Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A FuturPera presentato l'atomizzatore per la lotta ai parassiti anche in frutticoltura

Ozono anche nei frutteti, la rivoluzione si avvicina

Un atomizzatore che, invece di irrorare fitofarmaci, distribuisce acqua e ossigeno sotto forma di ozono: sarebbe una rivoluzione; al momento però si è ancora a livello di test. Durante FuturPera, la rassegna specializzata per il settore delle pere, uno stand ha presentato la macchina per la distribuzione dell'ozono.



"Sono ancora in corso le prove per il settore della frutticoltura - spiega l'agronomo Stefano Poppi - però i primi risultati sono stati incoraggianti. Grazie alla collaborazione con Met Ozone Experts e GR Gamberini atomizzatori, abbiamo portato in fiera questa macchina che è in grado di irrorare tanto i frutteti quanto colture a pieno campo o in serra, cambiando di volta in volta le barre, ovviamente".


Stefano Poppi e Luca Gamberini

Gli effetti ossidanti dell'ozono (O3) ormai sono noti. Disciolto nell'acqua a basse concentrazioni (1-4 mg/litro) è in grado di devitalizzare ogni forma di vita parassitaria (funghi, batteri, virus) presente sulla vegetazione.



L'atomizzatore (trainato) presentato in fiera non è come gli altri. Prima di tutto è dotato di un generatore di ozono che è il vero cuore della macchina. L'ozono prodotto viene miscelato con l'acqua contenuta nel serbatoio. Anteriormente vi è un generatore di corrente che serve al generatore di ozono.



"I vantaggi derivanti dall'effettuare trattamenti con ozono - aggiunge Poppi - sono evidenti. Non si hanno residui, né confezioni da smaltire, non ci sono intervalli di sicurezza. Non si formano ceppi di virus o batteri o funghi resistenti. Gli operatori non hanno problemi e, in serra, possono accedere immediatamente all'ambiente di lavoro".



"Ora stiamo procedendo con le prove in campo - conclude l'agronomo - e tutte le verifiche per valutare, anche nei frutteti, gli effetti positivi riscontrati sulle piante in serra. Fra l'altro, dopo il trattamento con ozono le piante reagiscono sempre con una maggior vigoria e sviluppo vegetativo".

Data di pubblicazione: 23/11/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2018 Il libro di Fata Zucchina arriva anche a 'Striscia La Notizia'
24/05/2018 Ecoltivo: l'orto idroponico a casa tua
24/05/2018 In Sardegna si coltivano alberi da frutto da 2500 anni
24/05/2018 Regioni UE: la PAC promuova integrazione su innovazione agricola
24/05/2018 Agrofarmaci Sipcam Italia recentemente autorizzati per uso su melograno
24/05/2018 Maltempo e grandine: i sacrifici di un anno distrutti in pochi minuti
23/05/2018 Dole, nuovi video per una comunicazione rivolta al consumatore
23/05/2018 Dole festeggia il 25mo anniversario di una joint-venture impegnata nel riciclaggio della plastica
23/05/2018 Cina: i big del tech investono su agricoltura e zone rurali
23/05/2018 Produttori russi a caccia di novita' presso aziende italiane
23/05/2018 Agricoltura: 9 italiani su 10 favorevoli agli incentivi
23/05/2018 Agea: pagati circa 288 milioni di euro per oltre 75mila beneficiari
23/05/2018 UE: ok definitivo alle nuove regole sul biologico
23/05/2018 Freshness From Europe, il progetto di CSO Italy al China Fruit Logistica di Shangai
23/05/2018 Totoministri: un avvocato in quota Lega indicato quale prossimo Ministro delle Politiche Agricole
22/05/2018 Giornata mondiale biodiversita', Assosementi: grazie all’innovazione salvati 19 milioni di ettari dalla deforestazione negli ultimi 15 anni
22/05/2018 Pomi' apre una piattaforma digitale per l'internazionalizzazione del brand in 13 Paesi
22/05/2018 SQM e Pavoni annunciano la loro joint venture in Italia
22/05/2018 I sistemi di smistamento ortofrutticolo diventano sempre piu' avanzati
21/05/2018 Cesena Fiera: targa e sala convegni alla memoria di Patrizio Morigi

 

Commenti:


Bravo Luca!
francesco pellerano, lecce, italia (email) - 30/11/2017 22:05:14


ma se uccide tutto la biodiversità che fine fa?
luigi, cortona, italia (email) - 23/11/2017 17:59:52


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*