Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?

Dopo tanto dibatterne i pro, i contra, i limiti e gli aspetti migliorabili, la Legge contro il caporalato sta già mietendo le prime vittime, tra nomi più o meno eccellenti. A prescindere dal fatto che sia sacrosanto non sfruttare i lavoratori, quanto ci chiediamo oggi è se non sia altrettanto ingiusto sfruttare i produttori, cioè i fornitori di prodotti agricoli.

Quello che intendiamo domandarci è: laddove un'impresa agricola voglia attenersi, come giusto, a tutte le regole e voglia anzi certificare la propria organizzazione del lavoro e della manodopera come "etica" (in quanto valore aggiunto a garanzia di una filiera sana e legale), troverà essa la giusta remunerazione di mercato per le sue produzioni? O nulla sarà valso di fronte alla messa in competizione tra fornitori solo sui prezzi, fenomeno che spesso gli intermediari tendono ad alimentare per proprio tornaconto?



La Grande Distribuzione Organizzata ha recentemente preso impegni proprio nella direzione di premiare i fornitori che seguono tutte le regole; lo stesso Mipaaf ha firmato un patto di impegno con i distributori per favorire pratiche commerciali leali lungo l'intera filiera agroalimentare... Poi però appena ti confronti con il parco fornitori, c'è sempre chi lamenta prezzi insostenibili per la vendita delle proprie merci, o spiega che al prodotto italiano viene preferito quello estero perché costa meno...

La verità, come al solito, sta sempre nel mezzo. Sembra curioso che tanti messaggi commerciali, spesso di dubbia rilevanza valoriale quali: "no-OGM", "100% italiano", "senza olio di palma", "senza conservanti", "senza zuccheri aggiunti" e simili trovino talmente appeal, tra i consumatori, da essere piazzati un po' ovunque, alle volte anche a sproposito, su centinaia di confezioni di prodotti, e che al contempo non si trovi un modo efficace per promuovere, più che il famigerato km zero, lo "zero sfruttamento" non solo del bracciante agricolo, ma dell'azienda che produce e fornisce le derrate agricole essenziali alla nostra vita.

Finché non sarà il consumatore a schifare le produzioni realizzate sulla pelle dei più deboli, non usciremo dal dramma del caporalato, del lavoro sottopagato, dei prezzi da fame alla produzione, e del conseguente rimpallo di responsabilità tra i vari attori della filiera...

Come si legge sul sito www.filierasporca.org (tra i promotori dell'iniziativa #astenetevi), dietro la miseria si nasconde sempre una ricchezza mal distribuita.

Data di pubblicazione: 11/07/2017
Autore: Rossella Gigli
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/04/2018 Innovazione e competitivita' in ortofrutta: scenari e opportunita' in Cina, Europa e Italia
19/04/2018 Prende il via la prima scuola italiana di management agroalimentare, con la formazione di CSQA
19/04/2018 Svizzera: 'sentinelle' per prevenire il suicidio tra gli agricoltori
17/04/2018 L'ortofrutta diventa sempre piu' buona: l'evoluzione dei progetti di charity e prevenzione
17/04/2018 Il futuro dell'agricoltura sta nel digitale e nei robot
16/04/2018 Il settore ortofrutticolo e' pronto per il Regolamento generale sulla protezione dei dati?
13/04/2018 Le OP alle prese con cambiamenti climatici e nuovi competitor
11/04/2018 Welfare Index 2018: la siciliana Natura Iblea figura al primo posto nella categoria Agricoltura
10/04/2018 Opera tua 2018: Coop Alleanza 3.0 investe 150mila euro nel progetto che sostiene l'arte e i sapori del territorio
06/04/2018 Il Workplace di Facebook e la comunicazione in azienda
05/04/2018 Omnibus: Anga-Confagricoltura, soddisfazione per aumento aiuti per i giovani agricoltori
05/04/2018 Mipaaf: dalla revisione della PAC piu' aiuti ai giovani agricoltori e maggiore semplificazione
04/04/2018 Corsica: associazione di produttori punta alla vendita diretta
03/04/2018 CREA: dalla UE arriva lo 'Human Resources Excellence in Research'
29/03/2018 Dall'Italia una proposta per una rete federata di donne dell'ortofrutta in Europa
26/03/2018 Ortofrutta: un positivo dialogo tra Spagna e Sicilia
23/03/2018 Conad vince il premio AIF Adriano Olivetti per 'Il Grande Viaggio Insieme'
22/03/2018 I fornitori sono da curare tanto quanto i clienti
21/03/2018 La biodiversita' del suolo trentino, da progetto a realta'
21/03/2018 Aiutare le piccole e medie imprese a rispettare i requisiti del mercato

 

Commenti:


Ciao Rossella "dietro la miseria si nasconde sempre una ricchezza mal distribuita."
bellissima questa frase citata nell'articolo.
e necessario rivedere le regole del nostro settore agricolo, è l'unico che va contro la logica del mercato, vendendo le proprie produzioni a meno di quanto costa produrre.
è necessario vietare i contratti sotto costo, fare delle regole certe e applicarle, non aggirarle come la regola del pagamento a 30/60 giorni per i prodotti agricoli che nessuno rispetta.
non voglio entrare nella facile polemica del libero mercato, ma se una azienda lavora bene "eticamente" diciamo, ha un costo di produzione facilmente calcolabile e uguale a tutte le aziende che lavorano bene.
perché ai vari operatori viene permesso di acquisire e o addirittura contrattare prodotti al di sotto del costo di produzione??
se vendo a meno di quanto mi costa produrre, da qualche parte devo risparmiare......
grazie, buon lavoro
silvano tiozzo caenazzo, VENEZIA, ITALIA - 14/07/2017 08:24:33


Ma infatti non intendevo questo. Non mi sembra che per apporre sugli alimenti le piu' svariate diciture - tra quelle menzionate nel testo - serva chissa' che certificazione. Eppure e' piu' facile che un consumatore possa distinguere a colpo d'occhio un prodotto senza zucchero da uno "senza sfruttamento". Questo e' il paradosso...
Rossella, Roma, Italia - 11/07/2017 13:49:56


Le considerazioni fatte sono tutte sacrosante tranne la richiesta di una certificazione o di un marchio. La legge sul caporalato è appunto una legge e tutti devono rispettarla. Che senso ha creare un ulteriore marchio, certificazione, standard solo per il fatto di rispettare la legge? Già ce ne sono parecchi di controsensi in merito e adesso ne vogliamo aggiungere altri?
Savino D., Cerignola (FG), Italia - 11/07/2017 12:59:40


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*