Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ampio assortimento ortofrutticolo

Italfrutta Di Manno lancia il nuovo marchio aziendale

"Il 2017 è stato un anno importante per noi, perché dopo trent'anni di attività abbiamo lanciato con il nome di famiglia (Di Manno) un nuovo marchio che commercializzerà un'ampia varietà di frutta della nostra azienda sia in Italia che all'estero".



"Il prodotto di punta che caratterizza dal 1984 la nostra storia è il kiwi, con oltre 1.500 tonnellate di produzione nostra – di cui 700 tonnellate riguardano solo i volumi che esportiamo ogni anno in vari Paesi del mondo - mentre 5.500 ulteriori ton in conferimento da produttori terzi ci consentono di assicurare una fornitura di prodotto continua, garantendo ai nostri clienti il massimo della qualità e professionalità". E' quanto dichiara a FreshPlaza Daniele di Manno, responsabile commerciale di Italfrutta di Manno Srl.



L'azienda, ubicata a Fondi (LT), è leader nella commercializzazione di un'ampia gamma di prodotti ortofrutticoli ben posizionati nei mercati nazionali e internazionali, tra cui susine, ananas, banane, uva, ortaggi siciliani di prima qualità, mele, pere, arance, limoni, pomelo,
 pompelmo, angurie, ciliegie, meloni, pesche, nettarine,
 albicocche.

L'azienda è gestita oggi dai tre fondatori, i fratelli Primo, Secondo e Salvatore Di Manno e dai loro figli: un team di giovani che, facendo tesoro dell'esperienza dei padri, hanno saputo apportare notevoli miglioramenti, modernizzando processi e metodologie di lavorazione. Tutto ciò anche grazie a un'attenta attività di ricerca e sviluppo di strategie innovative nonché all'adozione di strumentazioni all'avanguardia.



La commercializzazione del kiwi italiano inizia a ottobre con la varietà precoce Early Green che dura fino a metà novembre; successivamente si passa alla varietà Hayward, di cui solitamente si garantisce la fornitura fino al maggio dell'anno successivo.

"A causa delle gelate di aprile proprio nel periodo in cui la pianta era in fiore - sottolinea Daniele - la campagna kiwi presenta quest'anno un calo delle produzioni quantificabile nell'ordine del 25-30%. I frutti sono di pezzatura inferiore alla media rispetto alla campagna 2016, con calibri medi di 80/90 grammi a frutto rispetto ai 100 grammi dell'anno precedente".

"I prezzi sono più alti, come accade sempre quando c'è carenza di prodotto, e si aggirano, a seconda dei calibri, mediamente intorno a 1,50 euro al Kg. Benché il nostro prodotto sia top quality, a incidere sulle quotazioni interferisce anche la concorrenza proveniente da Grecia, Turchia e Iran".

"Confidiamo che, nonostante il calo produttivo, riusciremo a soddisfare le richieste dei nostri clienti fidelizzati e arrivare con i volumi disponibili sino al 31 maggio, data in cui chiudiamo la campagna del kiwi italiano per partire con la merce d'importazione proveniente soprattutto da Cile e Argentina. A seguire, commercializziamo tutto l'anno banane e ananas provenienti da Costa Rica".



Negli anni l'azienda si è affermata come una realtà tra le più solide nel panorama nazionale, distinguendosi per la qualità dei prodotti offerti e l'efficienza del servizio. Forti del legame con il territorio e dell'attenta organizzazione che caratterizza il modus operandi dell'azienda, l'impresa attualmente conta 60 dipendenti con un fatturato che cresce a doppia cifra e che ha raggiunto quota 58 milioni di euro.




L'azienda possiede la Certificazione GlobalGAP (Good Agricultural Practice) e dispone di macchinari e attrezzature all'avanguardia che consentono lo stoccaggio, la lavorazione e la conservazione in aree idonee, estremamente funzionali. Negli ampi stabilimenti (di cui 8000 mq adibiti alla commercializzazione e 6000 mq alla lavorazione dei frutti), l'azienda si avvale di particolari impianti frigoriferi di nuova generazione per garantire congrui quantitativi di merce in pronta consegna.



"La punta di diamante delle tecnologie recentemente acquistate è invece la linea adibita alla lavorazione e confezionamento dei kiwi: un impianto d'avanguardia che ci permette di soddisfare le molteplici e particolari richieste della nostra affezionata clientela.
 La freschezza, la qualità dei prodotti e la tracciabilità di filiera è garantita da una fitta rete di conferitori locali che consentono l'immissione della merce sul mercato in tempi molto brevi. Certamente siamo avvantaggiati della posizione strategica che ci permette di reperire i prodotti e distribuirli in tutta Italia nell'arco di 12-24 ore".





"I mercati di riferimento - conclude l'imprenditore - sono per il 10% quello interno e, a seguire, i mercati esteri con il 90% del fatturato così distribuito: Europa, Giordania, Egitto, Australia, USA, Nuova Zelanda, Hong Kong, Argentina, Brasile".

Tra i progetti futuri, l'ampliamento delle produzioni sia di kiwi che di susine che attualmente si aggirano nell'ordine delle 10mila ton/anno.

Contatti:
Italfrutta Di Manno S.r.l.

Via Diversivo Acquachiara Km.1,900
04022 Fondi (LT) - Italy
Tel.: (+39) 0771 512721
Cell.: (+39) 333 2808970
Email: info@italfruttadimanno.it
Web: www.dimannofruit.com

Data di pubblicazione: 06/12/2017
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2018 Cagliari: agrumi, melograni, meli cotogni e fichi nel frutteto condiviso
24/05/2018 Romania: ritardo nell'arrivo delle ciliegie locali
24/05/2018 Meloni: buona domanda, fornitura limitata e prezzi alle stelle
24/05/2018 Inutile avere una buona varieta' se il portinnesto non e' quello giusto
24/05/2018 La situazione del kiwi italiano a fine maggio
24/05/2018 Sudafrica: raccolto di cachi simile all'anno scorso
24/05/2018 Le uve Sunny Rose arrivano sul mercato
23/05/2018 Nuove forme di allevamento per il ciliegio. Ottimi risultati dal Bi-asse
23/05/2018 Francia: calibri piccoli, ma ciliegie di alta qualita'
23/05/2018 Spagna: quest'anno ci sara' una carenza di susine
23/05/2018 Esotici in Italia: il caso McGarlet
23/05/2018 Esotici in Italia: il caso Spreafico
23/05/2018 Drupacee spagnole sul mercato italiano: nessun pregiudizio se c'e' la qualita'
23/05/2018 Fragole biologiche: ancora 25 giorni di campagna per Red Season
23/05/2018 Domanda crescente per avocado e agrumi coltivati a Creta
22/05/2018 Dillo con un bouquet di frutta
22/05/2018 Esportazioni di mele, l'ambiente ostile non riesce a demotivare i produttori
22/05/2018 Israele e' un mercato esclusivo per gli ananas della Repubblica Dominicana
22/05/2018 Inizio ufficiale per la campagna 2018 dell'Uva da Tavola di Mazzarrone Igp
22/05/2018 Compatibilita' dell'innesto tra cultivar di albicocco e diversi portainnesti di susino

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*