Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli agrumi combattono la demenza

Il consumo di agrumi, secondo uno studio condotto in Giappone dalla Tohoku University (vedi qui) è legato ad una minore incidenza della demenza. Potrebbe non essere una mela al giorno a togliere il medico di torno, ma un'arancia. O un pompelmo, un limone, due mandarini. Gli agrumi, grazie alle sostanze antiossidanti contenute mantengono il cervello "giovane", afferma la ricerca di recente pubblicazione.

Gli agrumi fanno bene al cervello, conclusione tratta confrontando dati raccolti in anni. In pratica, è stata condotta una sorta di analisi statistica, basandosi su uno studio di dieci anni fa condotto su uomini e donne di oltre 65 anni viventi in un'area precisa. 5-7 anni dopo un'ulteriore indagine e oggi quella conclusiva.

I soggetti presi in considerazione sono stati oltre 13 mila. A queste persone sono stati sottoposti quesiti sulle loro abitudini alimentari, e in particolare sul consumo di arance e simili. I soggetti sono quindi stati suddivisi in gruppi: chi consuma agrumi su base giornaliera, chi 3 o 4 a settimana, chi meno di due volte a settimana. Tenendo in considerazione alcuni fattori come età, stato di salute generale, è emerso che le persone che consumano più agrumi hanno il 23% di possibilità in più di non sviluppare la demenza.

I flavonoidi in essi contenuti avrebbero infatti il potere di prevenire la neuro-degenerazione. E la conseguente perdita di funzioni cognitive tipica di malattie come la demenza. Tuttavia si tratta di una patologia complessa, e gli autori dello studio ammettono alcuni limiti. Ma la statistica ha dati piuttosto evidenti, ed è una strada che non si può tralasciare di percorrere. E' emerso inoltre che chi consuma più agrumi sono le donne, mediamente più istruite e conduttrici di stili di vita sani. Chi mangia meno agrumi è tendenzialmente chi ha abitudini alimentari scarsamente sane e poca cultura alimentare.

Fonte: www.stile.it

Data di pubblicazione: 31/07/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/07/2018 Il succo di mirtillo favorisce il drenaggio dei liquidi
18/07/2018 Greenyard si difende dalle accuse dopo la contaminazione da Listeria
18/07/2018 Sistema comunitario di allerta: 18 notifiche ortofrutticole nelle ultime due settimane
17/07/2018 Cloropicrina: oltre alla deroga serve piu' ricerca
17/07/2018 Questione cloropicrina: a rischio la fragolicoltura italiana senza deroga all'uso
16/07/2018 Osservatorio Grana Padano: poca verdura e pesce per quattro italiani su dieci
13/07/2018 Sostenere le vendite di fragole rilanciandone alcuni usi alternativi
12/07/2018 Approccio innovativo per la sterilizzazione dell'acqua di lavaggio delle insalate di IV gamma
12/07/2018 Listeria: richiamato mix di verdure surgelate Pinguin
11/07/2018 Ananas e bromelina, un enzima utile per l’uomo
11/07/2018 Noci, mandorle e nocciole migliorano la fertilita' maschile
11/07/2018 L'Ue sospende i controlli aggiuntivi sulle fragole egiziane
11/07/2018 Listeria sugli ortofrutticoli: un problema da non sottovalutare
10/07/2018 Listeria, Codacons: bloccare gli ortaggi surgelati provenienti dall'Ungheria
09/07/2018 I componenti nutrizionali di frutta e ortaggi: una tabella sintetica
09/07/2018 Listeria: ritiro precauzionale di alimenti surgelati in tutta Europa
06/07/2018 Listeria monocytogenes: aggiornamento sul focolaio infettivo trasmesso da alimenti
05/07/2018 USA: indagini su lattuga contaminata da E. coli vicine a una conclusione
04/07/2018 Le cinque verdure che sarebbe meglio mangiare cotte
03/07/2018 Coldiretti: la top ten della frutta amica dell'abbronzatura

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*