Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Una nuova omologazione, di tipo europeo, per i nuovi trattori agricoli. Ma c'e' confusione

Mother Regulation: quando l'Europa detta legge ma senza criterio territoriale

L'Italia non ha le strade, e neppure l'agricoltura di Paesi Bassi, Germania o Francia. Il Mother Regulation, in vigore dal primo gennaio 2018, può essere adatto a nazioni come quelle appena citate, ma non in tutto e per tutto per la complicata realtà italiana. Si tratta di una nuova omologazione valida per i trattori nuovi e che riguarda alcuni aspetti tipo impianti frenanti, sicurezza funzionale, sterzo, ganci traino, masse massime a carico, masse rimorchiabili, dimensioni e velocità massime.



"C'è comunque molta confusione - afferma Aproniano Tassinari, presidente Uncai che raggruppa i contoterzisti - e le idee non sono ancora ben chiare. Credo che il Ministero italiano dovrebbe ottenere quanto meno una riflessione su questo regolamento. Non si tratta di una proroga, ma della sostanza. Il nord e il sud d'Europa, su tanti aspetti, non hanno nulla da spartire. E le leggi devono tener conto delle differenze".

Un esempio pratico di come il regolamento può penalizzare agricoltori e contoterzisti, come spiega il presidente, è il seguente. Con la Mother Regulation (MR) aumentano le masse massime ammissibili a pieno carico e per asse. In virtù della maggiore sicurezza garantita dai sistemi di frenatura, sterzo, sospensioni, ganci, la nuova omologazione porta la massima massa a carico da 14 a 18t per i mezzi a 2 assi, da 20 a 24t per quelli a 3 assi e a 32t per i veicoli a 4 assi.



"In caso di accoppiata rimorchio e trattore - dice Tassinari - le maggiori masse a carico consentite valgono solo se entrambi i mezzi sono omologati secondo le nuove norme. Quindi, se uno dei due non è MR, perché vecchio oppure perché si tratta di un rimorchio nuovo ma con omologazione nazionale e non europea, i limiti di massa sono quelli inferiori, perciò l'operatore non può sfruttare appieno le potenzialità per cui ha acquistato il mezzo".

Data di pubblicazione: 30/01/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/06/2018 Sipcam-Oxon acquisisce il 100% della svizzera Sofbey SA
19/06/2018 I cambiamenti climatici all'attenzione della politica italiana
19/06/2018 Bilancio UE, Ministro Centinaio: contrari ai tagli alla PAC
19/06/2018 Polonia: la febbre calcistica e i sani snack ortofrutticoli
19/06/2018 Alimentare: pronto metodo comune UE per test doppia qualita'
19/06/2018 Guatemala: colture non danneggiate dall'eruzione del vulcano
19/06/2018 AlgaEnergy rafforza la sua presenza in Italia con l'aggiunta di Giuseppe Castellani come Country Manager
19/06/2018 Mipaaf: pubblicato il nuovo regolamento sull'agricoltura biologica
19/06/2018 Saim Service e la tecnologia per la detannizzazione del kaki
18/06/2018 La Cina e' un mercato estremamente stimolante
18/06/2018 La FAO in dieci Paesi insegna a come adattarsi al cambiamento climatico
18/06/2018 La carruba siciliana: analisi e prospettive per la valorizzazione agro-industriale
18/06/2018 Con roll-in, raccogliere non e' mai stato cosi' semplice
18/06/2018 Idromeccanica Lucchini: primi 5 mesi del 2018 ancora in crescita
15/06/2018 Sottoscritto Protocollo d'Intesa tra Italia Ortofrutta e Crea
15/06/2018 FAO: nel mondo 108 milioni di bambini lavorano in agricoltura
15/06/2018 Confagricoltura: UE, nel 2017 l'Italia si conferma prima per Valore Aggiunto
15/06/2018 Apofruit: cresce del 10% il fatturato 2017
15/06/2018 Fruitimprese: i dati sul commercio estero ortofrutticolo italiano nel primo trimestre 2018
15/06/2018 Lavoro nero e caporalato: i risultati dei controlli in agricoltura

 

Commenti:


Il fatto della confusione è profondamente vero come è vero che la confusione deriva dalla mancanza di risposta dai nostri politici. La legge 167 è datata 2013, sono passati 5 anni ma non abbiamo ancora strutturato in modo adeguato il nostro sistema. Molti agricoltori vanno già in giro per il territorio nazionale con 40 / 50 metri cubi di materiali pesanti con macchine omologate a 20 tonnellate. Vorrebbero circolare nel pieno della regola, ma questo dipende dal legislatore. In altri paesi europei la MR era già di casa. Se parli a un tedesco di MR non sa che cosa vuol dire perché era la normalità. Per i 60 km/h basta avere mezzi sicuri, autisti sicuri e strade sicure. Dipende sempre e comunque dal legislatore. Quando si approva una legge di questo tipo bisognerebbe cambiare il Codice Stradale, da noi non succede. Gli agricoltori sono gente per bene che fanno bene il loro lavoro ma questa differenza tra i nostri e quelli degli altri paesi europei deve finire. E dipende da chi votiamo.
Paulo de Oliveira, Montese, Italia - 14/06/2018 10:11:07


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*