Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli agrumi combattono la demenza

Il consumo di agrumi, secondo uno studio condotto in Giappone dalla Tohoku University (vedi qui) è legato ad una minore incidenza della demenza. Potrebbe non essere una mela al giorno a togliere il medico di torno, ma un'arancia. O un pompelmo, un limone, due mandarini. Gli agrumi, grazie alle sostanze antiossidanti contenute mantengono il cervello "giovane", afferma la ricerca di recente pubblicazione.

Gli agrumi fanno bene al cervello, conclusione tratta confrontando dati raccolti in anni. In pratica, è stata condotta una sorta di analisi statistica, basandosi su uno studio di dieci anni fa condotto su uomini e donne di oltre 65 anni viventi in un'area precisa. 5-7 anni dopo un'ulteriore indagine e oggi quella conclusiva.

I soggetti presi in considerazione sono stati oltre 13 mila. A queste persone sono stati sottoposti quesiti sulle loro abitudini alimentari, e in particolare sul consumo di arance e simili. I soggetti sono quindi stati suddivisi in gruppi: chi consuma agrumi su base giornaliera, chi 3 o 4 a settimana, chi meno di due volte a settimana. Tenendo in considerazione alcuni fattori come età, stato di salute generale, è emerso che le persone che consumano più agrumi hanno il 23% di possibilità in più di non sviluppare la demenza.

I flavonoidi in essi contenuti avrebbero infatti il potere di prevenire la neuro-degenerazione. E la conseguente perdita di funzioni cognitive tipica di malattie come la demenza. Tuttavia si tratta di una patologia complessa, e gli autori dello studio ammettono alcuni limiti. Ma la statistica ha dati piuttosto evidenti, ed è una strada che non si può tralasciare di percorrere. E' emerso inoltre che chi consuma più agrumi sono le donne, mediamente più istruite e conduttrici di stili di vita sani. Chi mangia meno agrumi è tendenzialmente chi ha abitudini alimentari scarsamente sane e poca cultura alimentare.

Fonte: www.stile.it

Data di pubblicazione: 31/07/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/02/2018 Il limone e' una miniera di proprieta' salutari e cosmetiche
23/02/2018 Proprieta' e valori nutrizionali della frutta disidratata
22/02/2018 La batata e' ricca di sostanza salutari sia nella polpa che nella buccia
21/02/2018 Le proprieta' antinfiammatorie dei mirtilli e dell'uva nera
20/02/2018 Junk food e tumori: in un nuovo studio le possibili correlazioni
19/02/2018 Il valore nutrizionale dei micro-ortaggi
16/02/2018 Le proprieta' terapeutiche dello scalogno
16/02/2018 Roma: si' ai menu' vegani e vegetariani nelle mense scolastiche
16/02/2018 Il cavolo verza aiuta l'apparato digerente
15/02/2018 Gli anacardi possono combattere l'ipertensione e migliorare i livelli di colesterolo
14/02/2018 Gli spinaci sono ricchi di fibre e di acido folico
14/02/2018 Il carciofo e' alleato del fegato e del cuore
13/02/2018 EFSA: piu' fondi pubblici per la sicurezza alimentare
13/02/2018 Parma: sequestrate 20mila confezioni di conserve
13/02/2018 Aceto di mele: uno studio conferma gli effetti sulla linea
12/02/2018 Il virus New Delhi si diffonde in Marocco
12/02/2018 Il valore funzionale di nove cultivar di aglio
06/02/2018 Gli ortaggi a foglia verde rallentano il declino cognitivo
05/02/2018 Il cavolo nero e' un ortaggio versatile e ricco di proprieta' salutari
05/02/2018 I cavoletti di Bruxelles sono ricchi di antiossidanti utili a contrastare i radicali liberi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*