Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli agrumi combattono la demenza

Il consumo di agrumi, secondo uno studio condotto in Giappone dalla Tohoku University (vedi qui) è legato ad una minore incidenza della demenza. Potrebbe non essere una mela al giorno a togliere il medico di torno, ma un'arancia. O un pompelmo, un limone, due mandarini. Gli agrumi, grazie alle sostanze antiossidanti contenute mantengono il cervello "giovane", afferma la ricerca di recente pubblicazione.

Gli agrumi fanno bene al cervello, conclusione tratta confrontando dati raccolti in anni. In pratica, è stata condotta una sorta di analisi statistica, basandosi su uno studio di dieci anni fa condotto su uomini e donne di oltre 65 anni viventi in un'area precisa. 5-7 anni dopo un'ulteriore indagine e oggi quella conclusiva.

I soggetti presi in considerazione sono stati oltre 13 mila. A queste persone sono stati sottoposti quesiti sulle loro abitudini alimentari, e in particolare sul consumo di arance e simili. I soggetti sono quindi stati suddivisi in gruppi: chi consuma agrumi su base giornaliera, chi 3 o 4 a settimana, chi meno di due volte a settimana. Tenendo in considerazione alcuni fattori come età, stato di salute generale, è emerso che le persone che consumano più agrumi hanno il 23% di possibilità in più di non sviluppare la demenza.

I flavonoidi in essi contenuti avrebbero infatti il potere di prevenire la neuro-degenerazione. E la conseguente perdita di funzioni cognitive tipica di malattie come la demenza. Tuttavia si tratta di una patologia complessa, e gli autori dello studio ammettono alcuni limiti. Ma la statistica ha dati piuttosto evidenti, ed è una strada che non si può tralasciare di percorrere. E' emerso inoltre che chi consuma più agrumi sono le donne, mediamente più istruite e conduttrici di stili di vita sani. Chi mangia meno agrumi è tendenzialmente chi ha abitudini alimentari scarsamente sane e poca cultura alimentare.

Fonte: www.stile.it

Data di pubblicazione: 31/07/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/10/2017 L'olio migliora l'assorbimento dei nutrienti dell'insalata
16/10/2017 Il probiotico Lactobacillus acidophilus e le proprieta' benefiche del succo di mela
13/10/2017 La zucca fa bene alla pelle e alle unghie
12/10/2017 Richiamo per cime di rapa dopo caso di botulismo alimentare
11/10/2017 Spinaci surgelati ritirati, controlli negativi: non c'era mandragora
11/10/2017 Castagne: il valore nutraceutico del riccio
10/10/2017 Banane e avocado proteggono da malattie cardiache, infarto e ictus
09/10/2017 Le carote, ricche di proprieta' benefiche
06/10/2017 Le castagne combattono la stanchezza
06/10/2017 Gli anacardi sono ricchi di minerali e sostanze protettive per la salute
05/10/2017 Il Nac di Parma sequestra 27 tonnellate di prodotti ortofrutticoli senza tracciabilita'
05/10/2017 Ritirato lotto di spinaci surgelati per sospetta presenza di mandragora
04/10/2017 I polifenoli delle mele contro l'iper-assorbimento di glucosio e il diabete
04/10/2017 La parte piu' salutare dell'avocado e' quella che viene gettata via
03/10/2017 E' il tempo della dieta dell'uva
03/10/2017 Verdure meno nutrienti per colpa dell’aumento di CO2 nell'aria
03/10/2017 USA: soddisfare il consumo di frutta con succhi 100% frutta
02/10/2017 Commissione Europea: approvato l'utilizzo del cloruro di sodio per il controllo di fitopatie e parassiti
02/10/2017 La frutta a guscio aiuta a combattere l'obesita'
02/10/2017 Junk food o alimenti naturali: il nostro peso rivela come vediamo il cibo

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*