Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un nuovo importante passo avanti verso la Mela IGP del Trentino

Avanza a grandi passi il procedimento per il riconoscimento dell'IGP "Mela del Trentino". Lo scorso 15 giugno, infatti, due funzionari del Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali sono saliti a Trento per condurre la riunione di pubblico accertamento indetta per raccogliere eventuali criticità o elementi ostativi al progetto.

All'incontro sono stati invitati i rappresentanti dei Comuni, degli operatori economici e delle organizzazioni professionali, dai quali non sono emerse particolari osservazioni o critiche al disciplinare.

Se i funzionari del Ministero concederanno il riconoscimento della produzione transitoria, i produttori trentini potranno utilizzare la IGP in via temporanea, in attesa che la Commissione Europea competente si prenda il tempo necessario per concludere il procedimento e autorizzare l'utilizzo definitivo.

La IGP Mela del Trentino

L'indicazione riconosce come tipiche delle mele del Trentino le caratteristiche di sapore, equilibrato e gradevole, oltre a forma, colorazione, consistenza (durezza) e grado zuccherino. Tutte peculiarità determinate dalla crescita e maturazione dei flutti in un clima dalle spiccate connotazioni alpine.

In Trentino i soci di cooperative frutticole aderenti alle organizzazioni di produttori promotrici dell'iter sono circa 6.300, coltivano nel complesso 9.500 ettari di frutteto e danno lavoro a oltre 1.500 persone, per un totale di oltre 5 milioni di quintali di mele prodotte e commercializzate ogni anno.

Con l'ottenimento dell'IGP, le mele del Trentino saranno dunque riconosciute a pieno titolo per tradizione, qualità e notorietà. L'IGP riguarderà 8 varietà: Gala, Fuji, Morgenduft, Granny Smith e Pinova, oltre alle Golden Delicious, Red Delicious e Renetta prodotte sempre in Trentino ma fuori dalla Val di Non (area coperta dalla DOP di Melinda).

La IGP potrà essere usata da tutti i produttori della provincia, a condizione che rispettino il disciplinare di produzione.

Fonte: www.lavocedeltrentino.it

Data di pubblicazione: 19/06/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

27/06/2017 Rinnovato il consiglio d'amministarzione dell'Associazione Cerasicola Nazionale
27/06/2017 Nuovi mercati per le mele ucraine
27/06/2017 Francia: precoce e abbondante la produzione di pesche, nettarine e pesche piatte
27/06/2017 La produzione francese di mele colpita dalle gelate di aprile
27/06/2017 Preoccupazione per le falde acquifere nel settore dell'uva da tavola pugliese
27/06/2017 Toscana capitale europea del castagno
27/06/2017 Serbia: nessun accordo sul prezzo di acquisto dei lamponi
27/06/2017 Il ciliegio: un'opportunita' per il rinnovamento del panorama frutticolo piemontese
27/06/2017 Green Energy, uva e albicocche rigorosamente biologiche
26/06/2017 Nuovo video Dole Snack Circle: wraps di frutta
26/06/2017 Piccoli frutti, grandi aspettative e interesse internazionale: Asso Fruit e il metapontino pronti ad accogliere la sfida
26/06/2017 La fornitura spagnola di mini angurie senza semi potrebbe diventare problematica quest'estate
26/06/2017 La Spagna spedira' drupacee in Cina a settembre per evitare la concorrenza con gli USA
26/06/2017 Cina: prezzi bassi per i kiwi cileni a inizio stagione
26/06/2017 L'azienda salentina Ciaccia introduce in assortimento anche l'anguria allungata precoce Riverside F1 di Cora Seeds
26/06/2017 La frutta lasciata marcire sugli alberi e' una sconfitta per tutti
26/06/2017 Planitalia: considerazioni sulla campagna fragole 2017
26/06/2017 Interpera 2017 vede la presentazione di nuove varieta' di pere
26/06/2017 Scalzo & Belluardo: mercato positivo per le uve siciliane biologiche
26/06/2017 Focus sul mercato mondiale delle fragole

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*