Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Serve un Piano nazionale per realizzare bacini di raccolta

Kiwi e siccita', acqua con le autobotti

Produrre senza acqua non è possibile e così ci sono diversi agricoltori che da oltre un mese devono irrigare provvedendo con le autobotti. E sono costi aggiuntivi. Nelle colline della provincia di Ravenna (attorno al comune di Modigliana) la coltura del kiwi da oltre trent'anni ha trovato un territorio, un microclima e una rete produttiva favorevole, tanto che è una delle zone più vocate.



Le piogge di domenica 10 settembre hanno contribuito solo ad alleviare il problema. "Il nostro bacino aziendale si è prosciugato ai primi di agosto - racconta un giovane agricoltore - e da allora siamo in emergenza. Abbiamo 13 ettari di kiwi, per lo più Hayward, più del kiwi giallo. Il rio che alimenta il laghetto è rimasto senza acqua a maggio e le riserve non sono più bastate".

Ora l'agricoltore deve rifornirsi, ogni giorno, con botte aziendale trainata con il trattore, oppure con autocisterne, ma sono costi aggiuntivi molto pesanti. "Le autocisterne costano circa 200 euro + Iva ognuna. Ho calcolato un fabbisogno di circa 30 tonnellate di acqua l'ettaro, pur irrigando a goccia e dando il minimo indispensabile".

Gli agricoltori - e non solo di quel territorio - chiedono che i politici approvino un piano nazionale per realizzare dei bacini di raccolta dell'acqua. Durante i mesi più piovosi è indispensabile fare scorta di acqua da utilizzare poi non solo per l'agricoltura, ma anche a scopi potabili. Il clima sta cambiando e l'Italia rischia di diventare un paese siccitoso. Non c'è tempo da perdere, anche perché tali progetti hanno degli iter sempre troppo lunghi.

I frutticoltore che abbiamo intervistato spera di portare a termine la coltivazione, ma procedere così, ogni giorno, è dura. "Soprattutto le alte temperature di luglio e agosto hanno messo sotto stress le piante. Al momento della raccolta verificheremo calibri e qualità: stiamo facendo il massimo per ottenere la solita qualità, ma quest'anno sarà difficile".

Data di pubblicazione: 11/09/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/11/2017 Marlene ® brilla sui social
21/11/2017 Cina: i prezzi bassi di fine 2016 hanno avuto ripercussioni sul raccolto di quest'anno
21/11/2017 I mirtilli del Portogallo sono ancora poco conosciuti in Europa
21/11/2017 Molti mercati preferiscono gli avocado spagnoli Fuerte agli Ettinger israeliani
21/11/2017 Coldiretti Piemonte: oltre il 50% della produzione di kiwi e mele della regione va nei Paesi Arabi
21/11/2017 L'epoca d'oro dei mirtilli e' gia' al tramonto? Attenti a piantare senza mercato
21/11/2017 Az. Agricola Patri': il segreto sta nell'adattarsi alle richieste del mercato
21/11/2017 Pere a buccia rossa in aumento
20/11/2017 Top Delicacy, i migliori kiwi cinesi a disposizione dei clienti
20/11/2017 La Germania esaurira' le scorte di mele locali a marzo
20/11/2017 Spagna: 15 nuove varieta' di mele presentate al Mollerussa Fruit Seminar
20/11/2017 Le uve peruviane alla sfida del cambiamento climatico e della nuova stagione
20/11/2017 L'export di ciliegie dal Cile potrebbe raddoppiare
20/11/2017 Si ridimensiona il ruolo europeo nel commercio globale delle mele, mentre cresce l'Italia
20/11/2017 L'Europa offre ancora molte opportunita' per le pomacee belghe
17/11/2017 Cina: aumentano del 15-20% i flussi di frutta in importazione
17/11/2017 Sudafrica: le stime per l'uva da tavola sono superiori alla media dei cinque anni
17/11/2017 Zespri sceglie EMS per il controllo dell'etilene nelle spedizioni di kiwi
17/11/2017 Mercato solido per i kiwi californiani
17/11/2017 I commercianti polacchi sperano che l'inverno porti prezzi migliori

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*