Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Performance dell'uva da tavola senza semi BRS Isis, resistente al mal bianco

BRS Isis č una nuova uva da tavola senza semi colorata resistente al mal bianco, la principale malattia dei vigneti nelle zone umide subtropicali. Questa nuova cultivar senza semi č un ibrido interspecifico risultante dall'incrocio del CNPUV 681-29 [Arkansas 1976 X CNPUV 147-3 (Niagara White x Venus)] x BRS Linda, ed č stato rilasciata di recente da Embrapa Grape and Wine, centro di ricerca brasiliano sull'uva e il vino.



La regione settentrionale dello Stato di Paranā č una zona consolidata nella produzione di uve da tavola, in particolare delle varietā Benitaka, Italia, Rubi e Brasile. In questa zone, viste le miti condizioni invernali e subtropicali, si ottengono due raccolti all'anno. Pertanto, la coltivazione di uve senza semi, come la BRS Isis, potrebbe essere un'alternativa per diversificare l'attuale sistema produttivo, aprendo la possibilitā del mercato internazionale.

Tuttavia, non esiste alcuna informazione sulla performance dell'uva BRS Isis nello stato di Paranā, ed č per questo che i ricercatori dell'Universitā di Londrina e dell'Embrapa Grape and Wine hanno valutato la performance di questa nuova varietā direttamente in vigneto nella scorsa stagione 2016 nella cittā di Marialva.

I risultati delle valutazioni sono riportati nella tabella.

Sulla base delle osservazioni, la resa di BRS Isis coltivata in zone subtropicali č considerata alta per mantenere una coltura sostenibile nel tempo, per cui, per ottenere una resa regolare e possibilmente dell'uva con un maggior contenuto di solidi solubili, č auspicabile mantenere 5 grappoli a metro quadro dopo la formazione dei frutti.

Fonte: Saeed Ahmed,Sergio R. Roberto, Ronan C. Colombo, Renata Koyama, Muhammad Shahab, Reginaldo T. Souza, 'Performance of the new seedless grape 'BRS Isis' grown in subtropical area', 2017, 40th World Congress of Vine and Wine.

Data di pubblicazione: 31/07/2017
Autore: Emanuela Fontana
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/02/2018 La Colombia potrebbe diventare il secondo piu' importante produttore di avocado
23/02/2018 Belgio: disponibili le prime mele Magic Star in quantita' limitate
23/02/2018 Le mele ucraine si adattano perfettamente al mercato svedese
23/02/2018 Nocciola Piemonte IGP: avviate le procedure per aggiungere la dicitura 'delle Langhe'
23/02/2018 Royal Gala, William e uve apirene tirano la volata al bio
23/02/2018 Melinda: previste buone remunerazioni per i frutticoltori
23/02/2018 Gruppo di Contatto Fragola Italia-Francia-Spagna: la Basilicata resta il primo produttore italiano
23/02/2018 I produttori italiani di kiwi in visita in Nuova Zelanda
22/02/2018 Accordo tra Intesa Sanpaolo e Loacker per per sostenere la filiera della produzione di nocciole italiane
22/02/2018 Stagione ottima per i melicoltori polacchi
22/02/2018 USA: i melicoltori piantano piu' ettari di mele EverCrisp
22/02/2018 Kiwi al Sud Italia: un'opportunita' in continua espansione
22/02/2018 La stagione spagnola dell’avocado finira' un mese prima con prezzi molto alti
22/02/2018 Ai kiwi neozelandesi di grosso calibro, seguono quelli piccoli italiani
21/02/2018 Pink Lady fa il pienone al Fruit Logistica
21/02/2018 Record per i prezzi delle mele spagnole
21/02/2018 Report annuale 2017 sull'import/export di mele cinesi
21/02/2018 Guide tascabili Dole per (ri)scoprire tutto il meglio della frutta e come e' facile mangiarla
21/02/2018 Una stagione anomala per l'avocado verde
21/02/2018 Coprire i ciliegi ormai e' una priorita'

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Cittā: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*