Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Lo sfogo di una produttrice calabrese

Aiuti agli agricoltori: ma dove sono queste grandi lotte millantate?

In questi giorni, la parola "tutela" con annesso aggettivo "mancata" è apparsa diverse volte negli articoli di FreshPlaza. Gli agricoltori chiedono a gran voce fatti, non parole o promesse mai mantenute.

"Non c'è un solo giorno in cui ci svegliamo e non dobbiamo combattere contro avversità climatiche e burocratiche - sostiene Maria Malagrino', agricoltrice molto social ma poco calma, come si è definita lei stessa - L'agricoltura è cibo e noi agricoltori italiani siamo sommersi da adempimenti dalla mattina alla sera. Ci vengono richiesti certificati e patentini per qualsiasi cosa, naturalmente tutto a pagamento, per poi vedere il nostro prodotto riscuotere quattro soldi a favore di referenze estere, importate senza controllo, a basso costo e che forse non sono del tutto ineccepibili sotto il profilo dei residui".

"Di carattere sono una che sin da piccola ha sempre studiato, ha sempre letto e lo faccio tutt'ora - continua Maria - Avrei potuto ambire a un bel posto in banca o abilitarmi alla professione di commercialista: sarebbe stato tutto più semplice e appagante. Invece no, ho deciso di percorrere la via più tortuosa, quella dell'agricoltura moderna... Quando a 23 anni, finiti gli studi, mio padre mi chiese se avevo voglia di seguire le sue orme e sporcarmi le mani, la risposta è venuta da sé perché ho sempre ammirato prima mio nonno e dopo mio padre proprio per quel loro sporcarsi le mani con la terra, nostra linfa vitale".



Con il suo ingresso in azienda, Maria ha deciso di distaccarsi da quelle che sono le "famose sigle che si millantano protettrici degli agricoltori, perché tutto sono tranne che questo. Ho sempre fatto da sola, per quello che mi è stato possibile; per il resto, mi sono affidata a organizzazioni molto meno conosciute ma molto più serie e umane, veramente attente agli agricoltori e non alle proprie tasche".

Fatti non parole!
Maria porta un esempio: "Tre anni fa abbiamo avuto l'alluvione ed è il terzo anno consecutivo che la Piana di Sibari viene colpita dal gelo; aiuti non ne abbiamo visti, ma a inizio del 2017 tutti a fare voci grosse. E poi? Ora vedo aziende che hanno ettari di angurie ancora non raccolte perché al supermercato il prodotto si vende addirittura a 0,09 euro/kg. Quanto arrivi al produttore - ossia nemmeno le spese di raccolta o produzione! - ve lo lascio immaginare. Ma di cosa stiamo parlando?".

"Le aziende certificate Bio, in Calabria, non vedono gli aiuti a loro destinati dalla comunità europea dal 2015; gli ultimi pagamenti sono stati effettuati a ottobre di quell'anno. Nel frattempo, ne sono passati due e molte realtà sono al collasso, non hanno più un centesimo. Questa è una delle estati più calde da trent'anni a questa parte; ormai le riserve di acqua stanno terminando e noi, perché i nostri agrumi possano crescere, dobbiamo dargli bere: solo di corrente e gasolio per alimentare i nostri pozzi spendiamo 2.000 euro al mese, se ci va bene...".



Il 24 luglio scorso, Maria ha letto che il ministro Martina dichiarava: "Aumenteremo l'anticipo degli aiuti europei per dare più liquidità alle imprese".

"Caro ministro Martina, noi in Calabria dall'ARCEA (Agenzia Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura) non vediamo soldi dal lontano 2015. Si svegli! Le tanto care sigle che millantano di difendere gli agricoltori, lo facciano non solo a parole e bandiere... Io queste grandi lotte a nostro favore finora non le ho viste e continuo a non vederle".

Data di pubblicazione: 31/07/2017
Autore: Maria Luigia Brusco
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/07/2018 Francia e Germania sono unite contro i tagli ai fondi della PAC
19/07/2018 Agrinsieme: consumo di suolo, si aggrava la situazione
19/07/2018 Certificazione QS: ora e' possibile anche per le aziende certificate GlobalGAP Opzione 2
19/07/2018 Tutti dovremmo fare qualcosa per cambiare il mondo. E non solo nel settore del packaging
19/07/2018 Sicilia: progetto Med-Gold per rispondere ai cambiamenti climatici
19/07/2018 Anche in Cina cresce il ruolo della confezione nella presentazione della frutta
18/07/2018 Stati Uniti: successo per l'Organic Produce Summit, buona l'affluenza
18/07/2018 Lo sviluppo del mercato biologico francese
18/07/2018 La Cina potrebbe salvare i produttori ortofrutticoli serbi
18/07/2018 Giansanti (Confagricoltura): senza PAC l'agricoltura italiana non ha futuro
18/07/2018 La regione piu' innovativa d'Europa e' l'Emilia Romagna
18/07/2018 Vertice Ue‑Giappone: una tappa storica per gli scambi commerciali e la cooperazione
18/07/2018 Italia a due velocita': maltempo al nord, vento e siccita' in Sicilia
17/07/2018 I principali importatori mondiali del 2017
17/07/2018 Grandine sparsa in diverse zone del nord d'Italia
17/07/2018 Putin proroga l'embargo a fine 2019
17/07/2018 Bio-Siegel: il marchio di qualita' piu' famoso in Germania
16/07/2018 UE: in 26 anni diminuite del 22% le emissioni di CO2 dall'agricoltura
16/07/2018 Centro Italia: bacini pieni, estate senza rischio siccita'
16/07/2018 Le reti protettive Arrigoni per bloccare l'insetto vettore della Xylella

 

Commenti:


Concordo pienamente con i relatori precedenti, voglio ricordare al Ministro e al Presidente Oliverio che quest'anno è stata un'annata difficile sia per la gelatura di gennaio e sia per la siccità. Chiedo che fine ha fatto il protocollo d'intesa per l'aumento di acqua per la nostra regione tra la Regione Calabria e la Regione Basilicata il tutto alla presenza del ministro Martina.cosa hanno avuto i produttori per la gelatura ?
Tutti gli organi competenti si facessero un esame di coscienza , dando delle risposte concrete.
Giuseppe MARINO, Rocca Imperiale, COSENZA (email) - 23/08/2017 21:10:17


Dottoressa Maria Malagrinò,il vostro discorso con titolo Aiuti agli Agricoltori;ma dove sono queste..............................;è giustissimo,io sono un agronomo,lo condivido in pieno.Tre anni fa abbiamo avuto l'alluvione ed è il terzo anno consecutivo che la Pianura di Sibari viene colpita dal gelo;leggete con attenzione l'articolo e rimarrete sbigottiti.
Leonardo Cimino, Corigliano Calabro 87064, Italia (email) - 21/08/2017 13:22:39


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*