Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Per alcune varieta' calo produttivo dell'80 per cento

Sara' un'annata con poche albicocche

Le gelate di fine febbraio e di marzo 2018 hanno colpito pesantemente il settore dell'albicocco, in Emilia Romagna. Dopo un 2017 con produzione abbondante, tanto che qualche sprovveduto addirittura parlava e scriveva di "anno zero" per l'albicocco (non sapendo che questa è una specie che vive di alternanza) nel 2018 la produzione si prospetta scarsa. Molto scarsa.



"Alcune varietà sono quasi azzerate - spiega Luca Molinari, tecnico del Consorzio Agrario Adriatico - tipo Faralia e Farbaly. Hanno sofferto il freddo in maniera netta e gli agricoltori raccoglieranno ben poco. Difficile fare delle stime, ma non credo che ci si sbagli di molto se si valuta nell'80% la perdita delle varietà precoci".

Circa la Monilia, questa non ha causato particolari danni in quanto per svilupparsi occorre che vi sia non solo umidità, ma anche un minimo di temperatura. E, in questa primavera, di caldo se ne è registrato ben poco al centro nord.



"Varietà che hanno avuto meno problemi - incalza Molinari - sono Kyoto e Flopria, in quanto più tolleranti agli stress termici e più adatte a zone con sbalzi di temperatura".

Un agricoltore della provincia di Ravenna, Fabrizio Casadio, sta facendo la conta dei danni nei suoi 16 ettari di albicocco. "Per alcune varietà precoci credo che la perdita sia molto elevata. Non faccio paragoni rispetto al 2017, quando la produzione è stata perfetta dal punto di vista quantitativo, di quelle come se ne vedono di rado. Per alcune varietà come Lady Cot o Pricia la perdita è inferiore ma pur sempre importante. Ma occorre aspettare ancora fino al 10-15 maggio, quando ci sarà l'ultima cascola come per Pinkcot".



Durante le gelate di febbraio e marzo, Casadio ha acceso le ventole antibrina. "C'è chi ha detto che con queste gelate sono state inutili - conclude - però io ho verificato 1,6 °C in più rispetto agli appezzamenti senza ventole".

Data di pubblicazione: 13/04/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/04/2018 Le Canarie promuovono la coltivazione del frutto della passione
20/04/2018 USA: domanda stabile per i kiwi almeno fino alla chiusura delle scuole
20/04/2018 Guatemala: la stagione del rambutan mostra una crescita notevole
20/04/2018 Gli ananas ecuadoriani di varieta' MD2 sono arrivati in Spagna
20/04/2018 Finalmente un mercato stabile per l'avocado, anche grazie alle promozioni al dettaglio
20/04/2018 Cina: le ciliegie sotto serra hanno una marcia in piu'
20/04/2018 èSquisita! si presenta alla Milano Design Week 2018
20/04/2018 Polonia: aiuto per ritirare mele, pere, susine e pesche dal mercato
19/04/2018 Offerta continuativa di Noci Pecan Italia grazie all'azienda Sirgole
19/04/2018 Le prime pesche spagnole arrivano con un po' di ritardo
19/04/2018 Ciliegie sotto serra al nord, raccolta imminente
19/04/2018 Ispica: si spera nella campagna delle angurie
19/04/2018 Questa stagione e' stata spettacolare per i produttori di kiwi greci
19/04/2018 Cinque trucchi per far maturare l'avocado
19/04/2018 Costa Rica: vendite di ananas aumentate del 19% in quattro anni
19/04/2018 Canarie: i coltivatori di avocado esigono maggiori controlli
18/04/2018 Tre vivaisti italiani a supporto dell'agricoltura albanese
18/04/2018 Giappone: coppia di mango venduta a piu' di 3000 euro
18/04/2018 La ciliegia come frutto innovativo: nuove varieta' a disposizione
18/04/2018 Coldiretti Campania: le proposte per la rinascita della castanicoltura

 

Commenti:


I danni più elevati nella produzione di albicocche sono stati in collina (Appennino tosco-romagnolo)
Glenda, Riolo Terme, Italia (email) - 13/04/2018 07:33:53


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*