Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Prezzi di liquidazione per la frutta estiva: la tristezza di un agricoltore

Listini di liquidazione frutta: per qualcuno la delusione è stata forte. Prima di Natale abbiamo ricevuto il messaggio di un agricoltore romagnolo, che ha visto la liquidazione dalla cooperativa cui conferisce la produzione. E, nel caso specifico, per le albicocche è stato un pianto.

Inquadriamo la situazione: l'agricoltore non è più giovanissimo e ha varietà della sua epoca: Reale Precoce, Vitillo, più altre come Orange Rubis e Carmen. I prezzi liquidati sono stati davvero deludenti. Tenendo in considerazione solo la prima scelta, le albicocche sono state pagate 0,23 euro/kg. Ed era prima scelta. Poco meglio per la Vitillo, 0,29 euro/kg, e 0,32 per la Orange Rubis. Crollato a 0,21 il prezzo pagato all'agricoltore per la Carmen di prima qualità. In genere, per le albicocche, la prima scelta viene pagata anche 1 euro/kg all'agricoltore.

Un segnale emerge chiaro: le vecchie varietà sono le più penalizzate. E' vero anche che, con i tempi che corrono, gli agricoltori cercano di mantenere in vita gli impianti più a lungo possibile, perché soldi per fare nuovi investimenti non ce ne sono molti. "Non credo sia dignitosa una liquidazione del genere - afferma l'agricoltore - in quanto non si copre minimamente quanto ho speso per produrre. Capisco che le quantità sui mercati nazionali ed esteri erano elevate, ma non è giusto che sia sempre e solo l'agricoltore a rimetterci. La prima scelta deve essere valorizzata nel modo giusto; non può finire nel calderone con tutto il resto".



L'annata appena trascorsa è stata caratterizzata dalla siccità, che ha compromesso il calibro della frutta. In genere, si è persa una misura, a volte anche di più. E sui mercati i prezzi migliori li spuntano i frutti di pezzatura maggiore. Ma non sempre è vero: infatti dal listino che l'agricoltore ci ha mostrato si nota come le albicocche 50-55 hanno ottenuto liquidazioni sempre insoddisfacenti.

Le cose non sono andate meglio per pesche e nettarine. In taluni casi si sono avute anche buone quotazioni, ma solo per chi coltiva con tecniche che permettono di ottenere grossi calibri.

Data di pubblicazione: 03/01/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/01/2018 Opportunita' di export per i mango del Kenya
17/01/2018 Georgia: le esportazioni di kiwi si concentrano su Europa e Giappone
17/01/2018 Mancano le mele e i prezzi salgono. I pugliesi optano per la seconda scelta o il prodotto estero
17/01/2018 Mela Ambrosia: programmazione dell'ultima parte della stagione, vendite dinamiche
16/01/2018 IPS: anche l'Emisfero Sud produce le Carmingo
16/01/2018 Cina: il marchio e' l’unica strada da intraprendere per le pere di Hebei
16/01/2018 Germania: meno colpiti dalla perdita di mele i produttori del nord
16/01/2018 I mirtilli vanno forte in Europa dell'Est
16/01/2018 Trovato gene per la resistenza alla ticchiolatura in Malus floribunda
16/01/2018 I lamponi della Basilicata a marchio Happy Berry in vendita sui mercati italiani
15/01/2018 Cina: problemi nelle vendite delle ciliegie importate nel 2018
15/01/2018 Mele RubyFrost: produzione piu' che raddoppiata rispetto all'anno scorso
15/01/2018 Il destoccaggio di mele Modì e' al 60 per cento delle scorte
15/01/2018 Le scorte di mele diminuiscono rapidamente
12/01/2018 Le castagne cinesi si preparano a prendere d'assalto il mercato europeo
12/01/2018 Tunisia: le esportazioni di frutta sono aumentate del 38 per cento nel 2017
12/01/2018 Giacenze di mele nella regione Trentino-Alto Adige al 1 gennaio 2018
12/01/2018 Polonia: il clima mite frena la richiesta di mele
11/01/2018 Sempre piu' produttori coinvolti nelle decisioni sul confezionamento della frutta
11/01/2018 Punto di svolta per la tecnologia a laser applicata all'ortofrutta

 

Commenti:


Buongiorno,non ho idea se la cooperativa sia da considerarsi grande distribuzione o meno,ma a questi prezzi sono capace anch'io di vendere frutta e verdura a 1€ al KG.Questo è quello che ci aspetta se si continua a pensare che loro siano l'unico canale per poter vendere i prodotti. E' inutile munirsi di macchinari sempre più sofisticati e costosi, per poi mettere le mani dietro ed aspettare l'elemosina. Io sono un piccolo floricoltore e questanno la mia produzione di stelle di natale, durata 6 mesi, fatta con tanto amore,passione e impegno, dovrò buttala,perché le piante le hanno vendute i supermercati a prezzi inesistenti (molto meno che all'ingrosso) altro che sottocosto e concorrenza sleale.Sarei curioso di sapere, se chi ha fornito loro le piante, sarà pagato. Adesso devo trovare i soldi per vivere ,dare da mangiare a figli e moglie ,pagare le rate dei mutui, i contributi, il gasolio e tutto il resto che ben conosciamo.Auguri a tutti di Buon Anno Massimo Cupertori
massimo cupertori, cassano valcuvia (varese), italia (email) - 06/01/2018 11:34:12


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*