Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Per alcune varieta' calo produttivo dell'80 per cento

Sara' un'annata con poche albicocche

Le gelate di fine febbraio e di marzo 2018 hanno colpito pesantemente il settore dell'albicocco, in Emilia Romagna. Dopo un 2017 con produzione abbondante, tanto che qualche sprovveduto addirittura parlava e scriveva di "anno zero" per l'albicocco (non sapendo che questa è una specie che vive di alternanza) nel 2018 la produzione si prospetta scarsa. Molto scarsa.



"Alcune varietà sono quasi azzerate - spiega Luca Molinari, tecnico del Consorzio Agrario Adriatico - tipo Faralia e Farbaly. Hanno sofferto il freddo in maniera netta e gli agricoltori raccoglieranno ben poco. Difficile fare delle stime, ma non credo che ci si sbagli di molto se si valuta nell'80% la perdita delle varietà precoci".

Circa la Monilia, questa non ha causato particolari danni in quanto per svilupparsi occorre che vi sia non solo umidità, ma anche un minimo di temperatura. E, in questa primavera, di caldo se ne è registrato ben poco al centro nord.



"Varietà che hanno avuto meno problemi - incalza Molinari - sono Kyoto e Flopria, in quanto più tolleranti agli stress termici e più adatte a zone con sbalzi di temperatura".

Un agricoltore della provincia di Ravenna, Fabrizio Casadio, sta facendo la conta dei danni nei suoi 16 ettari di albicocco. "Per alcune varietà precoci credo che la perdita sia molto elevata. Non faccio paragoni rispetto al 2017, quando la produzione è stata perfetta dal punto di vista quantitativo, di quelle come se ne vedono di rado. Per alcune varietà come Lady Cot o Pricia la perdita è inferiore ma pur sempre importante. Ma occorre aspettare ancora fino al 10-15 maggio, quando ci sarà l'ultima cascola come per Pinkcot".



Durante le gelate di febbraio e marzo, Casadio ha acceso le ventole antibrina. "C'è chi ha detto che con queste gelate sono state inutili - conclude - però io ho verificato 1,6 °C in più rispetto agli appezzamenti senza ventole".

Data di pubblicazione: 13/04/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/07/2018 Basilicata: disponibile online la carta vocazionale del nocciolo
20/07/2018 Avocado: le differenze tra le varieta' Hass e Fuerte
20/07/2018 La stagione italiana delle uve procede senza intoppi
20/07/2018 Piante danneggiate dai topi: un fenomeno in aumento
19/07/2018 Esportazioni di uva turca aumentate di oltre l'85 per cento nel 2017
19/07/2018 Tunisia: proventi delle esportazioni di frutta in crescita del 51%
19/07/2018 Positive contrattazioni per la frutta estiva, flessione fisiologica dei listini delle pesche
19/07/2018 Inizia la raccolta di Romagna Summer, nettarina con elevati calibri e Brix
19/07/2018 Fichi, un articolo caratterizzato da alti e bassi
19/07/2018 Europa: ottima accoglienza per due nuove varieta' di mirtilli
18/07/2018 Europa nord-occidentale: il mango Kent resta il preferito, ma il Palmer guadagna terreno
18/07/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 luglio 2018
18/07/2018 Quando un telo diventa alleato della colorazione di uva da tavola Crimson
18/07/2018 Angurie a fette: meglio tenerle a temperatura controllata
18/07/2018 Ortofruit Italia apre la stagione delle pesche con una strategia tricolore
17/07/2018 Bosnia ed Erzegovina: sospiro di sollievo per i melicoltori
17/07/2018 The Greenery amplia l'assortimento di Sweet and Sunny
17/07/2018 Rese basse ma ottima qualita' per le fragole di montagna
17/07/2018 Presentazione della frutta in cassetta: suggerimenti per evitare l'autogol
17/07/2018 Nocciolo in Piemonte: dall'impianto alla coltivazione, le nuove pratiche

 

Commenti:


I danni più elevati nella produzione di albicocche sono stati in collina (Appennino tosco-romagnolo)
Glenda, Riolo Terme, Italia (email) - 13/04/2018 07:33:53


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*