Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Prezzi di liquidazione per la frutta estiva: la tristezza di un agricoltore

Listini di liquidazione frutta: per qualcuno la delusione è stata forte. Prima di Natale abbiamo ricevuto il messaggio di un agricoltore romagnolo, che ha visto la liquidazione dalla cooperativa cui conferisce la produzione. E, nel caso specifico, per le albicocche è stato un pianto.

Inquadriamo la situazione: l'agricoltore non è più giovanissimo e ha varietà della sua epoca: Reale Precoce, Vitillo, più altre come Orange Rubis e Carmen. I prezzi liquidati sono stati davvero deludenti. Tenendo in considerazione solo la prima scelta, le albicocche sono state pagate 0,23 euro/kg. Ed era prima scelta. Poco meglio per la Vitillo, 0,29 euro/kg, e 0,32 per la Orange Rubis. Crollato a 0,21 il prezzo pagato all'agricoltore per la Carmen di prima qualità. In genere, per le albicocche, la prima scelta viene pagata anche 1 euro/kg all'agricoltore.

Un segnale emerge chiaro: le vecchie varietà sono le più penalizzate. E' vero anche che, con i tempi che corrono, gli agricoltori cercano di mantenere in vita gli impianti più a lungo possibile, perché soldi per fare nuovi investimenti non ce ne sono molti. "Non credo sia dignitosa una liquidazione del genere - afferma l'agricoltore - in quanto non si copre minimamente quanto ho speso per produrre. Capisco che le quantità sui mercati nazionali ed esteri erano elevate, ma non è giusto che sia sempre e solo l'agricoltore a rimetterci. La prima scelta deve essere valorizzata nel modo giusto; non può finire nel calderone con tutto il resto".



L'annata appena trascorsa è stata caratterizzata dalla siccità, che ha compromesso il calibro della frutta. In genere, si è persa una misura, a volte anche di più. E sui mercati i prezzi migliori li spuntano i frutti di pezzatura maggiore. Ma non sempre è vero: infatti dal listino che l'agricoltore ci ha mostrato si nota come le albicocche 50-55 hanno ottenuto liquidazioni sempre insoddisfacenti.

Le cose non sono andate meglio per pesche e nettarine. In taluni casi si sono avute anche buone quotazioni, ma solo per chi coltiva con tecniche che permettono di ottenere grossi calibri.

Data di pubblicazione: 03/01/2018
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/06/2018 Sudafrica: calibri e qualità eccellenti per le coltivazioni di avocado
22/06/2018 Ancora vietate le esportazioni di mele cinesi verso l'India
22/06/2018 Prezzi stabili e ancora mele disponibili per i produttori polacchi
22/06/2018 La Cina autorizza condizioni migliori per l'export del kiwi italiano
22/06/2018 Dal Sudafrica alla Puglia per una visita nel cuore della produzione di uva da tavola
22/06/2018 Generale flessione dei listini per le drupacee, buona domanda per l'uva da tavola
22/06/2018 Fragole Val Martello: dalla montagna con piu' sapore
21/06/2018 Spagna: i furti di meloni si possono denunciare via WhatsApp
21/06/2018 Nuova Zelanda: due produttori di kiwi ricevono riconoscimento per la coltivazione sostenibile
21/06/2018 Chi si ama si premia con Zespri!
21/06/2018 L'Europa dovrebbe rivolgersi alla Croazia per l'approvigionamento di frutti esotici
21/06/2018 UniBo: le ciliegie Alma Mater a favore delle associazioni di volontariato
21/06/2018 Vendite a rilento per gli ananas sul libero mercato
21/06/2018 AOP Luce: una campagna albicocche deludente, ottimismo sulle varieta' medio-tardive
21/06/2018 Uve egiziane: la resa di quest'anno e' piuttosto limitata
21/06/2018 Fragole al nord, un'annata in rimessa netta
20/06/2018 Una stagione positiva per le ciliegie durone della Valle del Chiampo
20/06/2018 'Speriamo che il bel tempo e i Mondiali di calcio diano una spinta ai consumi'
20/06/2018 Egitto: giornata in campo ARRA™, operatori interessati alle varieta' precoci
20/06/2018 In Nuova Zelanda superati tutti i record, i prezzi dell'avocado raggiungono il massimo storico

 

Commenti:


Buongiorno,non ho idea se la cooperativa sia da considerarsi grande distribuzione o meno,ma a questi prezzi sono capace anch'io di vendere frutta e verdura a 1€ al KG.Questo è quello che ci aspetta se si continua a pensare che loro siano l'unico canale per poter vendere i prodotti. E' inutile munirsi di macchinari sempre più sofisticati e costosi, per poi mettere le mani dietro ed aspettare l'elemosina. Io sono un piccolo floricoltore e questanno la mia produzione di stelle di natale, durata 6 mesi, fatta con tanto amore,passione e impegno, dovrò buttala,perché le piante le hanno vendute i supermercati a prezzi inesistenti (molto meno che all'ingrosso) altro che sottocosto e concorrenza sleale.Sarei curioso di sapere, se chi ha fornito loro le piante, sarà pagato. Adesso devo trovare i soldi per vivere ,dare da mangiare a figli e moglie ,pagare le rate dei mutui, i contributi, il gasolio e tutto il resto che ben conosciamo.Auguri a tutti di Buon Anno Massimo Cupertori
massimo cupertori, cassano valcuvia (varese), italia (email) - 06/01/2018 11:34:12


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*