Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Mandorlicoltura: tra diversificazione del reddito e bonifica del territorio

C'era una volta... il primato della mandorlicoltura italiana. Potrebbe iniziare così l'ennesimo racconto di un errore storico: alla ricerca di un reddito immediato, si espiantarono colture tradizionali del nostro patrimonio agricolo, stravolgendo il paesaggio delle campagne.

"L'Italia, nell'immediato dopoguerra e fino agli anni Settanta - spiega l'agronomo Calogero Insalaca - deteneva il primato nella produzione mondiale delle mandorle. Oggi importiamo i due terzi di quello che serve per soddisfare le crescenti necessità delle nostre aziende dolciarie e alimentari".


Sopra: esempio di un mandorleto antico, non adeguato alla raccolta meccanizzata

"Una volta, la mandorla veniva utilizzata quasi esclusivamente nella preparazione di tipici dolci tradizionali e nella confetteria - continua l'esperto - mentre oggi è diventata un alimento funzionale sempre più consumato nel mondo proprio grazie alle sue proprietà nutraceutiche".

Ciò che ha contribuito al successo planetario della mandorla è certamente dovuto alla presenza su Internet di migliaia di siti che si occupano di corretta alimentazione, salutismo e veganesimo.



"La domanda di mandorle sta diventando molto sostenuta - dice ancora Insalaca - anche in grandi e popolose nazioni come Cina e India che, per ragioni climatiche, non possono pensare di produrle. Finora i Paesi che stanno beneficiando di questo successo sono Usa (California), Spagna, Turchia e diversi altri Paesi del bacino del Mediterraneo, mentre l'Australia si sta prepotentemente inserendo".

E' ben noto che il primato californiano, con il suo 80% sull'export mondiale, condiziona il mercato internazionale. L'inarrestabile ascesa californiana è iniziata negli anni Settanta, proprio quando in Italia (prima in Puglia e poi in Sicilia) si estirpavano diverse decine di migliaia di ettari di mandorleti per far posto ai tendoni di uva da tavola in irriguo, che garantivano redditi molto più elevati.

"Il segreto dell'affermazione statunitense sta nell'aver creduto - specifica il tecnico - nelle elevatissime potenzialità produttive di alcune nuove varietà a guscio tenero, coltivate in irriguo e raccolte a macchina. L'abbattimento dei costi di produzione, unitamente alla standardizzazione e alla notevole disponibilità di prodotto, hanno fatto sì che il prodotto californiano conquistasse e mantenesse una situazione di egemonia. Recentemente, però, il panorama mondiale sta cominciando a cambiare, mentre prosegue forte la crescita della domanda e particolarmente del prodotto biologico".



In Italia, pur in presenza di un forte impulso nella realizzazione di nuovi impianti, si sconta la presenza di mandorleti vetusti, non irrigui e non meccanizzabili, che hanno produzioni per ettaro molto basse e costi decisamente alti. Nonostante tutto, la Sicilia detiene ancora il 60% circa della produzione nazionale.

Nell'Isola si sta registrando un palpabile ottimismo con l'introduzione della raccolta e smallatura meccanizzate. Con le nuove macchine a ombrello rovescio raccoglitrici-smallatrici (foto sopra) di ultima generazione, è possibile portare in magazzino (per l'asciugatura meccanica) il frutto di due-tre ettari di mandorleto al giorno. Risolvere il problema della raccolta e smallatura, grazie anche alla presenza dei contoterzisti, si sta rivelando di enorme importanza per il futuro della mandorlicoltura italiana.



In Sicilia, dove il mandorlo è di casa fin dall'antichità, le condizioni pedoclimatiche ottimali aprono prospettive interessantissime, perché si potrebbero mettere a coltura estensioni molto importanti, non solo laddove si voglia diversificare il reddito, ma anche dove vi è un drammatico bisogno di recuperare scempi ambientali, come quelli dovuti alla serricoltura dismessa.


L'Agronomo Calogero Insalaca con un mandorlo "Tuono" di 5 mesi. Sicilia, maggio 2017.

In tal senso sui terreni vicini al mare, con le dovute tecniche agronomiche, è possibile ricavare un reddito, oltre che effettuare un'opera di bonifica paesaggistica.

Pratiche agronomiche in mandorlicoltura e redditività presunta

"A mio parere, essendo il mandorlo proponibile sia in coltura irrigua che asciutta - continua Insalaca - essendo anche molto adatto alla coltura in biologico, ma anche in considerazione della sempre più evidente inaffidabilità economica di tante altre colture sia erbacee che arboree, si potrebbe consigliare l'impianto di un mandorleto a tutte le aziende agricole siciliane. L'unico limite reale è la natura eccessivamente argillosa del terreno. Il problema, però, è in buona parte risolvibile nei terreni irrigui, eseguendo preventivamente all'impianto la cosiddetta baulatura del terreno".

A proposito della preziosa risorsa idrica, si può e si deve fortemente sottolineare che il mandorlo è una pianta abbastanza aridoresistente. Parlando quindi di irrigazione, si intendono volumi idrici molto contenuti rispetto ad altre colture sia arboree che erbacee.

"Per esempio, irrigando con cento litri d'acqua ciascuna pianta per dieci settimane nel periodo da maggio a luglio - calcola l'esperto - avremo fornito mille litri che, moltiplicando per 400 piante di mandorlo a un sesto medio di metri 5 x 5, corrispondono a 400 metri cubi. Per chi è del mestiere i conti sono presto fatti, perché stiamo parlando di circa un decimo rispetto ai volumi irrigui di un ettaro di agrumeto, di pescheto o di uva da tavola e di varie tipologie di ortaggi etc.".

Rapporto costo-beneficio.
"Per quanto riguarda il conto economico del mandorleto - stima Insalaca - si può dire che nella realizzazione di un nuovo impianto, partendo da piante innestate di due anni (astoni), si raggiunge il pareggio di tutte le spese sostenute mediamente al quarto/quinto anno, in quanto a partire dal terzo si iniziano a percepire degli utili".


Sopra: una varietà di mandorlo impiantato nel 2014 nella zona di Agrigento. Sicilia, agosto 2017.

"A partire dal sesto anno, che in irriguo può significare già la piena produzione, il reddito netto per ettaro si assesta mediamente a circa 7/8mila euro - calcola ancora lo specialista - ipotizzando un prezzo medio basso di 1,50 euro/ Kg di prodotto smallato. Nel caso di produzione biologica, il prezzo aumenterebbe di circa un terzo".

"Si deve rimarcare come l'impianto di un nuovo mandorleto - conclude Calogero Insalaca - viene a costare appena tra i 4/5mila euro per ettaro, comprensivi delle spese di gestione e coltivazione di tutto il primo anno. Le spese annuali di produzione comprensive della raccolta meccanica e asciugatura si attestano intorno a 2.500 euro ettaro. Completando la filiera, si potrebbe ottenere anche la trasformazione del prodotto, con un prezzo decisamente maggiore".

Data di pubblicazione: 03/10/2017
Autore: Gaetano Piccione
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:


Analisi degli alimenti per individuare la regolarita' dei trattamenti fitosanitari

Agro.Biolab Laboratory. Residui da fitofarmaci e nuovi contaminanti

"Oltre ai contaminanti alimentari conosciuti ormai da decenni, ne esistono altri individuati solo di recente, i cosiddetti contaminanti emergenti. L'acqua, il suolo e i fertilizzanti sono oggi considerati come nuove potenziali fonti di contaminazione negli alimenti". A prendere in esame la problematica è.....

Il settore orticolo nell'UE: le statistiche

Il settore ortofrutticolo dell'UE vede protagonisti, per percentuali più rilevanti di produzione, commercio e lavorazione, alcuni Stati membri, mentre molti altri rappresentano individualmente volumi trascurabili. I due terzi della popolazione dell'UE-28 consumano almeno una porzione di frutta e verdura al.....

La testimonianza di un operatore del Mercabarna

Clandestini nascosti in un carico di zucche bloccato al porto di Tunisi: la storia si ripete

La vicenda s'è già presentata in passato: clandestini nascosti nei camion di frutta e verdura con la speranza di entrare in un nuovo Paese e scampare alle proprie disgrazie in patria. Protagonista di un recente episodio, risalente al 2 giugno scorso, è un camion di zucche, bloccato all'imbarco al porto di.....

Spagna in crescita

Drastica riduzione per il raccolto stagionale di albicocche in Italia: tutte le previsioni per il 2018

La coltivazione dell'albicocco in Italia prosegue con tendenza all'incremento del potenziale produttivo, aumento in atto da alcuni anni nel nostro Paese. L'espansione è stata frutto di diversi fattori, che insieme, hanno reso buone prospettive alla coltivazione fra cui: l'evoluzione delle tecniche colturali,.....

Il biologico rischia di morire di burocrazia

Troppa burocrazia uccide anche il biologico. Se ne è parlato al talk show "Dal convenzionale al biologico" dove alcuni fra i protagonisti del comparto hanno esaminato l'evoluzione del settore negli ultimi decenni cercando di approfondire gli attuali punti di debolezza. L'evento è stato organizzato da.....

Il Prof. Antonino Catara interviene sul tema del mal secco del limone

Riceviamo e volentieri pubblichiamo le seguenti osservazioni da parte del Prof. Antonino Catara, già ordinario di Patologia vegetale, Delegato alla Ricerca nell'Università di Catania e Presidente del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia, sul tema del mal secco del limone, che stiamo affrontando in.....

Se n'e' discusso a Noto (SR)

Obblighi per i produttori in materia di sicurezza alimentare. E il valore dei prodotti?

VIDEO L'evoluzione del sistema agroalimentare, con il passaggio da un'agricoltura tradizionale a quella moderna, è sempre più soggetta all'innovazione ed è cresciuta assieme ai cambiamenti socio-economici e culturali dei nostri tempi. Allo stesso modo si è evoluta la sicurezza alimentare e la normativa che la.....

La Xylella non cammina se non sulle gambe della disinformazione

In risposta al nostro articolo sul disastro Xylella come diretta conseguenza dell'irrazionale opposizione alle risposte della scienza (cfr. notizia), il Prof. Francesco Giulio Crescimanno dell'Università di Palermo ci ha fornito il suo parere: "Con riferimento alla lotta alla Xylella che continua a.....

Disastro Xylella: quando in agricoltura prevale il disprezzo per il metodo scientifico

"La metodologia scientifica, specie se applicata all'agricoltura, viene spesso snobbata se non posta sotto attacco da parte di vasti settori dell'opinione pubblica e della politica"... con risultati devastanti, aggiungiamo noi. Così Marco Sassi osserva in un articolo dal calzante titolo "Il sonno del.....

L'ispirazione porta innovazione sul mercato greco

Seppure quello greco è un mercato tradizionale che attraversa una crisi finanziaria, Vasilis Bogdanis di Bogdanis Import Export è stato ispirato da tutte le grandi innovazioni viste a Fruit Logistica e ha voluto portarle in Grecia. "Abbiamo cominciato cinque anni fa importando mix di insalate italiane per il.....

Quali soluzioni per la crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola?

Le aziende agricole, per loro natura giuridica, non possono essere dichiarate fallite. E' partito da questo presupposto il convegno dal tema: "Strumenti di risoluzione della crisi da sovraindebitamento dell'impresa agricola" tenutosi lo scorso 18 maggio 2018 nella sede dell'Ordine dei commercialisti di.....

Urs Luder: 'La varieta' si adatta bene al profilo di gusto del consumatore europeo attuale'

Transizione fluida verso le mele Kanzi dell'emisfero sud

Le prime mele Kanzi dell'emisfero sud sono arrivate sul mercato europeo. L'amministratore delegato Urs Luder, direttore della varietà Kanzi per GKE, sembra soddisfatto della campagna europea. "Nonostante non sia stata una stagione facile per il settore delle mele, possiamo concludere che la Kanzi ha saputo.....

La testimonianza di Greg Vicherat (Halls)

'Evitiamo che l'avocado diventi un prodotto di lusso'

La storia dell'avocado è una storia di successo. A livello globale, il consumo continua a crescere a doppia cifra. I coltivatori stanno incrementando la produzione, ma nonostante le attuali percentuali di semina, non riescono a tenere il passo con la velocità di crescita dei consumi. "C'è ancora spazio sul.....

Meta' della produzione olandese di ortaggi in serra va in Germania e Regno Unito

Le verdure prodotte in serra rappresentano quasi la metà delle esportazioni complessive di frutta e verdura coltivate nei Paesi Bassi. Le cipolle sono il prodotto più importante in termini di quantità, ma subito dopo ci sono orticole da serra come pomodori, peperoni e cetrioli.Per quanto riguarda la.....

L'imballaggio EPS per estendere la shelf life dell'uva da tavola

Per quanto riguarda le uve, la difficoltà è che cominciano a deteriorarsi non appena vengono raccolte. Pertanto estendere la shelf life del prodotto è fondamentale per aiutare i punti vendita a risparmiare denaro e ridurre lo spreco alimentare.Imballare e spedire le uve in contenitori in polistirolo espanso.....

Sistema di Supporto Decisionale OPI

Smart Agriculture: Evja propone sensori e algoritmi predittivi

Evja è una startup con sede a Napoli, attiva nella Smart Agricolture e partner di RWA e BayWa (tra le maggiori aziende del mercato agricolo austriaco e tedesco). Il suo prodotto, OPI, è un Sistema di Supporto Decisionale per aziende agricole basato su sensori e algoritmi previsionali. OPI è.....

Regio'Com: la guida alle migliori pratiche per la promozione di frutta e verdura in Europa

Per contrastare la stagnazione del consumo di frutta e verdura in Europa, che rappresenta una sfida importante per il nostro settore, AREFLH ha voluto evidenziare un certo numero di azioni di promozione e di educazione alimentare attuate nelle sue regioni, sottolineandone la ricchezza e la diversità.La guida.....

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*