Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A colloquio con un operatore del settore

Campania: produzione castagne in ripresa del 50%

Si può parlare di ripresa per la castagna campana quest'anno. Il prodotto c'è, anche se non al 100%, nell'avellinese come nel resto d'Italia. E' quanto rivela a FreshPlaza un operatore campano. Le castagne ci sono, nonostante la presenza costante del cinipide che negli ultimi anni aveva azzerato la produzione (cfr. FreshPlaza del 26/10/2017). Forse hanno aiutato le condizioni meteo, ma l'operatore non si sbilancia non essendo un tecnico.

"Guardando agli ultimi due o tre anni, questa stagione si prospetta in miglioramento. Rispetto a una campagna normale, ci siamo quasi, superiamo il 50% di produzione. A livello commerciale, i prezzi dovrebbero risultare contenuti". Da un certo punto di vista non è un male, secondo l'operatore, perché le quotazioni erano diventate inaccessibili a tutti. "Per motivi economici il consumatore finale aveva cambiato i suoi gusti, optando per altri prodotti".

Secondo l'operatore, i prezzi devono essere contenuti per far sì che tutta la filiera resti in piedi. "Quando c'è produzione, le quotazioni sono generalmente basse; e se i prezzi sono bassi, il prodotto viene scambiato, viene consumato regolarmente e tutti ne traggono vantaggio. Quando i prezzi sono alti, si arricchisce solo una parte della filiera".

Le castagne campane vengono commercializzate nel mercato italiano. "Il nostro è un prodotto d'eccellenza sia per il mercato del fresco sia per l'industria dolciaria. Negli anni di magra ci siamo serviti di prodotto estero che, risultando di scarsa qualità, non soddisfa la clientela".

Mancando prodotto sarà comunque necessario importare castagne dall'estero: come lo scorso anno, i principali fornitori saranno Portogallo, Spagna e Turchia ma, in volumi inferiori, è probabile arrivi prodotto anche da Grecia, Albania, Bulgaria e Algeria. A livello qualitativo, la produzione migliore e che si avvicina maggiormente agli standard italiani è quella portoghese.

Data di pubblicazione: 13/09/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/02/2018 Mercato sorprendentemente buono per le susine cilene; la stagione dell'uva e' incerta
20/02/2018 Campania: in ritardo la maturazione delle fragole
20/02/2018 Cina: in arrivo le prime susine australiane
20/02/2018 Raccolto soddisfacente di piccoli frutti nel 2017
20/02/2018 Con Marisol la fragolicoltura del centro sud dispone di una valida opportunita'
19/02/2018 Red Moon: firmata collaborazione per coltivazione biodinamica con Bio Meran
19/02/2018 Le coccinelle di Mela Val Venosta incontrano i nuovi amici di Cars 3 e Frozen
19/02/2018 Cina: nuovo dilemma per gli esportatori di mele
19/02/2018 UE e Russia ricevono le uve indiane
19/02/2018 Un assaggio di Francia meridionale approda in Australia
19/02/2018 Focus sul mercato mondiale delle mele
19/02/2018 Frutti esotici coltivati a Bergamo: baby kiwi rosso, Feijoa, Asimina
19/02/2018 La Polonia e' il terzo produttore di ciliegie al mondo
16/02/2018 Identificato il gene coinvolto nella crescita delle piante di fragola
16/02/2018 Svizzera: autorizzata l'importazione di 8.000 tonnellate di mele
16/02/2018 Il Venezuela vuole esportare una quantita' maggiore di avocado e ananas
16/02/2018 Potenziale del melone Charentais non sfruttato appieno sui mercati d'esportazione
16/02/2018 Comprendere cio' che i consumatori vogliono dai kiwi, dal sapore alla praticita'
16/02/2018 Resoconto del 21mo Congresso Nazionale ed Internazionale Uva da Tavola
16/02/2018 La filiera italiana di avocado e mango si sta facendo strada

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*