Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Ampio assortimento ortofrutticolo

Italfrutta Di Manno lancia il nuovo marchio aziendale

"Il 2017 è stato un anno importante per noi, perché dopo trent'anni di attività abbiamo lanciato con il nome di famiglia (Di Manno) un nuovo marchio che commercializzerà un'ampia varietà di frutta della nostra azienda sia in Italia che all'estero".



"Il prodotto di punta che caratterizza dal 1984 la nostra storia è il kiwi, con oltre 1.500 tonnellate di produzione nostra – di cui 700 tonnellate riguardano solo i volumi che esportiamo ogni anno in vari Paesi del mondo - mentre 5.500 ulteriori ton in conferimento da produttori terzi ci consentono di assicurare una fornitura di prodotto continua, garantendo ai nostri clienti il massimo della qualità e professionalità". E' quanto dichiara a FreshPlaza Daniele di Manno, responsabile commerciale di Italfrutta di Manno Srl.



L'azienda, ubicata a Fondi (LT), è leader nella commercializzazione di un'ampia gamma di prodotti ortofrutticoli ben posizionati nei mercati nazionali e internazionali, tra cui susine, ananas, banane, uva, ortaggi siciliani di prima qualità, mele, pere, arance, limoni, pomelo,
 pompelmo, angurie, ciliegie, meloni, pesche, nettarine,
 albicocche.

L'azienda è gestita oggi dai tre fondatori, i fratelli Primo, Secondo e Salvatore Di Manno e dai loro figli: un team di giovani che, facendo tesoro dell'esperienza dei padri, hanno saputo apportare notevoli miglioramenti, modernizzando processi e metodologie di lavorazione. Tutto ciò anche grazie a un'attenta attività di ricerca e sviluppo di strategie innovative nonché all'adozione di strumentazioni all'avanguardia.



La commercializzazione del kiwi italiano inizia a ottobre con la varietà precoce Early Green che dura fino a metà novembre; successivamente si passa alla varietà Hayward, di cui solitamente si garantisce la fornitura fino al maggio dell'anno successivo.

"A causa delle gelate di aprile proprio nel periodo in cui la pianta era in fiore - sottolinea Daniele - la campagna kiwi presenta quest'anno un calo delle produzioni quantificabile nell'ordine del 25-30%. I frutti sono di pezzatura inferiore alla media rispetto alla campagna 2016, con calibri medi di 80/90 grammi a frutto rispetto ai 100 grammi dell'anno precedente".

"I prezzi sono più alti, come accade sempre quando c'è carenza di prodotto, e si aggirano, a seconda dei calibri, mediamente intorno a 1,50 euro al Kg. Benché il nostro prodotto sia top quality, a incidere sulle quotazioni interferisce anche la concorrenza proveniente da Grecia, Turchia e Iran".

"Confidiamo che, nonostante il calo produttivo, riusciremo a soddisfare le richieste dei nostri clienti fidelizzati e arrivare con i volumi disponibili sino al 31 maggio, data in cui chiudiamo la campagna del kiwi italiano per partire con la merce d'importazione proveniente soprattutto da Cile e Argentina. A seguire, commercializziamo tutto l'anno banane e ananas provenienti da Costa Rica".



Negli anni l'azienda si è affermata come una realtà tra le più solide nel panorama nazionale, distinguendosi per la qualità dei prodotti offerti e l'efficienza del servizio. Forti del legame con il territorio e dell'attenta organizzazione che caratterizza il modus operandi dell'azienda, l'impresa attualmente conta 60 dipendenti con un fatturato che cresce a doppia cifra e che ha raggiunto quota 58 milioni di euro.




L'azienda possiede la Certificazione GlobalGAP (Good Agricultural Practice) e dispone di macchinari e attrezzature all'avanguardia che consentono lo stoccaggio, la lavorazione e la conservazione in aree idonee, estremamente funzionali. Negli ampi stabilimenti (di cui 8000 mq adibiti alla commercializzazione e 6000 mq alla lavorazione dei frutti), l'azienda si avvale di particolari impianti frigoriferi di nuova generazione per garantire congrui quantitativi di merce in pronta consegna.



"La punta di diamante delle tecnologie recentemente acquistate è invece la linea adibita alla lavorazione e confezionamento dei kiwi: un impianto d'avanguardia che ci permette di soddisfare le molteplici e particolari richieste della nostra affezionata clientela.
 La freschezza, la qualità dei prodotti e la tracciabilità di filiera è garantita da una fitta rete di conferitori locali che consentono l'immissione della merce sul mercato in tempi molto brevi. Certamente siamo avvantaggiati della posizione strategica che ci permette di reperire i prodotti e distribuirli in tutta Italia nell'arco di 12-24 ore".





"I mercati di riferimento - conclude l'imprenditore - sono per il 10% quello interno e, a seguire, i mercati esteri con il 90% del fatturato così distribuito: Europa, Giordania, Egitto, Australia, USA, Nuova Zelanda, Hong Kong, Argentina, Brasile".

Tra i progetti futuri, l'ampliamento delle produzioni sia di kiwi che di susine che attualmente si aggirano nell'ordine delle 10mila ton/anno.

Contatti:
Italfrutta Di Manno S.r.l.

Via Diversivo Acquachiara Km.1,900
04022 Fondi (LT) - Italy
Tel.: (+39) 0771 512721
Cell.: (+39) 333 2808970
Email: info@italfruttadimanno.it
Web: www.dimannofruit.com

Data di pubblicazione: 06/12/2017
Autore: Concetta Di Lunardo
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

11/12/2017 Mela Val Venosta: la qualita' e' anche sui social
11/12/2017 Nocciola Piemonte: a Cravanzana (CN) si e' parlato di cimice asiatica e qualita' del prodotto
11/12/2017 Il gelo influenza volumi e prezzi delle mele
11/12/2017 Presentata la gamma melone per il 2018 di Enza Zaden
11/12/2017 Cile: Vitroplant protagonista all'8° Simposio Internazionale del Noce
11/12/2017 Per Coferasta nuova Linea Premium con imballaggio speciale
11/12/2017 Kiwi: importanti flussi in importazione in Italia dalla Grecia
11/12/2017 Egitto: fragole di ottima qualita' e a prezzi elevati
11/12/2017 Cina: kiwi di Chengdu esportati con successo in Europa
07/12/2017 Situazione disastrosa per i kaki di Valencia a causa delle gelate notturne
07/12/2017 Fragole italiane per una fornitura 12 mesi l'anno
07/12/2017 Valencia: kaki danneggiati dal gelo e produzioni agrumicole in anticipo
07/12/2017 Fertilizzante con nanoparticelle di calcio per diminuire cracking su melagrana
07/12/2017 Grecia: notevole aumento dell'esportazione di kiwi in Italia
07/12/2017 Azienda francese vince i diritti esclusivi a livello mondiale sulla varieta' di mela Juliet
07/12/2017 Cina: la produzione di pere Crown di Hebei cala del 30-50% per via della maculatura bruna
06/12/2017 Bulgaria: produzione 2017 di drupacee leggermente in aumento nonostante le avversita' meteorologiche
06/12/2017 A rischio il commercio di kiwi italiani in Australia
06/12/2017 In Belgio pere piu' piccole ma anche piu' dolci a causa del gelo
06/12/2017 Cina: le mele di Aksu toccano i cuori dei consumatori

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*