Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Dagli incontri e' emersa una grande serieta' e organizzazione

Aldi, parlano coloro che potrebbero esserne i fornitori

La catena discount di origine tedesca Aldi sta per sbarcare in Italia e, ormai da molti mesi, i contatti con i fornitori sono serrati. Abbiamo parlato con tre di questi produttori/commercianti che si sono approcciati al retailer e abbiamo raccolto le loro impressioni.

Il primo è un lombardo che produce cipolle e che ha incontrato i responsabili ortofrutta Aldi alcuni mesi fa. "Ho colto subito un senso di grande organizzazione e precisione. Tutto è ben stabilito e nulla è lasciato al caso. Mi hanno dato circa mezz'ora per parlare dei miei prodotti e del mio approccio con la distribuzione. Hanno apprezzato che io mi mettessi in gioco senza rimanere ancorato alle mie sicurezze".


Immagine pubblicitaria di Aldi

Il produttore/commerciante spiega che il colloquio è stato cordiale e, dopo pochi giorni, ha ricevuto le credenziali per entrare nella piattaforma online per effettuare le proprie offerte. "Eravamo in ottobre e mi hanno detto di fare un'offerta per fornire cipolle dorate da gennaio ad aprile. Fare un'offerta quasi tre mesi prima è un azzardo, ma con loro si lavora così. Guardando oggi il sito, vedo che la mia offerta ha la spunta 'in trattativa', quindi formalmente non è stata respinta. Ma credo che non sarà accettata perché non era a un prezzo da discount. Il prodotto che gli darei sarebbe di qualità; verso i primi mesi dell'anno, di solito, comincia a scarseggiare. Credo che loro puntino a prezzi bassi, però garantendo di comprare tutto l'anno".



Un altro produttore, anche lui ancora in stand by, è stato particolarmente colpito da un passaggio del Codice di Condotta di Aldi. "Si trova anche sul loro sito (clicca qui per scaricarlo) e mette in chiaro che non sono ammessi regali ai dipendenti Aldi: il che è abbastanza indicativo di come giudichino il mercato italiano". Peccato che si sia data l'idea di un paese a rischio corruzione nei rapporti tra fornitori e buyer.

Un fornitore di kiwi, infine, dice la sua: "Ho fatto una gran bella impressione, almeno così mi hanno detto. Credo proprio che diventerò loro fornitore per il prodotto che rientra nelle loro referenze. Io in genere non lavoro con la Gdo, ma la serietà è sempre ben accetta".

Data di pubblicazione: 14/02/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Penny Market presenta il nuovo marchio Vicino, con 25 referenze di frutta e verdura
30/07/2018 Prima colazione: aumenta la spesa per alimenti biologici, gluten free e integrali
30/07/2018 La catena di eco-supermercati Zelionaya ulitsa si espande a San Pietroburgo
27/07/2018 UK: il gran caldo e la nazionale inglese di calcio hanno sostenuto i consumi alimentari
27/07/2018 In Messico la frutta d'importazione proposta nella Gdo e' di alta qualita'
27/07/2018 Fiducia in calo nel commercio al dettaglio
26/07/2018 Identikit del consumatore online in Spagna
26/07/2018 Conad e CPR System insieme per l'ambiente
26/07/2018 Edeka estende la marcatura laser su frutta e verdura
25/07/2018 Il fatturato della catena russa X5 Retail Group e' aumentato del 19,4 per cento
24/07/2018 Coop riduce la plastica da tutti i suoi prodotti a marchio
24/07/2018 Walmart intende vendere la catena giapponese Seiyu
24/07/2018 Retailer olandese dichiara guerra alla plastica, soprattutto quella nera
23/07/2018 Il valore del commercio di generi alimentari in Germania nel 2021
20/07/2018 Polonia: il divieto di commercio domenicale fa crescere le vendite alimentari nelle stazioni di servizio
20/07/2018 Carrefour ancora piu' biologico con l'acquisto di So.bio
19/07/2018 Drupacee italiane in offerta nei supermercati del Belpaese
18/07/2018 Ortofrutta Origine Coop: sostenibile per l'uomo e per l'ambiente
18/07/2018 Lo shopping alimentare del futuro: alcune indicazioni di massima
17/07/2018 Gruppo Selex: Alessandro Revello e' il nuovo presidente

 

Commenti:


Basta che non vi calate le braghe fornendo loro prodotti a prezzi stracciati. Le loro politiche portano allo strangolamento della filiera e chi ne paga le conseguneze è sempre il produttore.
Gennaro, ITA, ITA - 03/08/2018 20:05:28


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*