Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Il caso Amazon-Whole Foods: quando la vendita alimentare si organizza sulla base di algoritmi

L'acquisizione della catena Whole Foods Market da parte del gigante americano delle vendite online Amazon potrebbe provocare una vera e propria rivoluzione nel settore alimentare.

Questo perlomeno è il parere di Willem Grievink (in foto), dell'olandese Foodservice Institute Nederland. "Si diceva di Zalando che non avrebbe mai ingranato. Il fatto che questi retailer online non facciano soldi da ogni aspetto della loro attività, è irrilevante. Le persone non pensano secondo i vecchi modelli di business o di guadagno. L'intero sistema Amazon, persino i servizi cloud, sono molto redditizi, in realtà".

"Ogni abbonato Amazon ora paga una tariffa annuale di 235 dollari e viene quindi sollevato da tutto e riceve la spesa direttamente a casa. Questo vale per i consumatori, ma anche per i piccoli negozi e i ristoranti. Nel frattempo, si stanno sperimentando le consegne a domicilio con i droni. Ci vogliono soldi, certo... ma immaginate quanti passaggi si stanno eliminando dalla catena di fornitura. L'intero processo di acquisto, il cross docking e l'immagazzinamento vengono eliminati - ha spiegato Grievink - Potrebbe sembrare un modello ancora lontano e futuribile, ma sarà realtà tra una decina di anni. Sicuramente in America e prevedo che Gran Bretagna, Francia e Germania saranno i primi in Europa".

"Questo offre nuove opportunità, soprattutto ai piccoli fornitori. Le dimensioni dei suoi fornitori non importano molto ad Amazon. L'azienda esamina gli algoritmi e può effettuare connessioni automatiche per i produttori che vogliono vendere qualche pallet di fragole agli appassionati - ha continuato Jan-Willem - Conoscono i modelli di acquisto dei clienti e per questo possono offrire ai clienti una nuova varietà o un dessert che li soddisfa. Possiamo dire che questo tipo di informazioni, sul cliente e il suo comportamento, è inquietante, ma sicuramente apprezziamo il fatto di essere stati alleggeriti".

La cancellazione dei confini tra competenze
La maggior parte di rivenditori che hanno aggiunto anche un servizio di ristorazione nei loro esercizi hanno a che fare con costi elevati e con un'esplosione di complessità nella gestione del sistema. Lo stesso vale per le società di catering: devono imparare le competenze degli altri o assumere nuovo personale. Eppure alla fine la capacità di cancellare i confini tra categorie, competenze e mansioni, offrendo "di tutto di più" risulterà vincente e sottrarrà miliardi di euro alle attività specialistiche del settore del food. Tutti potenziali proventi che supermercati e catering tradizionali dovranno cedere.

"Il cibo è sempre più moda e fa parte dello stile di vita. Per tutti. Si tratta di avere esperienza; le persone chiedono valore aggiunto. Vedo produttori che non ne offrono a sufficienza. Lo stesso lo vedo con i supermercati. Non fatevi illudere dall'idea che il consumatore non se lo aspetta. Quando La Place ha cominciato a servire succo d'arancia spremuto fresco a 3,95 euro, ha scoperto c'era - eccome! - un mercato per esso. Il consumatore è molto più avanti di quanto pensiamo. Il problema è spesso che un produttore con circa 60 ettari coltivati a pomodori lavora per tenere i costi bassi e per recuperare energia, piuttosto che per creare il pomodoro più saporito del mondo. Pensano che sia un lavoro diverso. Spesso parlo con produttori che non sanno nemmeno dove vadano a finire i loro prodotti e come si vendano nei supermercati. E' incredibile!"

"Abbiamo una fornitura eccessiva di molti prodotti nei Paesi Bassi e una grande quantità di supermercati che non vogliono essere più costosi dei loro colleghi. Ecco perché c'è così tanta attenzione sui prezzi e poca varietà. Sopravvivere nella giungla del convenzionale significa scegliere la via del prezzo (più basso). Si può ovviare a questo operando in una catena chiusa, ma ciò richiede molto impegno da parte delle aziende, perché occorre conoscere il cliente dei vostri clienti e offrire un reale valore aggiunto. Sono convinto che ci sia spazio anche per lavorare su piccola scala. Ecco perché mi aspetto un crescente mercato per le attività specializzate nei Paesi Bassi. In breve, richiede saper fare le giuste scelte, ma tutto comincia con l'amore per i propri prodotti".  

Per maggiori informazioni:
Email: Jan-Willem Grievink
FoodService Instituut Nederland
Web: www.fsin.nl

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti id i ritti riservati.

Data di pubblicazione: 31/07/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2017 Prodotti locali, biologici e ortaggi dimenticati sono in voga nei menu' svedesi
19/10/2017 Roma: riapre il mercato contadino del Circo Massimo
19/10/2017 Germania: il supermercato online del futuro parte da Brema
18/10/2017 Mela Val Venosta: formazione nei meleti per i responsabili del reparto ortofrutta
18/10/2017 Supermercati, scegliere bene per risparmiare
17/10/2017 Amazon non e' il primo rivenditore ad andare offline
16/10/2017 I punti vendita al dettaglio in Francia
13/10/2017 Conad con WWF Italia per un futuro a misura d'uomo
12/10/2017 I supermercati svedesi coprono una superficie adatta a un mercato da 50 milioni di consumatori
11/10/2017 Federdistribuzione: qualche segnale positivo dal trend dei prodotti alimentari
10/10/2017 Mela Val Venosta premia la fedelta' dei fruttivendoli Amici delle Coccinelle
10/10/2017 Commercio al dettaglio: il valore delle vendite aumenta per supermercati e discount
09/10/2017 Rapporti con la Gdo: la legge tutela il fornitore?
09/10/2017 Eurospin lancia la linea 'Amo Essere Biologico'
09/10/2017 Unicoop Tirreno e MyFoody contro lo spreco alimentare
06/10/2017 Italia fanalino di coda sulle vendite online
06/10/2017 Food Coop: quando il supermercato lo fanno i clienti consumatori
06/10/2017 Esselunga rivoluziona l'infrastruttura grazie a Manhattan Associates
05/10/2017 CRAI: pronta la nuova Piattaforma Ortofrutta
05/10/2017 Sacchetti per ortofrutta: dal 1° gennaio 2018 saranno biodegradabili e compostabili, ma a pagamento

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*