Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il commento di un agronomo pugliese

Ciliegie sugli alberi a dicembre? Colpa del clima e di pratiche agricole errate

Secondo quanto riportato da repubblica.it, basato su una nota della Coldiretti Bari, al primo dicembre 2017 in Puglia, più precisamente a Conversano (BA), si vedono ciliegie sugli alberi.

Il clima bizzarro, anche quest'anno, riserverebbe sorprese agli agricoltori pugliesi. "Non siamo nuovi a maturazione precoce dei prodotti agricoli come mandorli e peschi in fiore a febbraio, mimose già pronte a dicembre e a gennaio, maturazione contemporanea degli ortaggi in autunno e brusche variazioni climatiche con ingenti danni in campagna" ha sottolineato Angelo Corsetti, delegato confederale.

Per la Coldiretti "sono disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori, i quali perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie  nuove semine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante".

Interpellato da FreshPlaza, l'agronomo pugliese Michele Amodio però commenta: "Non è il primo anno che accade e spesso si tratta più di una scarsa conoscenza di ciò che si produce che non di un problema esclusivamente legato al clima. E' ovvio che veniamo da un'estate 2017 davvero siccitosa, con temperature di 40-45 °C, e molti agricoltori non hanno continuato a somministrare acqua alle piante, le quali sono andate in stress idrico. All'avvento delle prime piogge, hanno ripreso la loro vegetazione, compromettendo la produzione dell'anno a venire". L'agronomo sottolinea pertanto che non si possa dare la colpa al solo andamento climatico.

"Si tratta di un processo fisiologico - continua Amodio - Dopo la raccolta di giugno, i ceraseti sono stati irrigati di rado, e con le prime piogge e le temperature ancora troppo elevate per il periodo (solo ora si stanno abbassando, ma fino a 15-10 giorni era molto caldo, conferma il tecnico, ndr), le piante sono andate in fioritura, e in taluni casi hanno fruttificato".

Data di pubblicazione: 05/12/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

11/12/2017 Mela Val Venosta: la qualita' e' anche sui social
11/12/2017 Nocciola Piemonte: a Cravanzana (CN) si e' parlato di cimice asiatica e qualita' del prodotto
11/12/2017 Il gelo influenza volumi e prezzi delle mele
11/12/2017 Presentata la gamma melone per il 2018 di Enza Zaden
11/12/2017 Cile: Vitroplant protagonista all'8° Simposio Internazionale del Noce
11/12/2017 Per Coferasta nuova Linea Premium con imballaggio speciale
11/12/2017 Kiwi: importanti flussi in importazione in Italia dalla Grecia
11/12/2017 Egitto: fragole di ottima qualita' e a prezzi elevati
11/12/2017 Cina: kiwi di Chengdu esportati con successo in Europa
07/12/2017 Situazione disastrosa per i kaki di Valencia a causa delle gelate notturne
07/12/2017 Fragole italiane per una fornitura 12 mesi l'anno
07/12/2017 Valencia: kaki danneggiati dal gelo e produzioni agrumicole in anticipo
07/12/2017 Fertilizzante con nanoparticelle di calcio per diminuire cracking su melagrana
07/12/2017 Grecia: notevole aumento dell'esportazione di kiwi in Italia
07/12/2017 Azienda francese vince i diritti esclusivi a livello mondiale sulla varieta' di mela Juliet
07/12/2017 Cina: la produzione di pere Crown di Hebei cala del 30-50% per via della maculatura bruna
06/12/2017 Bulgaria: produzione 2017 di drupacee leggermente in aumento nonostante le avversita' meteorologiche
06/12/2017 A rischio il commercio di kiwi italiani in Australia
06/12/2017 Italfrutta Di Manno lancia il nuovo marchio aziendale
06/12/2017 In Belgio pere piu' piccole ma anche piu' dolci a causa del gelo

 

Commenti:


Complimenti all'Agronomo Amodio. Spiegazione da manuale. D'atra parte, la produzione di limoni fuori epoca denominata "forzatura" è stata messa a punto da agrumicultori italiani da tempo immemore. Ed è basata appunto da stress idrico prolungato.
Anche molte tecniche di interruzione o salto di dormienza si basano su queste conoscenze fisiologiche.

Luca Corelli Grappadelli, Bologna, Italia - 05/12/2017 09:36:32


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*