Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Performance dell'uva da tavola senza semi BRS Isis, resistente al mal bianco

BRS Isis è una nuova uva da tavola senza semi colorata resistente al mal bianco, la principale malattia dei vigneti nelle zone umide subtropicali. Questa nuova cultivar senza semi è un ibrido interspecifico risultante dall'incrocio del CNPUV 681-29 [Arkansas 1976 X CNPUV 147-3 (Niagara White x Venus)] x BRS Linda, ed è stato rilasciata di recente da Embrapa Grape and Wine, centro di ricerca brasiliano sull'uva e il vino.



La regione settentrionale dello Stato di Paranà è una zona consolidata nella produzione di uve da tavola, in particolare delle varietà Benitaka, Italia, Rubi e Brasile. In questa zone, viste le miti condizioni invernali e subtropicali, si ottengono due raccolti all'anno. Pertanto, la coltivazione di uve senza semi, come la BRS Isis, potrebbe essere un'alternativa per diversificare l'attuale sistema produttivo, aprendo la possibilità del mercato internazionale.

Tuttavia, non esiste alcuna informazione sulla performance dell'uva BRS Isis nello stato di Paranà, ed è per questo che i ricercatori dell'Università di Londrina e dell'Embrapa Grape and Wine hanno valutato la performance di questa nuova varietà direttamente in vigneto nella scorsa stagione 2016 nella città di Marialva.

I risultati delle valutazioni sono riportati nella tabella.

Sulla base delle osservazioni, la resa di BRS Isis coltivata in zone subtropicali è considerata alta per mantenere una coltura sostenibile nel tempo, per cui, per ottenere una resa regolare e possibilmente dell'uva con un maggior contenuto di solidi solubili, è auspicabile mantenere 5 grappoli a metro quadro dopo la formazione dei frutti.

Fonte: Saeed Ahmed,Sergio R. Roberto, Ronan C. Colombo, Renata Koyama, Muhammad Shahab, Reginaldo T. Souza, 'Performance of the new seedless grape 'BRS Isis' grown in subtropical area', 2017, 40th World Congress of Vine and Wine.

Data di pubblicazione: 31/07/2017
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/10/2017 La quota di mercato di UVASYS e' cresciuta insieme alla produzione di uva da tavola
17/10/2017 Brasile: la produzione di angurie aumenta rapidamente
17/10/2017 Una buona stagione per i mirtilli
17/10/2017 USA: -18% per i prezzi delle nocciole dell'Oregon, dopo un raccolto turco record
17/10/2017 Coldiretti Emilia-Romagna: produzione di castagne in calo del 50%
17/10/2017 Pomel prova a sondare i mercati esteri con il melograno biologico
16/10/2017 La Pera Igp dell'Emilia Romagna rinnova il disciplinare
16/10/2017 Nasce il progetto In-Noce: riunisce undici aziende agricole di Emilia-Romagna e Marche
16/10/2017 Germania: il numero delle varieta' di mele continua ad aumentare
16/10/2017 Polonia: esportazioni di mele aumentate dell'11% nella campagna 2016/17
16/10/2017 La ricetta della ditta commerciale Forcina Antonio: selezionare solo la frutta migliore
16/10/2017 Gli esportatori egiziani stabiliscono i requisiti di sviluppo per l'esportazione dell’uva
16/10/2017 Washington: nuova varieta' di mela si fa strada sul mercato
16/10/2017 USA: i melicoltori prevedono un'ottima stagione, ma non tutti gli stati sono cosi' fortunati
13/10/2017 Prospettive ottime per la produzione di cachi mela
13/10/2017 Argentina: previsti danni sul 6% dei mirtilli a causa della grandine
13/10/2017 In arrivo lamponi dalla Tanzania, piccoli frutti peruviani e more messicane
13/10/2017 Tardiva d'ottobre: una selezione di nettarina che allunga il calendario
13/10/2017 La commercializzazione di pomacee continua su toni favorevoli in Italia e all'estero
13/10/2017 Polonia: la produzione frutticola dovrebbe diminuire del 30-35% rispetto al 2016

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*