Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il commento di un agronomo pugliese

Ciliegie sugli alberi a dicembre? Colpa del clima e di pratiche agricole errate

Secondo quanto riportato da repubblica.it, basato su una nota della Coldiretti Bari, al primo dicembre 2017 in Puglia, più precisamente a Conversano (BA), si vedono ciliegie sugli alberi.

Il clima bizzarro, anche quest'anno, riserverebbe sorprese agli agricoltori pugliesi. "Non siamo nuovi a maturazione precoce dei prodotti agricoli come mandorli e peschi in fiore a febbraio, mimose già pronte a dicembre e a gennaio, maturazione contemporanea degli ortaggi in autunno e brusche variazioni climatiche con ingenti danni in campagna" ha sottolineato Angelo Corsetti, delegato confederale.

Per la Coldiretti "sono disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori, i quali perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie  nuove semine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante".

Interpellato da FreshPlaza, l'agronomo pugliese Michele Amodio però commenta: "Non è il primo anno che accade e spesso si tratta più di una scarsa conoscenza di ciò che si produce che non di un problema esclusivamente legato al clima. E' ovvio che veniamo da un'estate 2017 davvero siccitosa, con temperature di 40-45 °C, e molti agricoltori non hanno continuato a somministrare acqua alle piante, le quali sono andate in stress idrico. All'avvento delle prime piogge, hanno ripreso la loro vegetazione, compromettendo la produzione dell'anno a venire". L'agronomo sottolinea pertanto che non si possa dare la colpa al solo andamento climatico.

"Si tratta di un processo fisiologico - continua Amodio - Dopo la raccolta di giugno, i ceraseti sono stati irrigati di rado, e con le prime piogge e le temperature ancora troppo elevate per il periodo (solo ora si stanno abbassando, ma fino a 15-10 giorni era molto caldo, conferma il tecnico, ndr), le piante sono andate in fioritura, e in taluni casi hanno fruttificato".

Data di pubblicazione: 05/12/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/02/2018 Accordo tra Intesa Sanpaolo e Loacker per per sostenere la filiera della produzione di nocciole italiane
22/02/2018 Stagione ottima per i melicoltori polacchi
22/02/2018 USA: i melicoltori piantano piu' ettari di mele EverCrisp
22/02/2018 Kiwi al Sud Italia: un'opportunita' in continua espansione
22/02/2018 La stagione spagnola dell’avocado finira' un mese prima con prezzi molto alti
22/02/2018 Ai kiwi neozelandesi di grosso calibro, seguono quelli piccoli italiani
21/02/2018 Pink Lady fa il pienone al Fruit Logistica
21/02/2018 Record per i prezzi delle mele spagnole
21/02/2018 Report annuale 2017 sull'import/export di mele cinesi
21/02/2018 Guide tascabili Dole per (ri)scoprire tutto il meglio della frutta e come e' facile mangiarla
21/02/2018 Una stagione anomala per l'avocado verde
21/02/2018 Coprire i ciliegi ormai e' una priorita'
21/02/2018 Per ogni zona climatica, la varieta' di mirtillo piu' adatta
21/02/2018 Salvi Vivai: fragole sane e buone tutto l'anno
21/02/2018 Slanzi Gamper: mele altoatesine di qualita' in tutto il mondo
21/02/2018 I BBMIX Ventura tornano in tv, radio e web con una nuova campagna pubblicitaria
21/02/2018 Orchidea Frutta amplia la gamma varietale dell'uva da tavola
20/02/2018 Mercato sorprendentemente buono per le susine cilene; la stagione dell'uva e' incerta
20/02/2018 Campania: in ritardo la maturazione delle fragole
20/02/2018 Cina: in arrivo le prime susine australiane

 

Commenti:


Complimenti all'Agronomo Amodio. Spiegazione da manuale. D'atra parte, la produzione di limoni fuori epoca denominata "forzatura" è stata messa a punto da agrumicultori italiani da tempo immemore. Ed è basata appunto da stress idrico prolungato.
Anche molte tecniche di interruzione o salto di dormienza si basano su queste conoscenze fisiologiche.

Luca Corelli Grappadelli, Bologna, Italia - 05/12/2017 09:36:32


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*