Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Mercato stabile per le pere nonostante i raccolti ridotti

Secondo il rapporto del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), il raccolto globale di pere sarà un po' più alto nella stagione 2017/18 rispetto agli anni precedenti, con 25,1 milioni di ton. Gli sviluppi positivi nella coltivazione cinese compensano le perdite in altre parti del mondo. L'export resta stabile secondo le previsioni a 1,7 milioni di ton. Anche qui la Cina riesce a compensare le perdite subite in Argentina. Nonostante la crescente produzione il commercio si mantiene stabile. Il consumo segue la tendenza della produzione, aumentando a 22,4 milioni di ton.

Cina
Al centro e nella zona occidentale del paese il raccolto è stato un po' più alto e ciò ha permesso di compensare le perdite causate dal caldo e dalla siccità registrate nella zona orientale del Paese. In totale il raccolto cinese ammonta a 18 milioni di ton. L'export è diminuito fino a 480mila ton. I prezzi più alti generati dalla qualità migliore secondo le previsioni potrebbero scoraggiare i commercianti asiatici più attenti.

UE
Nelle stime il volume delle pere UE si mantiene stabile a 2,3 milioni di ton. Il raccolto migliore da Italia, Spagna e Grecia compensa le perdite dei paesi del Nord Europa. In materia di esportazioni la richiesta maggiore dal Brasile compensa la fornitura minore diretta in Bielorussia, per cui l'export si mantiene stabile a 309mila ton. L'import resta stabile a 207mila ton grazie a una produzione più stabile e al raccolto più basso in arrivo dal Sudafrica.



Russia
Con una riduzione del 20% il raccolto ammonta a 189mila ton. L'import si è mantenuto praticamente lo stesso a 255mila ton a causa della maggiore fornitura dall'Argentina e dalla Turchia che è andata a compensare la fornitura minore dalla Bielorussia.

Stati Uniti
Una resa più piccola a Washington, importante stato USA produttore di pere, è risultata in un raccolto più piccolo, con 640mila ton. La fornitura più bassa metterà un po' sotto pressione le esportazioni, riducendole a 120mila ton. L'import al contrario aumenterà di 7.000 ton fino a 80.000 ton. È soprattutto la fornitura da Cina e Corea del Sud ad essere più alta.

Argentina
Il settore si è ripreso e il raccolto è stato maggiore di 70.000 ton, per un totale di 600mila ton. Grazie alle buone condizioni di coltivazione la resa è aumentata. Allo stesso tempo, il settore si concentra sempre di più perché i piccoli coltivatori vendono le piantagioni a grandi aziende, esportatori e sviluppatori terrieri e la tendenza al ribasso continua. Il volume più grande non risulta direttamente in esportazioni maggiori, che comunque sono un po' superiori rispetto all'anno precedente, con 280mila ton, soprattutto a causa di una richiesta maggiore da Brasile e Russia.

Cile
Con un leggero incremento di 6.000 ton, la produzione cilena di pere di quest'anno ammonterà a 296mila ton. Secondo le aspettative l'export dovrebbe restare al passo e aumentare di 5.000 ton fino a 155mila. A causa del volume maggiore le esportazioni in Europa aumenteranno.

Sudafrica

La siccità e una superficie coltivata più piccola hanno prodotto un raccolto ridotto di 27.000 ton. Secondo le aspettative il volume di pere raccolte ammonterà a 405mila ton. Tuttavia, la situazione delle esportazioni non sarà influenzata e l'export dovrebbe ammontare a 250mila ton.

Clicca qui per leggere il rapporto USDA completo.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 08/01/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/01/2018 Opportunita' di export per i mango del Kenya
17/01/2018 Georgia: le esportazioni di kiwi si concentrano su Europa e Giappone
17/01/2018 Mancano le mele e i prezzi salgono. I pugliesi optano per la seconda scelta o il prodotto estero
17/01/2018 Mela Ambrosia: programmazione dell'ultima parte della stagione, vendite dinamiche
16/01/2018 IPS: anche l'Emisfero Sud produce le Carmingo
16/01/2018 Cina: il marchio e' l’unica strada da intraprendere per le pere di Hebei
16/01/2018 Germania: meno colpiti dalla perdita di mele i produttori del nord
16/01/2018 I mirtilli vanno forte in Europa dell'Est
16/01/2018 Trovato gene per la resistenza alla ticchiolatura in Malus floribunda
16/01/2018 I lamponi della Basilicata a marchio Happy Berry in vendita sui mercati italiani
15/01/2018 Cina: problemi nelle vendite delle ciliegie importate nel 2018
15/01/2018 Mele RubyFrost: produzione piu' che raddoppiata rispetto all'anno scorso
15/01/2018 Il destoccaggio di mele Modì e' al 60 per cento delle scorte
15/01/2018 Le scorte di mele diminuiscono rapidamente
12/01/2018 Le castagne cinesi si preparano a prendere d'assalto il mercato europeo
12/01/2018 Tunisia: le esportazioni di frutta sono aumentate del 38 per cento nel 2017
12/01/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 gennaio 2018
12/01/2018 Polonia: il clima mite frena la richiesta di mele
11/01/2018 Sempre piu' produttori coinvolti nelle decisioni sul confezionamento della frutta
11/01/2018 Punto di svolta per la tecnologia a laser applicata all'ortofrutta

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*