Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Veneto: la cimice asiatica devasta i frutteti della Marca, danni fino al 50%

La cimice asiatica (Halyomorpha halys) sta devastando le mele nella zona di Nervesa della Battaglia (provincia di Treviso), con danni che si presume possano arrivare fino al 50% e oltre, ma anche le pere, i kiwi e le viti. Nelle zone di Caerano S. Marco, Maser, Lovadina e Montebelluna a essere aggredite sono state prima le ciliegie e ora le mele, le pere e i kiwi.

"Sono tanti gli agricoltori disperati, è un disastro - dice Stefania Kofler, presidente dei frutticoltori di Confagricoltura Treviso -. Gli insetti dalla primavera si sono riprodotti in modo incredibile e ora si vedono a occhio nudo su tutte le piante. In questo momento stanno attaccando soprattutto le mele Gala. Siamo molto preoccupati perché il tessuto dei frutti in formazione viene interamente succhiato dagli insetti, causando un effetto sughero con deformazione e marcescenza. Il frutto, a quel punto, è da buttare. Notiamo che gli insetti - osserva - si stanno spostando anche sulle mele Fuji e le Pink Lady, che si raccoglieranno successivamente. Inoltre stanno comparendo le prime punture sulla scorza dei kiwi".

La cimice asiatica è un insetto vorace e aggressivo, che si riproduce velocemente e attacca qualsiasi pianta, devastando le colture in grande quantità. Negli anni scorsi a esserne colpite erano state l'Emilia-Romagna e il Piemonte, che hanno iniziato ad attrezzarsi con task force dedicate e monitoraggi, mettendo in campo reti chiuse anti insetti e lotta integrata con insetticidi.

"Tra una decina di giorni - annuncia Stefania Kofler - convocherò i frutticoltori per fare il punto della situazione e valuteremo l'opportunità di chiedere lo stato di calamità".

Nel 2016 la cimice asiatica, che si riproduce quattro volte tanto quella nostrana, ha procurato un danno stimato dal 20 al 40% della produzione al comparto delle pere emiliano. Non ha antagonisti naturali: sverna nelle case e negli anfratti riparati, quindi da marzo a fine estate continua a fare uova e si riproduce in maniera massiccia. Una cimice può fare fino a 200 uova e si sposta velocemente, in sciame, percorrendo anche cinque chilometri al giorno.

Fonte: www.oggitreviso.it

Data di pubblicazione: 31/07/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/10/2017 La quota di mercato di UVASYS e' cresciuta insieme alla produzione di uva da tavola
17/10/2017 Brasile: la produzione di angurie aumenta rapidamente
17/10/2017 Una buona stagione per i mirtilli
17/10/2017 USA: -18% per i prezzi delle nocciole dell'Oregon, dopo un raccolto turco record
17/10/2017 Coldiretti Emilia-Romagna: produzione di castagne in calo del 50%
17/10/2017 Pomel prova a sondare i mercati esteri con il melograno biologico
16/10/2017 La Pera Igp dell'Emilia Romagna rinnova il disciplinare
16/10/2017 Nasce il progetto In-Noce: riunisce undici aziende agricole di Emilia-Romagna e Marche
16/10/2017 Germania: il numero delle varieta' di mele continua ad aumentare
16/10/2017 Polonia: esportazioni di mele aumentate dell'11% nella campagna 2016/17
16/10/2017 La ricetta della ditta commerciale Forcina Antonio: selezionare solo la frutta migliore
16/10/2017 Gli esportatori egiziani stabiliscono i requisiti di sviluppo per l'esportazione dell’uva
16/10/2017 Washington: nuova varieta' di mela si fa strada sul mercato
16/10/2017 USA: i melicoltori prevedono un'ottima stagione, ma non tutti gli stati sono cosi' fortunati
13/10/2017 Prospettive ottime per la produzione di cachi mela
13/10/2017 Argentina: previsti danni sul 6% dei mirtilli a causa della grandine
13/10/2017 In arrivo lamponi dalla Tanzania, piccoli frutti peruviani e more messicane
13/10/2017 Tardiva d'ottobre: una selezione di nettarina che allunga il calendario
13/10/2017 La commercializzazione di pomacee continua su toni favorevoli in Italia e all'estero
13/10/2017 Polonia: la produzione frutticola dovrebbe diminuire del 30-35% rispetto al 2016

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*