Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico

In relazione al nostro recente intervento dal titolo "Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?", diverse sono state le considerazioni giunte in Redazione; da chi ritiene che un'azienda che lavora nella legalità non debba essere sottoposta a ulteriori certificazioni di prodotto, a chi pensa - senza entrare nella questione del libero mercato - che se un'azienda lavora bene ("eticamente", diciamo) abbia un costo di produzione facilmente calcolabile e uguale a tutte le aziende che lavorano bene.

Perché dunque ai vari operatori viene permesso di acquisire e/o addirittura contrattare prodotti al di sotto del costo di produzione? Il settore agricolo, insomma, sembrerebbe l'unico ad andare contro la logica del mercato, vendendo le proprie produzioni a meno di quanto costa produrle.

Secondo un altro produttore, rimane vero che la risoluzione del problema è nelle mani del consumatore. Che va dunque informato, educato, coinvolto... ed è quello che si propongono di fare organizzazioni per il commercio equo e solidale, non solo all'estero, ma anche in Italia. Torneremo presto su questi temi.

Quel che è certo è che non si possa risparmiare né sul lavoro dei braccianti né su quello dei produttori agricoli solo per far quadrare i conti. Il lavoro ha già subito troppe umiliazioni, nel nostro Paese e non solo, per continuare su una china pericolosa, alla fine della quale spiegatemi la differenza che c'è con quelle che un tempo si chiamavano servitù della gleba o schiavitù.

Detto questo, sta anche alla base produttiva organizzarsi meglio per evitare una inutile e dannosa "guerra tra poveri", in cui pare non esserci un limite al ribasso, virtualmente per qualsiasi prodotto ortofrutticolo di massa. Fare delle scelte, anche drastiche, di selezione tra un'offerta indifferenziata, rimane una delle poche strade percorribili per risalire la china.

Data di pubblicazione: 17/07/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2018 I dieci anni di Cherry Passion e le sfide del settore ortofrutticolo nel racconto di Stefano Pezzo
23/05/2018 Vendere all'estero con un aiuto competente
21/05/2018 Europa e marchi d'impresa: cosa cambia
21/05/2018 Lo sviluppo dell'ortofrutticoltura siciliana passa dall'efficientamento del sistema infrastrutturale e viario
18/05/2018 Le sfide in agricoltura si vincono anche con una buona formazione
18/05/2018 Clust-ER, la nuova frontiera della ricerca
17/05/2018 Collaborazione mediterranea e branding sono il futuro
17/05/2018 L'integrato non e' stato sfruttato. Non facciamoci scappare pure il sostenibile
16/05/2018 Un produttore italiano avvia una produzione di nicchia in Albania
14/05/2018 Fondazione e Cassa di Risparmio di Saluzzo, Agroinnova e Agrion: insieme per nuovi progetti di ricerca in agricoltura
14/05/2018 Imprenditoria giovanile in agricoltura: al via il percorso formativo a cura dell'Ismea e del Mipaaf
10/05/2018 Assosementi: la tutela della biodiversita' passa dal sostegno all'innovazione vegetale
09/05/2018 Minguzzi (Fruitimprese Emilia-Romagna): 'Il mercato chiede imprese strutturate'
08/05/2018 Il problema della Pac non sta nel calo del budget
07/05/2018 L'ortofrutticoltura siciliana riparte dai Distretti Produttivi
07/05/2018 Francia: creata l'Associazione White Flat Nectarines Regal'In™
04/05/2018 Social Farming: agricoltura sociale una 'rivoluzione possibile' per una societa' sostenibile e inclusiva
03/05/2018 Varieta' vegetali in Europa: seminario sulla privativa dei ritrovati e sulla procedura di registrazione
02/05/2018 Agricoltori anello debole della filiera: lo ha capito anche l'Europa. Il rimedio
27/04/2018 Il biodinamico: sfatiamo qualche mito

 

Commenti:


Auguri! il consumatore acquirente non dovrebbe mangiare più nulla !!!
Tutto e dico tutto quel ben di Dio che pavoneggia sui banchi di supermercati e dettaglianti varii è frutto di lavoro sottopagato, da quello del bracciante a quello dell'imprenditore al quale ciononostante i conti non quadrano.Purtroppo per chi lavora e per chi consuma la soluzione sta solo nella drastica riduzione delle produzioni da parte di tutti e dico tutti gli imprenditori italiani e stranieri.
Tagliando il 40 0 50 % delle produzioni forse si può ristabilire un equo equilibrio tra remunerazioni e profitti di imporesa.
anonimo mantovano, mantova, italia - 19/07/2017 11:20:09


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*