Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un beneficio per tutti!

Primi passi per l'Associazione Le Donne dell'Ortofrutta: il modello saranno le Donne del Vino

Si è svolta nel pomeriggio di ieri, 12 settembre 2017, la prima riunione ufficiale tra alcune delle fondatrici dell'Associazione "Le Donne dell'ortofrutta", costituita da Imprenditrici, Dirigenti, Esperte del settore, Giornaliste e Consulenti.

Si sono condivisi in generale gli obiettivi e si sono affrontati alcuni aspetti legali, amministrativi e burocratici relativi alla costituzione in Associazione.

Il parametro di riferimento è stato indicato nell'Associazione Nazionale Le Donne del Vino (leggasi come modello lo Statuto di quest'ultima - clicca qui) e si è stabilito di fissare degli obiettivi e delle attività, la prima delle quali potrebbe essere una presentazione pubblica dell'Associazione in concomitanza con eventi di interesse per il settore ortofrutticolo.

In un'ottica di superamento della mera lotta al sessismo, l'Associazione si prefigge piuttosto di porre in evidenza le competenze professionali delle tante donne che operano nel campo del commercio ortofrutticolo, stimolando i vertici delle Aziende a valutare seriamente l'inclusione di risorse umane donna all'interno dei propri organici di livello manageriale e decisionale. L'Associazione opererà come una rete di coordinamento ai fini di politiche di sensibilizzazione e di lobby.

Non solo una questione di ruoli, ma anche di mercato
Oltre all'aspetto più propriamente legato alla parità di genere, l'Associazione intende altresì costituire il polo d'attrazione del talento delle donne per spenderlo nella direzione di una migliore e più efficace comunicazione al pubblico dei prodotti ortofrutticoli, con l'obiettivo di stimolare i consumi tra tutte le fasce di età, di censo, d'istruzione e di genere.

La "rinuncia" alle donne da parte del settore ortofrutticolo - è il nostro personale commento - va di pari passo con la "limitazione" degli stessi prodotti commerciali, che non riescono (forse proprio perché manca la voce dell'altra metà del cielo) a fare breccia presso i consumatori quanto altre referenze. Una perdita per tutti.



Il settore ortofrutticolo italiano potrebbe invece trarre cruciali vantaggi dalla possibilità di avere come interlocutori e come decisori tanto gli uomini quanto le donne, a qualunque livello e grado della filiera, dalla produzione al retail.

Vi terremo costantemente aggiornati su ogni novità.

Per maggiori info:
Email: alessandraravaioli@gmail.com

Data di pubblicazione: 13/09/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 Fru-Italy diventa JoinFruit: un'OP che parte dal nome come simbolo di una svolta
20/11/2017 Mango, avocado & C.: i segreti di un successo sempre piu' globale
16/11/2017 Agrinsieme: bene la valorizzazione dell'imprenditoria femminile in agricoltura
14/11/2017 Donne in agricoltura: l'Austria al primo posto nella Ue
13/11/2017 SDA Bocconi apre le iscrizioni ai nuovi corsi in materia di Agribusiness
13/11/2017 La pera esce dall'anonimato e conquista il web
13/11/2017 Un operaio agricolo su cinque non e' in regola con la normativa
10/11/2017 Caporalato, Ministro Martina: con la legge contributi in agricoltura +7%
10/11/2017 C'e' bisogno di guardare i clienti negli occhi
08/11/2017 Storie sul cibo: come i produttori diventano strumenti del marketing
08/11/2017 AgriControl, il servizio che coniuga le esigenze della Gdo con la gestione dei processi produttivi
07/11/2017 Liti fra confinanti: come comportarsi per realizzare manufatti
07/11/2017 Serbia: proclamati i vincitori Intesa Farmer 2017 per i migliori imprenditori agricoli
06/11/2017 Diospiri, loti, kaki brillanti o lisci: comunque li si chiami e' il loro momento sul web
31/10/2017 Ortofrutta e industria alimentare: ingredienti tanti, co-marketing poco
30/10/2017 I funghi dominano il web e sono un prodotto globale
30/10/2017 Rete del lavoro agricolo di qualita': ancora nessun risultato di rilievo
27/10/2017 Agricoltura intensiva e tutela ambientale possono coesistere: il modello Interra Farm
24/10/2017 Zerbinati aderisce al progetto "Fabbriche Aperte" in Piemonte
24/10/2017 Maracchi (Accademia dei Georgofili): valorizzare il locale per rispondere alla globalizzazione

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*