Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Aceto di mele: uno studio conferma gli effetti sulla linea

L'aceto di mele, chiamato anche aceto di sidro, è ricco di minerali, facile da digerire, depurativo, e ricco di acido acetico, sostanza che aiuterebbe a bruciare grassi. La dieta dell'aceto di mele è seguita da molte star, e sta diventando un vero e proprio trend. Ma funziona? Come con tutte le diete e gli alimenti "miracolosi" la domanda è lecita. Un nuovo studio conferma che questo condimento può aiutare mantenere la linea. Una prova scientifica che può aiutare realmente a perdere peso. Lo riporta l'Express.

Lo studio in questione è stato condotto in Giappone, presso il Central Research Institute, riporta il quotidiano britannico. Sono stati presi in esame alcuni pazienti obesi per 12 settimane in modalità doppio cieco. Ovvero, né i pazienti né gli esaminatori sapevano chi stava assumendo l'aceto di mele. I pazienti, di simile peso, indice di massa corporea e circonferenza vita, sono stati suddivisi in tre gruppi in modo random. Ogni giorno ingerivano 500 ml di una bevanda che conteneva, a seconda del gruppo, 15 ml, 30ml o 0 ml di aceto di sidro di mele.

A distanza di 12 settimane, è emerso che chi aveva assunto l'aceto risultava aver ridotto sia il peso che l'indice di massa corporea. Ma anche la circonferenza vita risultava diminuita, così come i trigliceridi nel sangue. Lo studio suggerirebbe quindi che l'aceto di mele può essere un importante coadiuvante della lotta all'obesità e di tutte le patologie ad essa collegate.

C'è però un effetto collaterale: non tutti tollerano l'assunzione di grandi quantità di aceto di mele, è infatti suggerito di cominciare con un cucchiaino al giorno. Per poi aumentare in caso di buona tollerabilità. E soprattutto l'aceto a lungo andare può danneggiare lo smalto dei denti, perché agisce come corrosivo.

Fonte: www.stile.it

Data di pubblicazione: 13/02/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Prosciutto e melone, un abbinamento fin dai tempi di Ippocrate
30/07/2018 I frutti di bosco riducono la mortalita' per malattie cardiovascolari del 40%
30/07/2018 Focolaio plurinazionale di Salmonella Agona: probabile legame con prodotti ready-to-eat contenenti cetrioli
27/07/2018 Consumare molta frutta e verdura potrebbe ridurre il rischio di cancro al seno
27/07/2018 IV gamma e sostanza organica: tutto si basa sul principio di precauzione
26/07/2018 Malattie cardiache: mangiare lamponi riduce il rischio
25/07/2018 I risultati del sondaggio Adiconsum 'E tu... cosa mangi?' rivolto ai ragazzi dai 14 ai 19 anni
25/07/2018 Stop alla sostanza organica: produttori di quarta gamma in difficolta'
24/07/2018 Gli uomini sono piu' attenti delle donne a quello che si mangia a tavola
24/07/2018 Bergamotto: dieci propirieta' curative del frutto
23/07/2018 Il potenziale allergenico delle fragole e dei pomodori dipende dalla varieta'
23/07/2018 Possibili restrizioni all'uso dei fitosanitari a base di sali di rame nella UE
23/07/2018 Stati Uniti, insalate di McDonald's contaminate: decine di casi di ciclosporiasi
20/07/2018 Distrutto carico di aglio cinese: violava gli standard di qualita'
19/07/2018 Il succo di mirtillo favorisce il drenaggio dei liquidi
18/07/2018 Greenyard si difende dalle accuse dopo la contaminazione da Listeria
18/07/2018 Sistema comunitario di allerta: 18 notifiche ortofrutticole nelle ultime due settimane
17/07/2018 Cloropicrina: oltre alla deroga serve piu' ricerca
17/07/2018 Questione cloropicrina: a rischio la fragolicoltura italiana senza deroga all'uso
16/07/2018 Osservatorio Grana Padano: poca verdura e pesce per quattro italiani su dieci

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*