Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Fru-Italy diventa JoinFruit: un'OP che parte dal nome come simbolo di una svolta

In un'epoca storica in cui il settore ortofrutticolo italiano deve sempre più scommettere sull'aggregazione, arriva dal Piemonte un esempio virtuoso: un'Organizzazione di Produttori che nel giro di breve tempo passa da una base sociale di 80 membri a ben 120 soci e che da 3 magazzini giunge a coordinarne 5. L'abbiamo conosciuta finora come Fru-Italy, ma proprio nella giornata di ieri, 20 novembre 2017, ha assunto un nuovo nome: JoinFruit.

La sua missione, racchiusa nel pay-off "L'unione fa la frutta", si fonda sulla consapevolezza che la collaborazione fa la differenza, permettendo agli associati di presentarsi sul mercato come operatori solidi e organizzati, aumentando la propria credibilità sui mercati internazionali.

Proprio all'estero si sviluppa il grosso del fatturato (oltre 50 mln di euro previsti) di questa realtà consortile. Bruno Sacchi, direttore di JoinFruit, spiega: "Vendiamo direttamente a distributori e Gdo in Italia e nell'area UE. Inoltre, forniamo direttamente frutta a importatori in Medio Oriente, Far East, India e Sudamerica, che costituiscono tutti mercati di punta per noi".


I 5 magazzini della compagine, con le relative certificazioni possedute

JoinFruit rappresenta oltre 1700 ettari distribuiti tra Piemonte, Lazio e Calabria. L'offerta comprende mele (35mila ton), kiwi (20mila ton), pesche e nettarine (15mila ton), susine (10mila ton), oltre a mille ton di pere Nashi e 300 ton di mirtilli, per oltre 80mila ton di prodotto ritirato.

Amministratori della OP sono Eraldo Barale e Michele Ponso, nomi storici nel panorama frutticolo piemontese.

Sacchi: "La decisione di una nuova immagine aziendale è stata presa perché ritenuta la scelta più efficace per metter in luce la strada intrapresa finora dalla nostra OP. Infatti, la nostra organizzazione sta raccogliendo i frutti del progetto iniziato a gennaio 2016; abbiamo pertanto ritenuto necessario pensare a questo step per portare l'azienda ad una dimensione nuova, che da realtà con base locale si sta trasformando in organizzazione di riferimento su scala nazionale. Un passaggio che necessitava un cambio di prospettiva da parte nostra e di una maggiore consapevolezza all'esterno. In questo senso, cambiare ragione sociale e creare un nuovo logo ci sembrava il modo più diretto per comunicare la maturità raggiunta dalla nostra organizzazione".

Il segreto di un successo così rapido? Il direttore non ha dubbi: "Pensiamo che sia giusto cercare di imparare dai più bravi. Una buona concorrenza rende tutti più forti".

Contatti:
JOINFRUIT Soc. Cons. a.r.l.

Organizzazione Produttori Ortofrutticoli
Via Al Castello 13
12039 Verzuolo (CN) – IT
Tel: +39 0175 230807
Fax: +39 0175 239781
Email: info@joinfruit.com
Web: www.joinfruit.com

Data di pubblicazione: 21/11/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Prove tecniche di collaborazione tra diversi areali frutticoli italiani
31/07/2018 Nel cambio generazionale si trasferisce un vero patrimonio di conoscenze e competenze
30/07/2018 Caporalato: quando l'imprenditore rischia la galera e la multa
30/07/2018 L'eredita' di Marchionne: spunti e riflessioni anche per il settore ortofrutticolo
27/07/2018 Il nome di una regione non e' ad uso esclusivo di qualcuno
26/07/2018 Contratti a termine: ecco cosa devono aspettarsi le imprese ortofrutticole
25/07/2018 Agrion e Facolt insieme per la valorizzazione del territorio piemontese
24/07/2018 Donne dell'Ortofrutta: arriva il sostegno di Anna Casini, assessore all'Agricoltura delle Marche
23/07/2018 A Berlino senza stand: una tendenza o un semplice caso?
18/07/2018 Reminder sulla protezione dei dati personali: quello che le imprese devono sapere
18/07/2018 Premiate le aziende innovative condotte da giovani in Calabria
18/07/2018 Prima i pomodori locali? Come lo sciovinismo influenza il nostro comportamento d'acquisto
16/07/2018 Un registro informatico inalterabile contro le truffe utile anche in ortofrutta
16/07/2018 Le analisi del terreno nella moderna agricoltura
13/07/2018 Uvitaly esalta le peculiarita' delle uve da tavola del Sud Italia in un mercato altamente globalizzato
12/07/2018 Video sulle buone pratiche di rotazione delle colture pubblicato da IFOAM
11/07/2018 Il biologico di Canova investe sul futuro: in un anno assunti 12 giovani tecnologi alimentari e agronomi di talento
11/07/2018 L'AgriAcademy di Ismea fa tappa a Bologna
11/07/2018 La siciliana Ecofaber celebra 20 anni
10/07/2018 Le Op siano di medie dimensioni e non troppo grandi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*