Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Serve un Piano nazionale per realizzare bacini di raccolta

Kiwi e siccita', acqua con le autobotti

Produrre senza acqua non è possibile e così ci sono diversi agricoltori che da oltre un mese devono irrigare provvedendo con le autobotti. E sono costi aggiuntivi. Nelle colline della provincia di Ravenna (attorno al comune di Modigliana) la coltura del kiwi da oltre trent'anni ha trovato un territorio, un microclima e una rete produttiva favorevole, tanto che è una delle zone più vocate.



Le piogge di domenica 10 settembre hanno contribuito solo ad alleviare il problema. "Il nostro bacino aziendale si è prosciugato ai primi di agosto - racconta un giovane agricoltore - e da allora siamo in emergenza. Abbiamo 13 ettari di kiwi, per lo più Hayward, più del kiwi giallo. Il rio che alimenta il laghetto è rimasto senza acqua a maggio e le riserve non sono più bastate".

Ora l'agricoltore deve rifornirsi, ogni giorno, con botte aziendale trainata con il trattore, oppure con autocisterne, ma sono costi aggiuntivi molto pesanti. "Le autocisterne costano circa 200 euro + Iva ognuna. Ho calcolato un fabbisogno di circa 30 tonnellate di acqua l'ettaro, pur irrigando a goccia e dando il minimo indispensabile".

Gli agricoltori - e non solo di quel territorio - chiedono che i politici approvino un piano nazionale per realizzare dei bacini di raccolta dell'acqua. Durante i mesi più piovosi è indispensabile fare scorta di acqua da utilizzare poi non solo per l'agricoltura, ma anche a scopi potabili. Il clima sta cambiando e l'Italia rischia di diventare un paese siccitoso. Non c'è tempo da perdere, anche perché tali progetti hanno degli iter sempre troppo lunghi.

I frutticoltore che abbiamo intervistato spera di portare a termine la coltivazione, ma procedere così, ogni giorno, è dura. "Soprattutto le alte temperature di luglio e agosto hanno messo sotto stress le piante. Al momento della raccolta verificheremo calibri e qualità: stiamo facendo il massimo per ottenere la solita qualità, ma quest'anno sarà difficile".

Data di pubblicazione: 11/09/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

21/06/2018 Spagna: i furti di meloni si possono denunciare via WhatsApp
21/06/2018 Nuova Zelanda: due produttori di kiwi ricevono riconoscimento per la coltivazione sostenibile
21/06/2018 Chi si ama si premia con Zespri!
21/06/2018 L'Europa dovrebbe rivolgersi alla Croazia per l'approvigionamento di frutti esotici
21/06/2018 UniBo: le ciliegie Alma Mater a favore delle associazioni di volontariato
21/06/2018 Vendite a rilento per gli ananas sul libero mercato
21/06/2018 AOP Luce: una campagna albicocche deludente, ottimismo sulle varieta' medio-tardive
21/06/2018 Uve egiziane: la resa di quest'anno e' piuttosto limitata
21/06/2018 Fragole al nord, un'annata in rimessa netta
20/06/2018 Una stagione positiva per le ciliegie durone della Valle del Chiampo
20/06/2018 'Speriamo che il bel tempo e i Mondiali di calcio diano una spinta ai consumi'
20/06/2018 Egitto: giornata in campo ARRA™, operatori interessati alle varieta' precoci
20/06/2018 In Nuova Zelanda superati tutti i record, i prezzi dell'avocado raggiungono il massimo storico
20/06/2018 Svezia: mix di ananas, mirtilli e melone Piel de Sapo per sostenere la propria nazionale a Fifa 2018
20/06/2018 Partenza anticipata per le uve baresi
19/06/2018 Coldiretti: nel 2017 arrivate in Italia 100mila ton di frutta secca 'anonima'
19/06/2018 Confagricoltura Ferrara: ciliegie penalizzate dal maltempo
19/06/2018 Il crollo dei prezzi cambia il mercato dei piccoli frutti
19/06/2018 Spagna: meno rischi dovuti alla diversificazione delle aree di produzione di drupacee
19/06/2018 Cina: il volume di produzione delle ciliegie diminuisce del 70%

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*