Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un nuovo importante passo avanti verso la Mela IGP del Trentino

Avanza a grandi passi il procedimento per il riconoscimento dell'IGP "Mela del Trentino". Lo scorso 15 giugno, infatti, due funzionari del Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali sono saliti a Trento per condurre la riunione di pubblico accertamento indetta per raccogliere eventuali criticità o elementi ostativi al progetto.

All'incontro sono stati invitati i rappresentanti dei Comuni, degli operatori economici e delle organizzazioni professionali, dai quali non sono emerse particolari osservazioni o critiche al disciplinare.

Se i funzionari del Ministero concederanno il riconoscimento della produzione transitoria, i produttori trentini potranno utilizzare la IGP in via temporanea, in attesa che la Commissione Europea competente si prenda il tempo necessario per concludere il procedimento e autorizzare l'utilizzo definitivo.

La IGP Mela del Trentino

L'indicazione riconosce come tipiche delle mele del Trentino le caratteristiche di sapore, equilibrato e gradevole, oltre a forma, colorazione, consistenza (durezza) e grado zuccherino. Tutte peculiarità determinate dalla crescita e maturazione dei flutti in un clima dalle spiccate connotazioni alpine.

In Trentino i soci di cooperative frutticole aderenti alle organizzazioni di produttori promotrici dell'iter sono circa 6.300, coltivano nel complesso 9.500 ettari di frutteto e danno lavoro a oltre 1.500 persone, per un totale di oltre 5 milioni di quintali di mele prodotte e commercializzate ogni anno.

Con l'ottenimento dell'IGP, le mele del Trentino saranno dunque riconosciute a pieno titolo per tradizione, qualità e notorietà. L'IGP riguarderà 8 varietà: Gala, Fuji, Morgenduft, Granny Smith e Pinova, oltre alle Golden Delicious, Red Delicious e Renetta prodotte sempre in Trentino ma fuori dalla Val di Non (area coperta dalla DOP di Melinda).

La IGP potrà essere usata da tutti i produttori della provincia, a condizione che rispettino il disciplinare di produzione.

Fonte: www.lavocedeltrentino.it

Data di pubblicazione: 19/06/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2017 Granrossa: la melagrana 'ionica' nata dall'impegno di Peviani SpA e OP Agricor
20/10/2017 Rilancio della castanicoltura da frutto piemontese
20/10/2017 Tunisia: prezzo delle melagrane Gasbi inferiore all'anno scorso
20/10/2017 Cina: il mercato delle melagrane tunisine ad arilli morbidi e' in flessione
19/10/2017 'Sono Marlene', la figlia delle Alpi
19/10/2017 Germania: perdite significative per i produttori frutticoli, nonostante l'aumento dei prezzi delle mele
19/10/2017 Cina: le mele di Qingyang puntano ai mercati esteri
19/10/2017 Mele Smitten™: la piu' grande produzione mai registrata
19/10/2017 Polonia: nuove varieta' offrono alternative alle mele club
18/10/2017 Cina: le mele Huaniu guardano al mercato europeo
18/10/2017 Coldiretti Liguria: il cinipide del castagno e' stato debellato
18/10/2017 Piemonte: la Regione valuta un piano di risarcimento per la moria dei kiwi
18/10/2017 Spagna: la produzione di cachi sara' inferiore del 20%
18/10/2017 Gli esportatori greci di pesche sono stati i piu' colpiti dall'embargo russo
18/10/2017 Costa Rica: ananas, la nuova sfida e' la Cina
18/10/2017 Spagna: spedizioni di cachi raddoppiate, consumo in continua crescita
18/10/2017 Belgio: aumentano le esportazioni di pere in Estonia e Lituania
17/10/2017 La quota di mercato di UVASYS e' cresciuta insieme alla produzione di uva da tavola
17/10/2017 Brasile: la produzione di angurie aumenta rapidamente
17/10/2017 Una buona stagione per i mirtilli

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*