drupacee pugliesi a investire in protezioni delle colture

Pochi sono i frutteti di nettarina precoce che abbiano una resa, quest'anno, nell'area tra San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli. "Se non ci fossero state le gelate e la neve, la campagna drupacee sarebbe iniziata nella prima settimana di maggio. Al momento abbiamo una quindicina di giorni di ritardo. Il 98% dei lotti delle varietà precoci è andato distrutto. Se invece parliamo di albicocche, dobbiamo andare a vedere lo specifico lotto; infatti ci sono zone dove ci sarà una produzione normale, altre gravemente colpite dal colpo di coda invernale con piante prive di prodotto. La campagna, in questo caso, inizierà intorno al 10 maggio". Così racconta a FreshPlaza il produttore Nicola Bollino.




"In generale, la qualità sarà eccellente e i quantitativi sono inferiori alla scorsa stagione, annata in cui le piante avevano già subito un forte stress idrico, e che quest'anno ha causato in alcuni casi una deformità dei frutti, in fase di allegagione". Mancando i volumi, inizialmente almeno si prevede un buon riscontro di prezzo. "Questa campagna andrà vissuta".



Quindici giorni fa, inoltre, si è registrata grandine per due giorni nel corso della stessa settimana e, anche se le precipitazioni non sono state violente, i produttori si stanno convincendo sempre più che la protezione delle piante sia fondamentale. "Ecco quindi che si investe in nuove strutture e reti, al fine di garantire la produzione. E' inutile coltivare 10 ettari senza proteggerli per poi perdere tutto al primo cambiamento climatico - dice Nicola - Meglio 5 ettari con strutture adeguate, che garantiscano una resa".




Oggi come oggi produrre un chilogrammo di pesche costa in media 0,37 euro. "Non si possono produrre migliaia di quintali di frutti, sperando che non succeda niente. Ormai anche solo la grandine è diventata di casa nei nostri territori".

Per quanto riguarda la sua azienda, Nicola punta a investire in reti colorate che non solo proteggono, ma migliorano la qualità dei frutti.

Data di pubblicazione: 16/04/2018
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2018 Basilicata: disponibile online la carta vocazionale del nocciolo
20/07/2018 Avocado: le differenze tra le varieta' Hass e Fuerte
20/07/2018 La stagione italiana delle uve procede senza intoppi
20/07/2018 Piante danneggiate dai topi: un fenomeno in aumento
19/07/2018 Esportazioni di uva turca aumentate di oltre l'85 per cento nel 2017
19/07/2018 Tunisia: proventi delle esportazioni di frutta in crescita del 51%
19/07/2018 Positive contrattazioni per la frutta estiva, flessione fisiologica dei listini delle pesche
19/07/2018 Inizia la raccolta di Romagna Summer, nettarina con elevati calibri e Brix
19/07/2018 Fichi, un articolo caratterizzato da alti e bassi
19/07/2018 Europa: ottima accoglienza per due nuove varieta' di mirtilli
18/07/2018 Europa nord-occidentale: il mango Kent resta il preferito, ma il Palmer guadagna terreno
18/07/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 luglio 2018
18/07/2018 Quando un telo diventa alleato della colorazione di uva da tavola Crimson
18/07/2018 Angurie a fette: meglio tenerle a temperatura controllata
18/07/2018 Ortofruit Italia apre la stagione delle pesche con una strategia tricolore
17/07/2018 Bosnia ed Erzegovina: sospiro di sollievo per i melicoltori
17/07/2018 The Greenery amplia l'assortimento di Sweet and Sunny
17/07/2018 Rese basse ma ottima qualita' per le fragole di montagna
17/07/2018 Presentazione della frutta in cassetta: suggerimenti per evitare l'autogol
17/07/2018 Nocciolo in Piemonte: dall'impianto alla coltivazione, le nuove pratiche

 

Commenti:


condivido in pieno ciò che ha scritto il Sig. Nicola Bollino, sopratutto dove invita gli altri produttori a proteggere meglio e di più le proprie piantagioni.
speriamo sia un' ottima annata sia per i produttori che per i commercianti del nostro territorio, la nostra economia si basa sul loro lavoro e quindi sul loro reddito. Se va bene il settore agricolo a cascata vanno meglio tutti gli altri settori.
LEONARDO FORNARIO, TRINITAPOLI, BAT (email) - 16/04/2018 11:45:02


Ma le reti, quanto anche colorate, proteggono dal gelo?
Giacomo, Roma, Italia (email) - 16/04/2018 08:28:53


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*