Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Serve un Piano nazionale per realizzare bacini di raccolta

Kiwi e siccita', acqua con le autobotti

Produrre senza acqua non è possibile e così ci sono diversi agricoltori che da oltre un mese devono irrigare provvedendo con le autobotti. E sono costi aggiuntivi. Nelle colline della provincia di Ravenna (attorno al comune di Modigliana) la coltura del kiwi da oltre trent'anni ha trovato un territorio, un microclima e una rete produttiva favorevole, tanto che è una delle zone più vocate.



Le piogge di domenica 10 settembre hanno contribuito solo ad alleviare il problema. "Il nostro bacino aziendale si è prosciugato ai primi di agosto - racconta un giovane agricoltore - e da allora siamo in emergenza. Abbiamo 13 ettari di kiwi, per lo più Hayward, più del kiwi giallo. Il rio che alimenta il laghetto è rimasto senza acqua a maggio e le riserve non sono più bastate".

Ora l'agricoltore deve rifornirsi, ogni giorno, con botte aziendale trainata con il trattore, oppure con autocisterne, ma sono costi aggiuntivi molto pesanti. "Le autocisterne costano circa 200 euro + Iva ognuna. Ho calcolato un fabbisogno di circa 30 tonnellate di acqua l'ettaro, pur irrigando a goccia e dando il minimo indispensabile".

Gli agricoltori - e non solo di quel territorio - chiedono che i politici approvino un piano nazionale per realizzare dei bacini di raccolta dell'acqua. Durante i mesi più piovosi è indispensabile fare scorta di acqua da utilizzare poi non solo per l'agricoltura, ma anche a scopi potabili. Il clima sta cambiando e l'Italia rischia di diventare un paese siccitoso. Non c'è tempo da perdere, anche perché tali progetti hanno degli iter sempre troppo lunghi.

I frutticoltore che abbiamo intervistato spera di portare a termine la coltivazione, ma procedere così, ogni giorno, è dura. "Soprattutto le alte temperature di luglio e agosto hanno messo sotto stress le piante. Al momento della raccolta verificheremo calibri e qualità: stiamo facendo il massimo per ottenere la solita qualità, ma quest'anno sarà difficile".

Data di pubblicazione: 11/09/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/09/2017 Peru': si prevede un volume inferiore del 50% per l'uva da tavola della regione di Piura
26/09/2017 Corea: infezioni fungine post-raccolta sulle nuove cultivar di kiwi
26/09/2017 Rossovivo: un paniere con 120 tipi di piccoli frutti
26/09/2017 Spagna: inizio della campagna del kaki con gli stessi prezzi dell'anno scorso
26/09/2017 Romagna Mia, la nettarina bianca che matura a fine settembre
25/09/2017 Nuovo video Dole Snack Circle: Macedonia in barattolo
25/09/2017 Svizzera: stagione delle fragole 2017, la piu' scarsa degli ultimi sei anni
25/09/2017 Paesi Bassi: prima segnalazione di Truncatella angustata su mele Topaz in post-raccolta
25/09/2017 Roccamonfina (CE): la produzione di castagne precoci alle prese con gli effetti della siccita'
25/09/2017 Inghilterra: la raccolta di mele potrebbe diminuire del 20% per via delle gelate primaverili
25/09/2017 L'uva da tavola biologica in raccolta a Palagiano (TA)
25/09/2017 Verde, giallo, rosso: sul kiwi vincera' chi conquista il consumatore. Riflessioni a margine di Agri Kiwi Expo 2017
25/09/2017 VI.P 'Mela Val Venosta': una nuova organizzazione per affrontare le sfide del futuro
25/09/2017 Focus sul mercato mondiale dei kiwi
25/09/2017 Previsioni al ribasso per il raccolto di mele
25/09/2017 Renania-Palatinato (Germania): raccolto mele, mai cosi' basso
25/09/2017 Cina: introdotte sul mercato le mele Fuji di Luochuan
25/09/2017 La mela Honeycrisp non ha avuto un successo immediato, ma poi e' schizzata alle stelle
22/09/2017 Sudafrica: i settori drupacee e melagrane si preparano alle nuove normative UE
22/09/2017 California: il raccolto di prugne torna a livelli standard

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*