Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La Nuova Zelanda punta a un accordo di libero scambio di alto livello con l'Europa

L'Unione europea deve avviare delle trattative con l'Australia e la Nuova Zelanda per impostare un regime di libero scambio con questi paesi; questi accordi dovrebbero essere firmati prima che il Regno Unito lasci l'UE.

Il governo della Nuova Zelanda ha stabilito l'obiettivo del 90% delle merci scambiate con l'Unione europea coperte da un accordo di libero scambio entro il 2030. "L'UE - ha dichiarato il ministro del Commercio Todd McClay - è il nostro terzo principale mercato per beni e servizi ed è cresciuto in valore fino ad oltre 20 miliardi di dollari nel commercio bilaterale nel 2016. Ecco perché stiamo spingendo così tanto per un accesso migliore e tariffe più basse. Esiste un enorme potenziale per continuare a incrementare le nostre esportazioni verso l'UE".

A margine della riunione ministeriale dell'Ocse, a Parigi, il ministro degli Esteri dell'Ungheria, Peter Szijjarto ha incontrato i ministri del Commercio di Australia, Nuova Zelanda e Canada. Se non si riuscissero a siglare degli accordi di libero scambio con Australia e Nuova Zelanda, secondo il ministro ungherese, "sarebbe lo scenario peggiore per l'economia dell'UE". Szijjarto ha aggiunto che i due paesi sono pronti a iniziare immediatamente dei negoziati in questo senso e, per questo motivo, l'Ungheria invita pertanto la Commissione europea a chiedere un mandato al Consiglio europeo per avviare i colloqui.

La firma di questi accordi commerciali sarebbe molto importante anche per l'economia dell'Ungheria, poiché il fatturato bilaterale ha cominciato a crescere dal momento in cui il paese centro europeo "ha aperto le sue ambasciate in Australia e Nuova Zelanda", ha dichiarato Szijjarto.

Fonte: NZ Government Press Release / agenzianova.com

Data di pubblicazione: 16/06/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Maltempo, danni in vaste zone del nord d'Italia
31/07/2017 Quale effetto della Brexit sulla privativa comunitaria per le varieta' vegetali?
31/07/2017 McDonald's lancia l'hamburger con il kale ma i social non gradiscono
31/07/2017 Egitto: esportazioni agricole aumentate del 12%
31/07/2017 Eurostat: da dove vengono frutta e verdura europee
31/07/2017 Aiuti agli agricoltori: ma dove sono queste grandi lotte millantate?
31/07/2017 Buona estate! Riprendiamo le pubblicazioni tra qualche settimana!
28/07/2017 Sicilia: in pagamento i contributi bio
28/07/2017 Paesi Bassi: multe milionarie e servizio civile per i produttori fraudolenti
28/07/2017 Incontro a Washington tra ministri dell'agricoltura italiana e USA
28/07/2017 Siccita': stato di calamita' per sei regioni italiane
28/07/2017 Sudafrica: i produttori temono enormi perdite per via della siccita'
27/07/2017 ULTIMI AGGIORNAMENTI? Consulta La Clessidra!
27/07/2017 Confagricoltura: attivare un piano nazionale per non rimanere senza acqua
27/07/2017 La Fondazione Mach diventa organismo competente dell'Autorita' europea per la sicurezza alimentare
27/07/2017 Reti anti-insetto: efficacia e soluzioni per l'apertura delle testate
27/07/2017 Italia: in attesa di una nuova ondata di caldo, grandine e temporali tengono banco
27/07/2017 Gli standard elevati si raggiungono solo con un proprio centro di imballaggio
26/07/2017 Condizioni piu' rigide per la vendita di terreni agricoli serbi agli stranieri
26/07/2017 Sicilia: un bond da 50 milioni di euro da Unicredit per la filiera agricola

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*