Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



A colloquio con un operatore del settore

Campania: produzione castagne in ripresa del 50%

Si può parlare di ripresa per la castagna campana quest'anno. Il prodotto c'è, anche se non al 100%, nell'avellinese come nel resto d'Italia. E' quanto rivela a FreshPlaza un operatore campano. Le castagne ci sono, nonostante la presenza costante del cinipide che negli ultimi anni aveva azzerato la produzione (cfr. FreshPlaza del 26/10/2017). Forse hanno aiutato le condizioni meteo, ma l'operatore non si sbilancia non essendo un tecnico.

"Guardando agli ultimi due o tre anni, questa stagione si prospetta in miglioramento. Rispetto a una campagna normale, ci siamo quasi, superiamo il 50% di produzione. A livello commerciale, i prezzi dovrebbero risultare contenuti". Da un certo punto di vista non è un male, secondo l'operatore, perché le quotazioni erano diventate inaccessibili a tutti. "Per motivi economici il consumatore finale aveva cambiato i suoi gusti, optando per altri prodotti".

Secondo l'operatore, i prezzi devono essere contenuti per far sì che tutta la filiera resti in piedi. "Quando c'è produzione, le quotazioni sono generalmente basse; e se i prezzi sono bassi, il prodotto viene scambiato, viene consumato regolarmente e tutti ne traggono vantaggio. Quando i prezzi sono alti, si arricchisce solo una parte della filiera".

Le castagne campane vengono commercializzate nel mercato italiano. "Il nostro è un prodotto d'eccellenza sia per il mercato del fresco sia per l'industria dolciaria. Negli anni di magra ci siamo serviti di prodotto estero che, risultando di scarsa qualità, non soddisfa la clientela".

Mancando prodotto sarà comunque necessario importare castagne dall'estero: come lo scorso anno, i principali fornitori saranno Portogallo, Spagna e Turchia ma, in volumi inferiori, è probabile arrivi prodotto anche da Grecia, Albania, Bulgaria e Algeria. A livello qualitativo, la produzione migliore e che si avvicina maggiormente agli standard italiani è quella portoghese.

Data di pubblicazione: 13/09/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/06/2018 Coldiretti: nel 2017 arrivate in Italia 100mila ton di frutta secca 'anonima'
19/06/2018 Confagricoltura Ferrara: ciliegie penalizzate dal maltempo
19/06/2018 Il crollo dei prezzi cambia il mercato dei piccoli frutti
19/06/2018 Spagna: meno rischi dovuti alla diversificazione delle aree di produzione di drupacee
19/06/2018 Cina: il volume di produzione delle ciliegie diminuisce del 70%
19/06/2018 I fichi d'India sono molto richiesti
19/06/2018 Gusto ancora piu' gradevole e minore spreco: ecco il melone Cayucos Beach
19/06/2018 Albicocche: prezzi bassi per il troppo prodotto scadente
19/06/2018 I cerasicoltori spagnoli protestano contro il divario di prezzo tra produttore e consumatore
18/06/2018 Il primo lotto di ciliegie turche arrivera' presto sul mercato cinese
18/06/2018 Crollo dell'export italiano in nord Africa nel 2017
18/06/2018 Impianti pilota pre-commerciali di nuove varieta' di pero grazie al progetto UniBo-CIV
18/06/2018 Drupacee: una prima parte di stagione non cosi' deludente
18/06/2018 I Paesi Bassi ri-esportano i fichi fioroni pugliesi nei Paesi scandinavi
18/06/2018 Focus sul mercato mondiale dei mirtilli
18/06/2018 La Corte d'Appello di Anversa si pronuncia in merito alla distribuzione esclusiva delle pere Corina
18/06/2018 Kiwi rosso a marchio Zespri: tra un paio d'anni sara' sul mercato
15/06/2018 Fondazione Edmund Mach e Apot, 11 anni di sinergia a favore della frutticoltura trentina
15/06/2018 I vantaggi dell'essere specializzati in pomacee d'oltremare
15/06/2018 Le mele polacche Idared e Gloster ben accolte dai consumatori indiani

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*