Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A FuturPera presentato l'atomizzatore per la lotta ai parassiti anche in frutticoltura

Ozono anche nei frutteti, la rivoluzione si avvicina

Un atomizzatore che, invece di irrorare fitofarmaci, distribuisce acqua e ossigeno sotto forma di ozono: sarebbe una rivoluzione; al momento però si è ancora a livello di test. Durante FuturPera, la rassegna specializzata per il settore delle pere, uno stand ha presentato la macchina per la distribuzione dell'ozono.



"Sono ancora in corso le prove per il settore della frutticoltura - spiega l'agronomo Stefano Poppi - però i primi risultati sono stati incoraggianti. Grazie alla collaborazione con Met Ozone Experts e GR Gamberini atomizzatori, abbiamo portato in fiera questa macchina che è in grado di irrorare tanto i frutteti quanto colture a pieno campo o in serra, cambiando di volta in volta le barre, ovviamente".


Stefano Poppi e Luca Gamberini

Gli effetti ossidanti dell'ozono (O3) ormai sono noti. Disciolto nell'acqua a basse concentrazioni (1-4 mg/litro) è in grado di devitalizzare ogni forma di vita parassitaria (funghi, batteri, virus) presente sulla vegetazione.



L'atomizzatore (trainato) presentato in fiera non è come gli altri. Prima di tutto è dotato di un generatore di ozono che è il vero cuore della macchina. L'ozono prodotto viene miscelato con l'acqua contenuta nel serbatoio. Anteriormente vi è un generatore di corrente che serve al generatore di ozono.



"I vantaggi derivanti dall'effettuare trattamenti con ozono - aggiunge Poppi - sono evidenti. Non si hanno residui, né confezioni da smaltire, non ci sono intervalli di sicurezza. Non si formano ceppi di virus o batteri o funghi resistenti. Gli operatori non hanno problemi e, in serra, possono accedere immediatamente all'ambiente di lavoro".



"Ora stiamo procedendo con le prove in campo - conclude l'agronomo - e tutte le verifiche per valutare, anche nei frutteti, gli effetti positivi riscontrati sulle piante in serra. Fra l'altro, dopo il trattamento con ozono le piante reagiscono sempre con una maggior vigoria e sviluppo vegetativo".

Data di pubblicazione: 23/11/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2018 Pomodoro da industria: come ridurre lo scarto e aumentare il grado Brix
31/07/2018 Il settore ortofrutticolo potrebbe essere un po' piu' orgoglioso
31/07/2018 Unione europea: eccedenza commerciale nel settore agroalimentare a livelli record
31/07/2018 Buone vacanze a tutti! L'edizione italiana di FreshPlaza torna a fine mese!
31/07/2018 Focus IV gamma: i vantaggi dello schermo riflettente Lumigrey®
31/07/2018 Cimice asiatica, un problema che sta esplodendo
31/07/2018 Aeroclean della Isolcell: la conservabilita' dell'ortofrutta risulta maggiore
30/07/2018 Morto l'ex amministratore delegato Marius de Groot di De Groot Fresh Group
30/07/2018 Nuova Zelanda: al settore kiwi manca l'accuratezza dei dati
27/07/2018 Dubai: tre tonnellate di verdura al giorno nel piu' grande orto verticale del mondo
27/07/2018 I cluster di alimentazione e salute uniscono le forze
27/07/2018 Caporalato, in Emilia-Romagna 20 per cento dei lavoratori stagionali sottopagato
26/07/2018 Editing genetico, sentenza Ue: cosi' si abbatte la competitivita' dell'agricoltura italiana ed europea
26/07/2018 Germania: cresce ancora la fiducia dei consumatori
26/07/2018 Imballaggio top-seal piu' sostenibile
26/07/2018 Mutagenesi e Ogm: la Corte di Giustizia UE delude le aspettative
26/07/2018 Bandiere del gusto: la Calabria e i suoi frutti
26/07/2018 La riforma del diritto dei marchi dell'Unione Europea: brand e rappresentazione
26/07/2018 Salvo Laudani lascia la presidenza di Fruitimprese Sicilia
25/07/2018 Frutta estiva: pratiche commerciali sleali lungo la filiera provocano situazioni di crisi diffuse

 

Commenti:


Bravo Luca!
francesco pellerano, lecce, italia (email) - 30/11/2017 22:05:14


ma se uccide tutto la biodiversità che fine fa?
luigi, cortona, italia (email) - 23/11/2017 17:59:52


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*