Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Gli agricoltori francesi protestano scaricando tonnellate di frutta spagnola a Perpignan

I coltivatori francesi hanno scaricato tonnellate di pesche, nettarine e albicocche davanti a un supermercato situato nel mercato all'ingrosso di Saint Charles, alla periferia della città di Perpignan, per protestare contro la fornitura di prodotti spagnoli, causa - a loro dire - dell'abbattimento dei prezzi.

Uno dei partecipanti alla protesta, citato dal sito del quotidiano L'Indépendant de Perpignan, ha denunciato l'arrivo di prodotti provenienti dalla Spagna senza prezzi precedentemente fissati. "I camion - ha spiegato - lasciano il posto di produzione e le trattative si svolgono durante il trasporto della merce", il che comporta che gli importatori accumulano beni e saturano il mercato. Offrono prezzi molto bassi e finiscono per convincere i distributori francesi, che li acquistano, a scapito della produzione locale.

Parlando al giornale, i sindacalisti francesi hanno accusato i gruppi distributivi di sostenere che vendono solo frutti nazionali, quando in pratica vendono prodotti spagnoli, specialmente nei negozi situati lontano dalle aree coltivate, dove credono di non essere sottoposti a controlli. Lamentano anche che "la nostra produzione nazionale resta sugli alberi o nelle celle frigorifere".

Fonte: elpais.com

Data di pubblicazione: 26/06/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

17/01/2018 Istat: export agroalimentare a quota 37,6 miliardi con +7% nei primi 11 mesi del 2017
17/01/2018 Prima segnalazione di Luteovirus su nettarine in Italia
17/01/2018 Sono 50mila i trattori circolanti fuorilegge
16/01/2018 La Linea Verde in continua evoluzione
16/01/2018 Marocco: aumentano del 36 per cento le esportazioni di frutta e ortaggi verso la Spagna
16/01/2018 Il Centro di Sperimentazione Laimburg in una nuova veste
16/01/2018 Resto al Sud: fino a 200mila euro per imprese giovani
15/01/2018 Zerbinati presenta il suo primo progetto Digital 2018: la Guida per la Remise-en-forme
15/01/2018 Arrivano Le Avventure di Kiwito e Galita: i due frutti supereroi amici dei bambini
15/01/2018 Anno turbolento per i mercati valutari nel 2018
15/01/2018 L'imballaggio in cartone polacco sta attirando molta attenzione
15/01/2018 Cucurbitacee: eccesso di ribasso dei prezzi in Sicilia
15/01/2018 Feromoni e trappole, la frutticoltura ci scommette
12/01/2018 Coldiretti: nel 2017 record per l'export agroalimentare Made in Italy
12/01/2018 Vietnam: le esportazioni di ortofrutta hanno raggiunto i 3,45 miliardi di dollari
12/01/2018 Dole non si quota in Borsa
12/01/2018 ARA Srl cessa l’attivita' di sperimentazione
12/01/2018 Dall'entrata in vigore dell'embargo, la Russia ha distrutto 19.000 ton di alimenti
12/01/2018 Cinque differenti modelli di stenditunnel a marchio Pellerano
11/01/2018 Russia: un coltivatore di fragole alle presidenziali

 

Commenti:


In Francia controllano le merci che arrivano nelle grandi distribuzioni, molto bene direi, geniale! E in Italia? Non funziona mai un bip, non ci sono controlli e i prezzi? Non ne parliamo!
Lu, Capo di Mestre, Italia - 27/06/2017 09:33:41


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*