Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Aglio Bianco Polesano DOP: nell'ultimo anno aumentate del +25% le superfici seminate

Ancora pochi sanno con precisione cosa sono i prodotti a marchio e qual è il loro livello di qualità - e si rischia di competere tra un marchio semplicemente commerciale e una DOP, dove magari è solamente il prezzo ad indurre la scelta di acquisto da parte del consumatore. Oggi sul mercato globale stanno cercando di imporsi prodotti a basso prezzo ma di scarsissima qualità; per questo è necessario difendere e proteggere le produzioni a marchio, il loro valore e la loro storia.

L'Aglio Bianco Polesano DOP sta cercando di promuoversi e differenziarsi dall'offerta estera non solo a livello comunicativo, ma anche sotto il profilo qualitativo, approfondendo le peculiarità nutrizionali, salutistiche e organolettiche del prodotto.

Servono più cultura e più informazione, per capire che dietro al marchio ci sono valori forti: il rispetto dell'ambiente e della biodiversità attraverso le rigide regole imposte per la produzione, ma anche il valore storico e sociale, che si tramuta anche in valore turistico, dato che tale coltura è intrinsecamente connessa con il territorio, le sue tradizioni e la sua storia.



Le superfici investite alla coltivazione di Aglio Bianco DOP stanno aumentando in modo sensibile e si stanno moltiplicando gli investimenti tecnologici da parte dei produttori e dei confezionatori: segnali di un processo di sviluppo che deve essere promosso e sostenuto.

Nell'ultimo anno - spiega Massimo Tovo, Presidente del Consorzio di Tutela Aglio Bianco Polesano DOP - i soci del consorzio, anche se il loro numero è rimasto pressoché invariato, si sono fortemente rinnovati con l'entrata di numerose nuove aziende professionali e giovani; questo ha fatto aumentare le superfici seminate DOP in questo ultimo anno con un +25%; mentre anche a livello commerciale il 2017 ha avuto un importante incremento del +20%. Dati assolutamente incoraggianti di sviluppo per tutto il comparto.

L'Aglio Bianco Polesano DOP è sinonimo di alta qualità, ricerca e innovazione dei processi produttivi, sicurezza alimentare grazie ai rigorosi controlli interni ed esterni.

Un valore che va promosso e sostenuto anche attraverso provvedimenti mirati. Come posizionare in modo corretto ed efficace sul mercato interno i prodotti a marchio, ad esempio facendo in modo che la Gdo regionale inserisca obbligatoriamente nei propri punti vendita i Dop/Igp/bio del territorio.

La storicità della produzione dell'Aglio Bianco Polesano DOP è ampiamente documentata: già nel 1833 in alcuni documenti viene citato il cosiddetto "oro bianco del Polesine" per il suo ruolo da protagonista nel comparto economico della provincia di Rovigo.

Una produzione importante per l'economia agricola della provincia di Rovigo, certificato per la sua qualità inconfondibile, garantita da un rigido disciplinare: la zona di produzione, le tecniche colturali e di raccolta, il confezionamento e l'etichettatura sono specifiche di questo prodotto e ne certificano il valore.

Si distingue per la sua forma regolare e compatta, il colore bianco lucente, il profumo delicato e l'aroma intenso, non pungente, ma molto persistente e grandi doti di serbevolezza. A renderlo speciale è il terreno alluvionale ricco di calcio, magnesio, fosforo e potassio, sono le condizioni pedoclimatiche, ma anche il fattore umano, fatto di esperienza tramandata di padre in figlio.

La DOP è ottenuta a partire da ecotipi locali nonché dalla varietà Avorio, selezionata partendo dagli stessi ecotipi. Il prodotto per la categoria "Extra" deve avere un calibro minimo di 45 mm, per la categoria "Prima" un calibro di 30 mm.

"Il nostro prodotto - spiega Massimo Tovo – è sinonimo di alta qualità data dal territorio di produzione, storicità secolare data dall'ecotipo bianco polesano, presente e futuro dato da ricerca e innovazione dei processi produttivi, sicurezza alimentare data da rigorosi controlli interni ed esterni".


Massimo Tovo, Presidente del Consorzio di Tutela Aglio Bianco Polesano DOP

L'attività dei produttori riuniti nel Consorzio di tutela Aglio Bianco Polesano DOP è costantemente rivolta a tutelare il consumatore e a incrementare il mercato, anche quello estero.

Ma soprattutto a innovare, salvaguardando il legame con il territorio d'origine. In primis il Consorzio garantisce la tracciabilità del prodotto: già dall'etichetta si vede il nome del produttore e a seguire tutti i passaggi di trasformazione e confezionamento, certificati da un ente terzo riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole a cui si è d'obbligo assoggettati.

L'Aglio Bianco Polesano DOP sarà presente alla VIII edizione della Fiera di Vita in Campagna, che si tiene a Montichiari (provincia di Brescia) e si snoda su una superficie di oltre 34.000 metri quadrati dove si abbina una mostra-mercato di sementi, piante, attrezzature, macchine e prodotti adatti alla cura di uno spazio verde a oltre 150 corsi pratici gratuiti (grazie ai 40 esperti presenti) che illustrano le tecniche di coltivazione delle piante e di allevamento degli animali, e non solo.

La Fiera comprende diversi spazi, tra cui i "Il Salone di Origine - Prodotti tipici & Territorio" dove è possibile conoscere, assaggiare e acquistare prodotti agroalimentari tipici provenienti da diverse regioni italiane. Gli chef Fic (Federazione Italiana Cuochi) terranno cooking show interattivi per presentare e far degustare ricette e piatti semplici con prodotti tipici da ogni parte d'Italia.

E' proprio qui che si trova l'Aglio Bianco Polesano DOP. "Uno spazio dove l'eccellenza del nostro territorio è protagonista assoluto – dice Massimo Tovo – e dove quindi abbiamo l'opportunità di presentare e far conoscere la qualità indiscussa del nostro prodotto".

Data di pubblicazione: 20/03/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/04/2018 Yuxellence: un unico marchio per varieta' orticole all'insegna del gusto
20/04/2018 Cresce la richiesta per i funghi Portobello bio
20/04/2018 Radicchio, crollo della produzione primaverile e dei conferimenti all'Ortomercato di Chioggia
20/04/2018 I pomodori marocchini contano per il 71% delle importazioni Ue da Paesi terzi
20/04/2018 Comincia la stagione tedesca di pomodori e peperoni
19/04/2018 Carolina Reaper: ancora una volta il peperoncino piu' piccante al mondo
19/04/2018 Cina: il marciume bianco dell'aglio si diffonde nei campi di Jianxing
19/04/2018 Italia, Spagna e Francia meridionale dominano il mercato delle insalate
18/04/2018 Le specialita' firmate Rijk Zwaan a Santa Croce Camerina (RG)
18/04/2018 Lattuga in buste aperte, la novita' della 'Fellini Patrizio'
18/04/2018 Agizza Ciro: ortocoltura da oltre 40 anni
18/04/2018 Fungicidi contro la maculatura fogliare della lattuga causata da Allophoma tropica
17/04/2018 Nuove specialita' di ortaggi nella Svizzera tedesca
16/04/2018 Tornano i fiori di zucca SIPO
16/04/2018 Il finocchio Pegaso F1 di Bejo conclude una campagna eccellente
16/04/2018 Spagna: crescita del 31% delle importazioni marocchine di frutta e verdura
16/04/2018 Tartufi marocchini esportati in Qatar e Arabia Saudita
16/04/2018 Vivai Cecere Luigi: l'attivita' sul pomodoro da industria
13/04/2018 Germania: la Sassonia produce quasi 1.400 ton di funghi
13/04/2018 Generale tendenza al ribasso per gli ortaggi di pieno campo

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*