Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Le sfide del controllo qualita' per esportatori e rivenditori

Il mercato globale dei mirtilli è cresciuto del 40% dal 2012 e nel 2017 dovrebbe superare 1,4 miliardi di sterline. Oggi i mirtilli sono coltivati in entrambi gli emisferi per soddisfare la richiesta per tutto l'anno dei principali mercati consumatori di questo frutto, tra cui USA e Regno Unito, Europa occidentale e Cina. Nuovi e ambiziosi esportatori di mirtilli si stanno affacciando sul mercato (Perù, Messico e Marocco, tra gli altri), e i produttori affermati, come Cile e in particolare Argentina, stanno cominciando ad avvertire la pressione. Con l'aumento della competizione la qualità del prodotto resta l'obiettivo principale per le società che vogliono sopravvivere e avere successo in questo mercato a rapida crescita e in fase di consolidamento.

"I progressi nelle soluzioni di logistica, immagazzinamento e imballaggio hanno incrementato notevolmente la shelf life dei piccoli frutti negli ultimi decenni - ha dichiarato Ignacio Santibanez, direttore generale di AI PIA - Eppure, in un mondo dove i prodotti ortofrutticoli possono viaggiare per migliaia di chilometri dal punto di raccolta, può essere difficile assicurare qualità e freschezza ottimali in ogni fase della filiera. I mirtilli in particolare sono un prodotto molto delicato, che richiede un monitoraggio accurato in ogni fase".



Durante la stagione di raccolta 2016/17, AI PIA ha analizzato quasi 100mila campioni di mirtilli freschi per produttori, esportatori e importatori. Le ispezioni hanno scoperto che solo il 43% dei frutti poteva essere classificato come "di qualità" in base agli standard applicabili. La categoria "di qualità eccellente" è rimasta largamente fuori portata, con meno dell'1% di tutti i mirtilli analizzati attribuibile a tale categoria. Il 44% circa dei frutti sono stati classificati come "discreti", mentre la qualità "scarsa" e "pessima" hanno rappresentato, rispettivamente, l'11 e l'1,7% dei campioni esaminati.

Santibanez di AI PIA ha sottolineato le seguenti sfide chiave che devono essere considerate per quanto riguarda la qualità dei mirtilli:
  • Condizioni di raccolta variabili
    La raccolta dei mirtilli spesso coincide con periodi di temperature e umidità elevate - entrambi fattori che contribuiscono al deperimento rapido del frutto appena raccolto. Le alte temperature durante la stagione di raccolta promuovono la maturazione, ma i mirtilli troppo maturi sono a rischio danneggiamento. Le bacche bagnate, a loro volta, sono suscettibili a fitopatie. Anche se i produttori di mirtilli si impegnano ad assicurare condizioni di raccolta ottimali, le aziende dipendono molto dal clima; è stato dimostrato dalla stagione di raccolta 2016/17 nell'emisfero sud, durante la quale le temperature più elevate hanno causato una raccolta anticipata, rendendo difficile la stagione a produttori ed esportatori.
  • La necessità di un raffreddamento immediato ed efficace
    Tra i mirtilli ispezionati nella stagione di raccolta 2016/17, AI PIA ha dovuto classificare i frutti come di qualità sufficiente o scarsa nel 24,3% dei casi a causa della decomposizione, e nel 16,3% a causa di muffe. Per quanto riguarda i piccoli frutti, il motivo più probabile dietro a questo danneggiamento è un raffreddamento non abbastanza rapido o efficace in post-raccolta. I mirtilli caldi, bagnati e danneggiati creano le condizioni ideali per i microrganismi che li decompongono. Le temperature più fredde riducono drasticamente il tasso di decomposizione e di conseguenza incrementano la shelf life dei mirtilli e la loro possibilità di essere trasportati.
  • Logistica a lungo raggio
    Una catena del freddo ininterrotta durante il trasporto è fondamentale per preservare la qualità dei mirtilli in transito. Secondo i dati AI PIA, nella scorsa stagione d'importazione due terzi delle spedizioni di mirtilli dirette in USA, Regno Unito, Cina, Hong Kong e Paesi Bassi sono state fatte via mare, mentre circa un quarto è stato spedito per via aerea. La spedizione per via aerea permette ai produttori di vendere i loro prodotti entro 48 ore dalla raccolta, ma presenta comunque dei rischi. L'intera spedizione potrebbe essere compromessa se le bacche passano anche solo 15 minuti al sole.
  • Presentazione e imballaggio
    Al contrario di molti altri frutti, le opzioni di imballaggio sono piuttosto limitate per i mirtilli. Solitamente sono confezionati direttamente sul campo ed è sconsigliata qualsiasi altra attività di manipolazione; perciò il primo contenitore deve poter fornire una protezione e una ventilazione sufficiente ed essere adatto alle temperature più basse mantenute durante il trasporto. I produttori sperimentano diversi materiali (sostituendo la plastica con materiali biodegradabili) e aggiunte extra (come i tappetini assorbenti e contro gli urti), ma a livello di forma, il formato clamshell resta lo standard per il settore. Anche se soddisfa i criteri funzionali, questo imballaggio non si presta molto al marketing e i produttori devono affidarsi alla visibilità del prodotto per realizzare la maggior parte delle vendite.


"Per un prodotto deperibile come i mirtilli, ogni passo della catena di fornitura è ricco di insidie e un solo errore può arrivare a costare molto - ha dichiarato Santibanez - Controlliamo le condizioni della frutta e le temperature in tutta la filiera, dal produttore al supermercato. Con la maggior parte dei prodotti, l'approvazione o il rifiuto finali dipendono dal consumatore. Salvaguardando però la qualità in ogni fase critica, facciamo tutto il possibile per avvicinarci alle aspettative del cliente".

Per maggiori informazioni:
Ignacio Santibanez
AI PIA
Tel.: +31 174 512 463
Email: ignacio@produceinspectors.eu
Web: produceinspectors.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 19/06/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Maltempo, danni in vaste zone del nord d'Italia
31/07/2017 Quale effetto della Brexit sulla privativa comunitaria per le varieta' vegetali?
31/07/2017 McDonald's lancia l'hamburger con il kale ma i social non gradiscono
31/07/2017 Egitto: esportazioni agricole aumentate del 12%
31/07/2017 Eurostat: da dove vengono frutta e verdura europee
31/07/2017 Aiuti agli agricoltori: ma dove sono queste grandi lotte millantate?
31/07/2017 Buona estate! Riprendiamo le pubblicazioni tra qualche settimana!
28/07/2017 Sicilia: in pagamento i contributi bio
28/07/2017 Paesi Bassi: multe milionarie e servizio civile per i produttori fraudolenti
28/07/2017 Incontro a Washington tra ministri dell'agricoltura italiana e USA
28/07/2017 Siccita': stato di calamita' per sei regioni italiane
28/07/2017 Sudafrica: i produttori temono enormi perdite per via della siccita'
27/07/2017 ULTIMI AGGIORNAMENTI? Consulta La Clessidra!
27/07/2017 Confagricoltura: attivare un piano nazionale per non rimanere senza acqua
27/07/2017 La Fondazione Mach diventa organismo competente dell'Autorita' europea per la sicurezza alimentare
27/07/2017 Reti anti-insetto: efficacia e soluzioni per l'apertura delle testate
27/07/2017 Italia: in attesa di una nuova ondata di caldo, grandine e temporali tengono banco
27/07/2017 Gli standard elevati si raggiungono solo con un proprio centro di imballaggio
26/07/2017 Condizioni piu' rigide per la vendita di terreni agricoli serbi agli stranieri
26/07/2017 Sicilia: un bond da 50 milioni di euro da Unicredit per la filiera agricola

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*