Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A FuturPera presentato l'atomizzatore per la lotta ai parassiti anche in frutticoltura

Ozono anche nei frutteti, la rivoluzione si avvicina

Un atomizzatore che, invece di irrorare fitofarmaci, distribuisce acqua e ossigeno sotto forma di ozono: sarebbe una rivoluzione; al momento però si è ancora a livello di test. Durante FuturPera, la rassegna specializzata per il settore delle pere, uno stand ha presentato la macchina per la distribuzione dell'ozono.



"Sono ancora in corso le prove per il settore della frutticoltura - spiega l'agronomo Stefano Poppi - però i primi risultati sono stati incoraggianti. Grazie alla collaborazione con Met Ozone Experts e GR Gamberini atomizzatori, abbiamo portato in fiera questa macchina che è in grado di irrorare tanto i frutteti quanto colture a pieno campo o in serra, cambiando di volta in volta le barre, ovviamente".


Stefano Poppi e Luca Gamberini

Gli effetti ossidanti dell'ozono (O3) ormai sono noti. Disciolto nell'acqua a basse concentrazioni (1-4 mg/litro) è in grado di devitalizzare ogni forma di vita parassitaria (funghi, batteri, virus) presente sulla vegetazione.



L'atomizzatore (trainato) presentato in fiera non è come gli altri. Prima di tutto è dotato di un generatore di ozono che è il vero cuore della macchina. L'ozono prodotto viene miscelato con l'acqua contenuta nel serbatoio. Anteriormente vi è un generatore di corrente che serve al generatore di ozono.



"I vantaggi derivanti dall'effettuare trattamenti con ozono - aggiunge Poppi - sono evidenti. Non si hanno residui, né confezioni da smaltire, non ci sono intervalli di sicurezza. Non si formano ceppi di virus o batteri o funghi resistenti. Gli operatori non hanno problemi e, in serra, possono accedere immediatamente all'ambiente di lavoro".



"Ora stiamo procedendo con le prove in campo - conclude l'agronomo - e tutte le verifiche per valutare, anche nei frutteti, gli effetti positivi riscontrati sulle piante in serra. Fra l'altro, dopo il trattamento con ozono le piante reagiscono sempre con una maggior vigoria e sviluppo vegetativo".

Data di pubblicazione: 23/11/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/02/2018 Scoperte nel Sahara le prime forme di coltivazione di piante selvatiche
22/02/2018 Coldiretti: il gelo arriva dopo il quinto gennaio piu' caldo di sempre
22/02/2018 Giacomo Suglia commenta i dati sull'import-export ortofrutticolo 2017
22/02/2018 Bonduelle ha acquisito i diritti per usare il marchio Del Monte
22/02/2018 Serroplast: reti, teli e coperture per vigneti e piccoli frutti
21/02/2018 Le arance rosse di Sicilia Igp si danno al tennis
21/02/2018 Bonduelle ha acquisito i diritti per usare il marchio Del Monte
21/02/2018 Giansanti (Confagricoltura): 'Spesa agricola fondamentale. Le forze politiche s'impegnino per difesa della PAC'
21/02/2018 Coldiretti: rischio freddo per gli alberi gia' in fiore
21/02/2018 La qualita' di frutta e verdura puo' essere classificata in modo piu' efficace, rapido e uniforme
21/02/2018 Comunicare il messaggio direttamente al consumatore
21/02/2018 Alvarpack Group: proposte di packaging per la IV gamma
21/02/2018 Un nuovo sistema di imballaggio ecologico e versatile per gli ortofrutticoli
20/02/2018 Edipeel: spedizioni di prova di avocado mostrano un miglioramento della qualita' alla consegna
20/02/2018 Tecnologia e imballaggio unico significano una maggiore durata di conservazione
20/02/2018 Come raggruppare ed etichettare ortaggi sfusi
20/02/2018 PAC post 2020, Ministro Martina: meno regolamenti e piu' tutela del reddito degli agricoltori
20/02/2018 Fruitimprese: i dati sul commercio estero ortofrutticolo italiano nei primi 11 mesi del 2017
20/02/2018 Oggi le esequie di Antonio Giuliano, fondatore della omonima azienda pugliese Giuliano
20/02/2018 PSR Sicilia: a che punto siamo

 

Commenti:


Bravo Luca!
francesco pellerano, lecce, italia (email) - 30/11/2017 22:05:14


ma se uccide tutto la biodiversità che fine fa?
luigi, cortona, italia (email) - 23/11/2017 17:59:52


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*