Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



SpirulinaK: alga pura al 100% tra i cibi funzionali

"Ci occupiamo di ricerca e produzione di micro alghe, in particolare produciamo SpirulinaK naturale, pura al 100% e certificata biologica. Produciamo, inoltre, in collaborazione con realtà artigianali, cibi funzionali a base di Spirulina come la pasta e la birra. Vogliamo diversificare l'offerta; pertanto stiamo per mettere sul mercato altri cibi funzionali a base di spirulina".


Danila Chiapperini, Project Manager co-founder ApuliaKundi presso l'ateneo romano Luiss in occasione della consegna del premio "Non Sprecare", attribuito per la categoria aziende.

"Distribuiamo i nostri prodotti trasformati a marchio ApuliaKundi  - che di fatto è una start up pugliese nata nel 2016 - a seguito di un lungo percorso di studio e ricerca". A dichiararlo a FreshPlaza è Danila Chiapperini Project Manager co-founder di ApuliaKundi insieme a Raffaele Settanni, Leo Lo Cicero e Mara Zacchino.

La Spirulina è l'alimento vegetale più completo e nutriente: per questo è stata definita un superfood. Contiene tre volte le proteine della carne (fino al 65% in più); è ricca di vitamine, sali minerali, antiossidanti, Omega 3 e Omega 6. Contiene 45 volte il ferro degli spinaci, 35 volte il betacarotene delle carote e 9 volte il calcio del latte. Assumere spirulina fa bene, perché è un potente antiossidante, favorisce l'azione depurativa del fegato e dei reni, protegge il sistema nervoso, mantiene il giusto livello di zuccheri nel sangue, l'elasticità cutanea e la salute di capelli, unghie e occhi; protegge l'organismo dall'insorgenza di patologie, rafforza il sistema immunitario, aumenta la resistenza fisica e lo sviluppo muscolare. Favorisce la concentrazione e fortifica l'organismo.


Mara Zacchino, responsabile per la qualità e la sicurezza dell'alimentazione, Raffaele Settanni, amministratore e fondatore della start-up. Leo Lo Cicero, responsabile di produzione e Danila Chiapperini, project manager e fondatrice del marchio.

"Il nostro percorso è iniziato nel 2010 – sottolinea Danila - grazie a un'idea nata in terra africana, in un villaggio in Malawi e si è nutrito dell'impegno e dell'esperienza del team di ricerca esperto nel settore delle biotecnologie per la qualità e la sicurezza dell'alimentazione e nel monitoraggio ambientale, del trattamento delle acque e nello stoccaggio e smaltimento rifiuti nonché in quello commerciale".

"Nel 2012 abbiamo vinto un bando della Regione Puglia che promuoveva giovani idee per una Puglia migliore. Così abbiamo avviato un impianto di ricerca sperimentale in collaborazione con l'Università degli Studi di Bari, fondando un'Associazione di ricerca e divulgazione scientifica tutt'oggi attiva".



"Di lì a poco abbiamo partecipato ad altri bandi nazionali, che ci hanno permesso di passare a una fase di accelerazione imprenditoriale. Pertanto nel 2015 abbiamo trasformato quello che era un impianto pilota in una start up di ricerca nell'ambito delle micro alghe e produzione di Spirulina, precisamente a Bitetto, in provincia di Bari".

"La spirulina non è autoctona nel nostro paese: per questa ragione coltiviamo la micro alga in serra, per trattenere naturalmente il calore nei mesi più caldi oltre che per proteggere le coltivazioni da eventuali possibili contaminazioni aeree. La produzione di Spirulina non è estensiva, pertanto non sottrae terreno fertile alla produzione di cibo, poiché la coltivazione avviene in vasche poste su pavimento e ubicate in serra".



"Non produciamo nei mesi invernali, poiché le temperature sono molto basse e la produzione di Spirulina richiederebbe energia per riscaldare le vasche di coltivazione. Sarebbe, perciò, un controsenso dato il basso impatto ambientale della coltivazione della microalga. Le alte temperature di quest'anno ci hanno permesso di produrre bene, dalla primavera fino a novembre. Nei mesi molto freddi manteniamo il ceppo algale, per poi ripartire con la produzione nella primavera successiva".

Lo stabilimento comprende una serra di produzione della Spirulina e di ricerca di altre micro alghe e un laboratorio di monitoraggio della coltura algale e di essiccazione della stessa nonché confezionamento. Il processo di produzione è del tutto sostenibile e naturale: non vengono utilizzati erbicidi né pesticidi.

Coltivare Spirulina ha un basso impatto ambientale e offre più nutrimento per unità agricola di terra di qualsiasi altro cibo; non causa inquinamento, né erosione del terreno, contaminazione di acqua o distruzione forestale.

Richiede molta meno acqua ed energia per kg di proteine di qualsiasi altro cibo; usa 1/3 dell'acqua impiegata dalla soia, 1/6 di quella del grano, 1/50 dell'acqua necessaria per le proteine del manzo.

Il principio etico cui si ispira ApuliaKundi è che la sostenibilità è molto legata alle abitudini alimentari: pertanto ciascuno di noi ha grande responsabilità nelle scelte che compie come consumatore. "Quello che mettiamo nei nostri piatti, è il risultato di una catena di produzione con enormi ricadute sulla nostra salute, sull'economia e sull'ambiente stesso. Per tali ragioni è necessario un cambiamento nella cultura alimentare della popolazione mondiale che preveda diete più salutari e sostenibili per il pianeta".

"Siamo in continua espansione e c'è sempre più richiesta di Spirulina italiana e pura. Al momento siamo presenti sul mercato inglese e i risultati ottenuti commercialmente fino a oggi sono molto interessanti. Siamo cresciuti del 400% in termini di fatturato rispetto all'anno scorso. In Italia siamo presenti in circa 70 punti vendita".



Progetti in itinere? "Ampliare la produzione per soddisfare la richiesta in forte aumento del prodotto; promuovere la ricerca e lo sviluppo di ulteriori prodotti funzionali a base di SpirulinaK e potenziare la rete vendita e l'internazionalizzazione".

"Produciamo SpirulinaK in forma di stick e non tablet, capsule o compresse per differenziare il prodotto dalla spirulina che si trova sul mercato per la maggior parte di provenienza extra europea".

"I nostri canali di vendita sono: farmacie, erboristerie, parafarmacie, negozi di prodotti biologici e negozi dedicati all'alimentazione vegana e vegetariana. Non siamo presenti nella Gdo tradizionale, ma in catene come Eataly. Inoltre abbiamo il canale di vendita diretta e-commerce attraverso il nostro sito www.apuliakundi.it/shop/".



Il modello di business di ApuliaKundi è incentrato su una produzione green. L'algacoltura, oggi, rappresenta un'attività strategica anche per il suo basso impatto ambientale considerato che l'agricoltura, così come gli allevamenti intensivi, rappresentano oggi la maggiore fonte di consumo di risorse e di inquinamento. Coltivare Spirulina contribuisce all'abbattimento dei gas serra: per ogni Kg di alga secca prodotta vengono catturati 2Kg di Co2 dall'ambiente.



"La FAO - conclude Danila - nel 2007 ha definito la Spirulina il cibo del futuro sia per le proprietà nutrizionali che per il basso impatto ambientale, con riduzione degli sprechi, perché viene prodotta in un ciclo di riutilizzo dell'acqua che permette di creare filiere eco-sostenibili.  In ultimo, considerato che li trend dei vegani e vegetariani è in forte crescita, la spirulina offre loro un'alternativa, in particolare, alle proteine vegetali e agli amminoacidi essenziali e B12".

Contatti:
ApuliaKundi Srl

Via Fiume, 29
70025 Grumo Appula (BA) - Italy
Cell.: (+39) 347 1799226
Email: info@apuliakundi.it
Web: www.apuliakundi.it

Data di pubblicazione: 22/01/2018
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 La Corea del Sud nazione piu' innovativa del mondo per il quinto anno consecutivo
31/07/2018 Cile primo paese americano a vietare i sacchetti di plastica
31/07/2018 Con nuove tecnologie Idromeccanica Lucchini sbarca all'estero
30/07/2018 Ricercatori americani testano nanocristalli per prevenire i danni da gelo nei frutti
27/07/2018 Innovativo impianto idroponico a basso impatto ambientale: inaugurazione del progetto in Toscana
27/07/2018 Dropcopter pubblica i risultati relativi all'impollinazione con droni
26/07/2018 Progetto SoilVeg: presentati i risultati
26/07/2018 Grado di maturazione degli avocado: uno strumento lo misura
25/07/2018 Progetto B-SMART: carote e barbabietole per costruire edifici piu' solidi
24/07/2018 Sviluppare sistemi autonomi per la raccolta dei piccoli frutti
23/07/2018 La tecnologia promette di calcolare la conservabilita' reale di un prodotto ortofrutticolo
20/07/2018 Un nuovo imballaggio totalmente riciclabile conquistera' il settore ortofrutticolo
16/07/2018 Sviluppato protocollo per stampare tessuto vegetale in 3D
13/07/2018 Estratti vegetali e ipoclorito di sodio fungicidi promettenti per l'orticoltura biologica
13/07/2018 Una penna per testare la maturazione del durian
12/07/2018 La stampa 3D degli alimenti porra' fine allo spreco di cibo?
12/07/2018 Bag Fresco Senso, la novita' 2018 per anguria e melone ready to eat
12/07/2018 Raccoglitore robotizzato per angurie
11/07/2018 Linee complete di confezionamento per il segmento degli ortaggi snack
10/07/2018 Il robot Sweeper raccoglie i primi peperoni in tempo reale. Guarda il video!

 

Commenti:


Buongiorno,

Abbiamo in Francia e all'estero delle reltà di agricultura e sviluppo varietale.
Incuriositi dalla sua eccellente iniziativa

gradirei un contatto per i prodotti bio.

Cordiali saluti
Bruno Volonteri
+33670767587
Bruno Volonteri, Paris, Francia - 22/01/2018 09:44:00


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*