Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Danimarca: la prima casa fatta con gli scarti agricoli

Una casa ecologica realizzata con scarti agricoli. Accade in Danimarca, dove è stata creata la prima abitazione totalmente green. Da tempo studiosi ed esperti stanno tentando di rendere le case sempre più sostenibili, grazie al riciclo e all'utilizzo di fonti di energia rinnovabili. Un'azienda danese però ha fatto di più creando una struttura sostenibile al 100%. Lo studio Een Til Een ha infatti inaugurato la prima casa biologica del mondo creata utilizzando i rifiuti agricoli trasformati in materiali da costruzione ed edili. In questo modo l'abitazione risulta totalmente green e ad impatto zero.

La casa ecologica è stata creata per ecopark BIOTOPE di Middelfart e per costruirla sono stati usati degli scarti agricoli riciclati, come paglia, alghe ed erba che, come per magia, sono diventati dei materiali da costruzione. Per il rivestimento della struttura, gli architetti hanno scelto la tecnologia Kebony. Si tratta di un legname che viene ricoperto con una miscela formata da alcol furfurilico (estratto dai rifiuti agricoli) che dona stabilità e durata al legno quando viene riscaldato.



Il progetto è davvero innovativo e ha già ottenuto diversi sostegni economici da parte dello stato, soprattutto grazie al Fondo per la costruzione ecologica del Ministero dell'Ambiente danese. La casa ecologica infatti fa parte di un piano più ampio lanciato dalla Danimarca per rendere il paese più ecologico.

"Il risultato è che più di 800.000 persone potranno beneficiare di pasti sani e biologici serviti ogni giorno in mense, ospedali e scuole materne – ha spiegato il governo parlando dell'idea di una nazione ecologica al 100% -. Vogliamo aumentare il livello di consapevolezza che i bambini e i giovani hanno riguardo il cibo biologico e attraverso la riforma scolastica in corso stiamo migliorando la conoscenza dell'agricoltura biologica con l'insegnamento nelle ore di scienze e attraverso corsi dedicati al cibo. Vogliamo anche avviare un dialogo con i comitati consultivi per la formazione agricola per rafforzare la loro attenzione per la produzione biologica".

Fonte: https://quifinanza.it/

Data di pubblicazione: 07/12/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

16/02/2018 Si amplia la gamma di frutti che beneficiano delle tecnologie intelligenti del gruppo Unitec
15/02/2018 Pomodori italiani in inverno, ora e' possibile grazie a C-LED
15/02/2018 Spagna: nuove specialita' di pomodori
14/02/2018 Svizzera: la nuova pera FRED
13/02/2018 Bioplastica dai carciofi, ecco il prototipo
13/02/2018 Kiwi snack pelato e cubettato da consumare al volo. Guarda il video!
13/02/2018 L'innovazione in agrumicoltura paga: Oranfrizer premiata da Mark & Spencer
12/02/2018 Mano robotica raccoglie i piccoli frutti facilmente
12/02/2018 Lo snack di frutta Pook Coconut Chips si aggiudica il FLIA 2018
05/02/2018 The new life of fruits and vegetables: con il progetto sulle bioplastiche alla conquista degli investitori a Berlino
02/02/2018 La nuova varieta' di limoni Summer Prim consentira' di estendere la campagna dei limoni Fino
01/02/2018 Analisi polveri delle sementi conciate: un nuovo brevetto
31/01/2018 Spagna: Mandanova, la nuova varieta' di mandarino senza semi
29/01/2018 Ama, robot per l'agricoltura del futuro
26/01/2018 Droni in volo nel campus FEM per un'agricoltura di precisione e innovativa
25/01/2018 Red Moon: la mela a polpa rossa diventa il nuovo superfood
25/01/2018 Idromeccanica Lucchini, innovazione su tutti i fronti
24/01/2018 Wasabi Giftbox: un doppio prodotto di nicchia
22/01/2018 Blumen: svelato il genoma del finocchio
22/01/2018 SpirulinaK: alga pura al 100% tra i cibi funzionali

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*