Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



I consumatori di Cina e Giappone preferiscono il mandarino Jaffa Orri

Il Plant Production and Marketing Board (Consiglio per la produzione e il marketing) di Israele ha condotto uno studio sensoriale di mercato sia in Cina sia in Giappone per valutare il potenziale e il posizionamento del mandarino Jaffa Orri / OR in questi mercati. I risultati indicano una significativa preferenza per tale tipologia.



Il 73% dei consumatori cinesi afferma che acquisterebbe i mandarini facili da sbucciare "Jaffa Orri", mentre raggiungono l'81% i consumatori giapponesi che affermano di acquistare tali mandarini (chiamati "Jaffa OR" in Giappone).

MMR Research Worldwide ha condotto la ricerca in Cina nell'aprile del 2017, intervistando 202 consumatori residenti a Pechino e Shanghai, con età fra i 25 e i 55 anni. Ad essere sotto esame il gradimento di Jaffa Orri rispetto ad altre varietà di mandarini disponibili sul mercato cinese.



Nel complesso, Jaffa Orri si è presentato molto meglio di Frutaria e Buzhihuo, ed è esponenzialmente migliore di Murcott. Jaffa Orri si è distinto in tutti i parametri sensoriali, raggiungendo o superando nel 70% dei casi il punteggio ottimale su colore, intensità dell'aroma, gusto e consistenza.

"E' interessante notare che molti consumatori hanno apprezzato il frutto, in particolare per il buon equilibrio di dolcezza e acidità" ha osservato Tal Amit, responsabile del settore agrumi presso il Plant Production and Marketing Board di Israele.

Una ricerca sensoriale analoga è stata condotta a Tokyo, in Giappone, da GfK Custom Research LLC su 200 uomini e donne di età compresa tra 30 e 60 anni; i risultati sono stati simili. Tra i consumatori giapponesi, l'81% ha dichiarato di acquistare mandarini Jaffa Orri, mentre solo il 46% ha optato per Ponkans e il 39% per Murcott.

I risultati della ricerca hanno rivelato che il gradimento di Jaffa Orri è molto superiore ai suoi concorrenti grazie a parametri quali "buon equilibrio di dolcezza-acidità", "succosità" e "consistenza".

"Questa è una notizia importante per i mandarini israeliani Jaffa Orri che hanno impiegato molti sforzi per accelerare la resa e garantire frutti di alta qualità – ha dichiarato Amit – Jaffa Orri è destinata ad aumentare i suoi volumi di esportazione verso la Cina e il Giappone nella prossima stagione, a partire da gennaio 2018".

Fonte: The Plant Production and Marketing Board

Data di pubblicazione: 06/09/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

26/09/2017 Spagna: la produzione di agrumi di Valencia diminuira' del 20%
26/09/2017 Prime previsioni sulla produzione di arance in Italia per la stagione 2017/18
26/09/2017 Cresce la domanda di pompelmo sui mercati asiatici
25/09/2017 Good Frutta: orientamento quasi integrale all'export nei Paesi dell'Est Europa
22/09/2017 Spagna: in passato settembre era il mese migliore per i mandarini
22/09/2017 I limoni bio PASAM: una scelta di sostenibilita' per un calendario di offerta piu' lungo
21/09/2017 Cipro del Nord: espansione per il settore agrumicolo
20/09/2017 Arancia rossa di Sicilia Igp, tempo di iscrizione
20/09/2017 Arancia di Ribera: iscrizione alla Dop fino al 30 settembre
20/09/2017 Cina: prezzi elevati per i mandarini
19/09/2017 Fare affari in Cina non e' cosi' difficile come molti potrebbero pensare
19/09/2017 Limoni turchi: si prevedono buoni prezzi
18/09/2017 Focus sul mercato mondiale dei mandarini
18/09/2017 Azienda egiziana mira a potenziare l'export di arance
15/09/2017 Ruby Valencia: l'arancia con il sapore e le caratteristiche del pompelmo
15/09/2017 La Cina e' il mercato a crescita piu' rapida per i ClemenGold
15/09/2017 Limone Costa d'Amalfi IGP: la UE approva le modifiche al disciplinare di produzione
14/09/2017 Limoni argentini: una media di 25 container da maggio a luglio verso l'Inghilterra
14/09/2017 Spagna: come produrre un buon volume di agrumi in un anno come questo?
14/09/2017 Stagione agrumicola 2017/18: previsto un calo nazionale del 5-10% in quantita'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*