Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le drupacee australiane ottengono l'accesso al mercato cinese

E' stato firmato un protocollo tra Cina e Australia per l'esportazione di prugne, pesche e albicocche dall'Australia alla Cina. E' questo l'annuncio straordinario per i produttori australiani di drupacee, e che fa seguito all'accesso al mercato cinese ottenuto l'anno scorso dalle nettarine australiane. Il protocollo permetterà agli esportatori di presentare sul fiorente mercato al dettaglio cinese una gamma completa di drupacee coltivate in Australia, sulla scia della dinamica indotta dalla firma del Trattato di libero commercio tra Cina e Australia (CHaFTA).

John Moore, della Summer Fruit Australia Limited (SAL), ha spiegato a FreshPlaza che questa è un'ottima notizia per entrambi i Paesi, poiché, trattandosi di controstagionali, i quattro prodotti in questione saranno esportati dall'Australia alla Cina e viceversa. "Questo accordo è un'ottima notizia per l'Australia come lo è per la Cina. Esso riconosce anche le PFA (zone indenni da organismi nocivi) australiane, tra cui Tasmania e Renmark. Mentre tutte le altre regioni andranno trattate contro la mosca della frutta".



La stagione delle drupacee in Australia è cominciata da poco, e le prime nettarine sono già arrivate a Canton e si stanno vendendo molto bene.

"Il valore Brix è 12+ e la stagione è appena cominciata - ha detto John - I primi segnali indicano un'ottima campagna che potrà solo migliorare. I prezzi delle nettarine sono già molto buoni, arrivano a 520 renminbi (circa 78 dollari) per un box da 10 kg".

Il presidente della SAL, Andrew Finlay, ha elogiato il lavoro svolto dal Dipartimento dell'Agricoltura e delle Risorse Idriche (DAWR). "E' doveroso congratularsi con il team di negoziazione del Dipartimento e i consiglieri, e con il lavoro svolto da John Moore di SAL, nel costruire relazioni all'interno della Cina, le quali si sono rivelate determinanti per il raggiungimento di questo traguardo".

Il DAWR ha lavorato a stretto contatto con la Summerfruit Export Development Alliance (SEDA), una sottocommissione autofinanziata della SAL, costituita da produttori che vogliono sviluppare un settore dinamico per le esportazioni di drupacee australiane.

Questo voler collaborare con l'industria in modo aperto e costruttivo si è tradotto in un protocollo concreto, il quale permetterà ai produttori australiani di competere a condizioni favorevoli con gli altri fornitori cinesi dell'emisfero meridionale. Questo nuovo protocollo ha previsto il percorso da intraprendere perché il commercio di pesche, prugne e albicocche tra Australia e Cina sia sostanziale.

La Australian Summerfruit Industry ha investito, attraverso Hort Innovation, una notevole somma delle imposte pagate dai produttori, accompagnata da un finanziamento del Commonwealth, ottenuto attraverso il programma delle tasse agricole, con l'obiettivo di fare il lavoro di ricerca necessario a consolidare le componenti alla base della negoziazione sull'accesso al mercato condotta dal DAWR, e che hanno portato all'annuncio di oggi. Inoltre, gli investimenti fatti da Hort Innovation utilizzando le tasse della Summerfruit per supportare l'accesso già esistente delle nettarine al mercato cinese, porterà certamente benefici anche all'esportazione di pesche, prugne e albicocche australiane in Cina.

L'annuncio relativo ai protocolli di esportazione delle drupacee australiane in Cina pone in evidenza cosa il settore australiano dell'agricoltura può ottenere quando i governi, l'industria e i produttori hanno obiettivi e aspirazioni comuni, e riescono a incanalare congiuntamente i loro sforzi, avendo come epilogo un risultato che porterà enormi benefici alle regioni australiane in cui si coltivano le drupacee.

Per maggiori informazioni:
Summerfruit Australia Limited
Andrew Finlay - presidente
Tel.:+61 7 4685 6171

John Moore -amministratore delegato
Tel.:+61 419 305 901

Data di pubblicazione: 13/11/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 Marlene ® brilla sui social
21/11/2017 Cina: i prezzi bassi di fine 2016 hanno avuto ripercussioni sul raccolto di quest'anno
21/11/2017 I mirtilli del Portogallo sono ancora poco conosciuti in Europa
21/11/2017 Molti mercati preferiscono gli avocado spagnoli Fuerte agli Ettinger israeliani
21/11/2017 Coldiretti Piemonte: oltre il 50% della produzione di kiwi e mele della regione va nei Paesi Arabi
21/11/2017 L'epoca d'oro dei mirtilli e' gia' al tramonto? Attenti a piantare senza mercato
21/11/2017 Az. Agricola Patri': il segreto sta nell'adattarsi alle richieste del mercato
21/11/2017 Pere a buccia rossa in aumento
20/11/2017 Top Delicacy, i migliori kiwi cinesi a disposizione dei clienti
20/11/2017 La Germania esaurira' le scorte di mele locali a marzo
20/11/2017 Spagna: 15 nuove varieta' di mele presentate al Mollerussa Fruit Seminar
20/11/2017 Le uve peruviane alla sfida del cambiamento climatico e della nuova stagione
20/11/2017 L'export di ciliegie dal Cile potrebbe raddoppiare
20/11/2017 Si ridimensiona il ruolo europeo nel commercio globale delle mele, mentre cresce l'Italia
20/11/2017 L'Europa offre ancora molte opportunita' per le pomacee belghe
17/11/2017 Cina: aumentano del 15-20% i flussi di frutta in importazione
17/11/2017 Sudafrica: le stime per l'uva da tavola sono superiori alla media dei cinque anni
17/11/2017 Zespri sceglie EMS per il controllo dell'etilene nelle spedizioni di kiwi
17/11/2017 Mercato solido per i kiwi californiani
17/11/2017 I commercianti polacchi sperano che l'inverno porti prezzi migliori

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*