Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Francia: la produzione di carote continua a diminuire

La produzione francese di carote già da un po' di tempo sta registrando un calo. L'anno scorso la superficie coltivata totale era di appena 13.000 ettari, mentre nel 2000 ammontava a 17.000 ha. "Molte verdure invernali sono state a lungo sotto pressione. Le carote sono state un'eccezione per un po', ma ora non è più così". A dichiararlo Yannick Chevray di Bejo, secondo il quale il futuro riserva un ulteriorecalo. "Nel migliore dei casi la produzione di questa verdura resterà stabile".

"In Francia le carote sono una tipica verdura invernale. Vengono cotte a vapore, in padella e usate nelle zuppe - ha spiegato Yannick - Spesso vengono messe insieme ai piselli nei menù". Quest'ortaggio è ancora molto apprezzato in Francia, ma oggigiorno le persone consumano meno frutta e verdura. Ecco perché Bejo ha cominciato a promuovere le carote nell'industria alimentare. "L'anno scorso, per esempio, abbiamo organizzato un'esposizione per il settore alimentare. So che questa è una cosa insolita da farsi per una società sementiera, ma credo che aiuterà Bejo a ottenere una quota di mercato maggiore".

La superficie totale coltivata a carote si sta gradualmente riducendo, ma la richiesta di carote biologiche in realtà sta aumentando rapidamente. Attualmente le biologiche rappresentano il 4% della produzione francese di carote. Bejo è considerato un leader sul mercato in questo segmento in crescita. Il 20% circa del fatturato aziendale in Francia deriva dal settore bio. Si tratta di una quota grande, a cui si avvicina solo quella della Germania.



Carote delle varietà più grandi
Negli ultimi anni anche i prezzi delle carote sono diminuiti. Ciò è stato dovuto al declino nel consumo fresco. La richiesta di carote da parte del settore della trasformazione potrebbe essere in aumento, ma ciò non si traduce in quotazioni soddisfacenti. Yannick stima che il rapporto tra la quota di mercato, del consumo fresco e quella del settore di trasformazione è del 50/50. Questo si riflette nella scelta di coltivare le carote.

"E' più probabile che i produttori scelgano varietà ad alta resa. Recentemente mi è capitato di aprire un container di carote e piselli solo per trovare carote già tagliate a pezzi. In passato in Francia venivano sempre usate a tale scopo le piccole carote Amsterdam. Ora viene preferita la varietà più grande Naval, che poi viene tagliata a cubetti". Yannick ammette che hanno comunque un buon sapore. "Questo perché qui utilizzano le carote baby a tale scopo. I politici francesi vogliono dare la colpa alle importazioni per i pessimi prezzi". Il direttore di Bejo non è d'accordo. Egli ha analizzato i dati di mercato e ha scoperto che l'equilibrio import-export non era meno favorevole. Le quotazioni basse, secondo lui, sono dovute principalmente a un calo nel consumo.

Stoccaggio sul campo
"Il metodo francese di produzione e raccolta delle carote è lo stesso di altri Paesi. Tuttavia, c'è una differenza notevole nei metodi di stoccaggio - ha dichiarato Yannick - I produttori stoccano le carote nei campi d'inverno. Questo procedimento è diverso rispetto ad altre nazioni nordeuropee". Nel dipartimento francese delle Landes, nella Francia sud-occidentale, questa forma di stoccaggio è molto comune. Lì le temperature non scendono mai al di sotto dello zero. La coltivazione delle carote si concentra nella Francia settentrionale (al terzo posto c'è la Normandia).

Secondo Yannick, "si tratta di una zona molto interessante". Negli ultimi anni alcuni agricoltori francesi hanno dato illegalmente in leasing terreni ai produttori belgi. "Il leasing di terreni ad agricoltori stranieri non è permesso in Francia, ma ci sono delle norme che lo regolano. Ad esempio, il contratto d'affitto deve avere una durata di almeno nove anni e bisogna ottenere un permesso ufficiale per il leasing. Abbiamo notato che alcune società straniere aggiravano queste norme. Ciò ha reso difficile ottenere una panoramica realistica della produzione francese di carote. Ora, tuttavia, i francesi stanno nuovamente organizzando la produzione da soli e stanno investendo nella trasformazione di questo prodotto, costruendo un nuovo impianto con una capacità di 10.000-15.000 ton l'anno".

Spazio a sufficienza
Secondo Yannick in Francia c'è spazio per incrementare la coltivazione delle carote. "La nazione è abbastanza grande. C'è stato una transizione dall'area occidente a quella meridionale. Tuttavia, le infrastrutture delle industrie di trasformazione limitano le opportunità di coltivare carote in regioni meno tradizionali". Ciononostante, esiste una chiara necessità di un suolo di qualità.

"La qualità delle carote prodotte nella zona sud-occidentale sta peggiorando perché non avviene una rotazione delle colture. Una rotazione tipica in questa zona è mais-carote/mais-carote e così via. Dal momento che l'utilizzo di agrofarmaci viene ugualmente limitato sempre di più, la necessità di nuovi terreni sta aumentando".

Per maggiori informazioni:
Bejo Zaden
Trambaan 1
1749 CZ Warmenhuizen
Tel.: +31 (0)226 39 61 62
Fax: +31 (0)226 39 35 04
Web: www.bejo.nl

Fonte: Bejo Wortelmagazine

Data di pubblicazione: 10/01/2018



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2018 Aromatiche nella Piana di Albenga: 14 referenze in 11 possibili packaging
22/06/2018 Orticole di stagione: offerta superiore alla domanda in pieno campo, equilibrio per il prodotto da serra
22/06/2018 Fresh Guru raddoppia: 22 ettari di serra dedicati al pomodoro
21/06/2018 Ravanelli nel bicchiere, lo snack pratico e colorato
21/06/2018 Pomodoro da mensa, i prezzi sono troppo bassi
21/06/2018 La Viola di Polignano: conclusione di una campagna molto positiva
20/06/2018 Stagione tedesca degli asparagi 2018: temperature record, rese elevate e prezzi medi bassi
20/06/2018 Nuove varieta' di pomodoro per un mercato sempre piu' esigente
20/06/2018 Pomodoro San Marzano: nuova ricerca per studiarne le proprieta'
20/06/2018 Creativita' senza confini nel pomodoro: Unigen Seeds propone un cambio di paradigma
19/06/2018 Il Pomodoro giallo del Cilento ha la sua Comunita'
19/06/2018 Europa: comincia la stagione della carota novella
19/06/2018 Nasce iLcamone, quello vero: un marchio unico di Syngenta a tutela dell'originale
19/06/2018 Al via la raccolta dell'aglio rosso di Sulmona
19/06/2018 Datterino Miele, un alleato di gusto per le produzioni invernali
18/06/2018 Il cancro batterico del pomodoro
18/06/2018 E' mania per la Coppa del Mondo: verdure tedesche con un look ad hoc per l'occasione
18/06/2018 Di Meo Remo amplia le superfici con obiettivo produzione di erbe aromatiche 100% bio
15/06/2018 Lattughe e pomodori da pieno campo: buona la richiesta
15/06/2018 Certificazione BRC per l'azienda di germogli Vivo

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*