Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Spagna: l'Estremadura conclude la campagna dei pomodori con volumi maggiori rispetto a quelli contrattati inizialmente

 La comunità autonoma spagnola dell'Estremadura ha concluso la campagna del pomodoro da industria con una produzione totale di quasi 2,1 milioni di tonnellate. Secondo i dati pubblicati da Cooperativas Agroalimentarias de Extremadura e dalla Mesa del Tomate, per essere precisi, i produttori dell'Estremadura hanno consegnato alle diverse industrie un totale di 2.081.320.404 kg, rispetto ai 2.059.783.222 kg inizialmente contrattati.

La resa media è stata di 88.268 kg per ettaro, in una regione dove il numero degli ettari dedicati alla coltivazione dei pomodori ammonta a 23.579,49. La maggior parte di questa produzione, il 60% circa, corrisponde a cooperative nella regione, con un volume esatto di 1.201.891.991 kg.

Fonti all'interno del settore hanno spiegato ad AgroExtremadura che l'eccezionale resa delle piantagioni tardive, che sono andate meglio in termini di quantità e qualità, ha compensato le perdite causate dalle ondate di calore registrate all'inizio dell'estate, che hanno avuto un impatto negativo sull'allegagione nelle piantagioni precoci.

Il presidente del dipartimento per la frutta e verdura di Cooperativas Agroalimentarias de Extremadura, Domingo Fernández, non ha esitato ad assicurare che "i pomodori tardivi hanno compensato le perdite registrate da quelli precoci". 

"E' stata una campagna normale e si è conclusa meglio del previsto. Tutti i contratti sono stati rispettati e sono stati raggiunti livelli di produzione medi. Rispetto a quello che abbiamo avuto all'inizio della stagione, con il caldo e le perdite dei pomodori precoci - ha messo in evidenza Fernández - il risultato finale è stato più soddisfacente per i produttori, che hanno recuperato un anno che sembrava essere molto problematico".

Il fatto è che, anche se le alte temperature hanno colpito pesantemente la coltura nella prima parte dell'estate, le temperature miti e l'assenza di piogge registrate ad agosto e la resa della coltura nelle fasi conclusive della campagna sono state fondamentali per assicurare che il bilancio finale non fosse così negativo come previsto.

Fonte: regiondigital.com

Data di pubblicazione: 12/10/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

18/06/2018 Il cancro batterico del pomodoro
18/06/2018 E' mania per la Coppa del Mondo: verdure tedesche con un look ad hoc per l'occasione
18/06/2018 Di Meo Remo amplia le superfici con obiettivo produzione di erbe aromatiche 100% bio
15/06/2018 Lattughe e pomodori da pieno campo: buona la richiesta
15/06/2018 Certificazione BRC per l'azienda di germogli Vivo
15/06/2018 Rucola della Piana del Sele a un passo dall'IGP
15/06/2018 Piano Conti punta sul Cuore di Bue per soddisfare la GDO nazionale
14/06/2018 Cina: la lattuga idroponica e' la preferita dai ristoranti
14/06/2018 Prodotti regionali rari insieme alle specialita' orticole, anche a domicilio
13/06/2018 Sipo lancia le insalate pronte con germogli Super Veggies
13/06/2018 Svizzera: il 2018 e' iniziato con troppe carote e poche mele
13/06/2018 Grecia: sono i giovani a dare valore agli ortaggi biologici
13/06/2018 Cambiamenti climatici: in futuro a rischio la produzione di pomodori, legumi e verdure
12/06/2018 Alto Adige: buona la stagione degli asparagi, oltre 62 tonnellate prodotte
12/06/2018 La rucola della Piana del Sele sara' IGP
11/06/2018 L'Europa nord-occidentale passa ai broccoli olandesi
11/06/2018 L'Aglio Bianco Polesano DOP registra un +25% nelle vendite
11/06/2018 Studenti dell'Universita' della California in visita all'azienda Agriblea
11/06/2018 SAIS Sementi presenta il nuovo pomodoro ciliegino 114SA808 F1
08/06/2018 La IV gamma e' sempre piu' diffusa nella gastronomia

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*