Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il commento di un agronomo pugliese

Ciliegie sugli alberi a dicembre? Colpa del clima e di pratiche agricole errate

Secondo quanto riportato da repubblica.it, basato su una nota della Coldiretti Bari, al primo dicembre 2017 in Puglia, più precisamente a Conversano (BA), si vedono ciliegie sugli alberi.

Il clima bizzarro, anche quest'anno, riserverebbe sorprese agli agricoltori pugliesi. "Non siamo nuovi a maturazione precoce dei prodotti agricoli come mandorli e peschi in fiore a febbraio, mimose già pronte a dicembre e a gennaio, maturazione contemporanea degli ortaggi in autunno e brusche variazioni climatiche con ingenti danni in campagna" ha sottolineato Angelo Corsetti, delegato confederale.

Per la Coldiretti "sono disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori, i quali perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie  nuove semine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante".

Interpellato da FreshPlaza, l'agronomo pugliese Michele Amodio però commenta: "Non è il primo anno che accade e spesso si tratta più di una scarsa conoscenza di ciò che si produce che non di un problema esclusivamente legato al clima. E' ovvio che veniamo da un'estate 2017 davvero siccitosa, con temperature di 40-45 °C, e molti agricoltori non hanno continuato a somministrare acqua alle piante, le quali sono andate in stress idrico. All'avvento delle prime piogge, hanno ripreso la loro vegetazione, compromettendo la produzione dell'anno a venire". L'agronomo sottolinea pertanto che non si possa dare la colpa al solo andamento climatico.

"Si tratta di un processo fisiologico - continua Amodio - Dopo la raccolta di giugno, i ceraseti sono stati irrigati di rado, e con le prime piogge e le temperature ancora troppo elevate per il periodo (solo ora si stanno abbassando, ma fino a 15-10 giorni era molto caldo, conferma il tecnico, ndr), le piante sono andate in fioritura, e in taluni casi hanno fruttificato".

Data di pubblicazione: 05/12/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Applicazioni che migliorano il colore dell'uva da tavola rossa Red Globe
31/07/2018 Credit Agricole sostiene le aziende del 'Progetto Nocciola Italia' di Ferrero
31/07/2018 Per i coltivatori il marchio Fine Fleur significa valore aggiunto
31/07/2018 Cominciano le esportazioni dal centro di imballaggio Desert Fruit
31/07/2018 Pronto a essere introdotto sul mercato l'imballaggio singolo per ananas
31/07/2018 Uve da tavola biologiche, un mercato in espansione
31/07/2018 Il bel tempo richiede una gestione di alto livello dei ribes rossi
31/07/2018 La Spagna prevede un raccolto di kaki notevolmente inferiore
31/07/2018 Crescono i pistacchieti in Sicilia: una coltura per la quale non si conosce crisi
31/07/2018 Nuovo packaging per l'uva Cotton Candy, in arrivo questa settimana
31/07/2018 Racemus: success story di una delle filiere principali della Puglia, l'uva da tavola
30/07/2018 Kiwi Zespri SunGold, il compagno perfetto per le tue vacanze
30/07/2018 Pesche e Nettarine di Romagna IGP: le regine dell'estate protagoniste alla notte del cibo
30/07/2018 Confagricoltura Cuneo: primi segnali incoraggianti dalla raccolta delle pesche
30/07/2018 Raccolta anticipata di uva Crimson a piena colorazione grazie a buone tecniche e coperture
30/07/2018 I produttori spagnoli di kaki prevedono un prezzo al chilo raddoppiato
30/07/2018 Scarso entusiasmo per la prossima stagione delle pomacee
30/07/2018 Portinnesto Fox 9, alta produttivita' anche su ristoppio
30/07/2018 La pesca di Verona cerca la sua strada verso la tavola dei consumatori
30/07/2018 E' partita in anticipo la stagione del ficodindia di San Cono (CT)

 

Commenti:


Complimenti all'Agronomo Amodio. Spiegazione da manuale. D'atra parte, la produzione di limoni fuori epoca denominata "forzatura" è stata messa a punto da agrumicultori italiani da tempo immemore. Ed è basata appunto da stress idrico prolungato.
Anche molte tecniche di interruzione o salto di dormienza si basano su queste conoscenze fisiologiche.

Luca Corelli Grappadelli, Bologna, Italia - 05/12/2017 09:36:32


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*