Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Frutta nelle Scuole: perche' non pensare a una gestione locale?

Toni molto, forse anche troppo, trionfalistici quelli usati dal Ministero delle Politiche agricole nel commentare il Programma Frutta nelle scuole 2016-2017. In una nota ufficiale, il programma viene giudicato come un "ennesimo successo". Per quel che ci riguarda, a parte la questione del ritardo nell'implementazione durante l'anno scolastico in questione, abbiamo ricevuto molte segnalazioni critiche e ne abbiamo lette altrettante (cfr. FreshPlaza del 26 maggio 2017).



Ciò non significa, ovviamente, che il progetto sia stato un insuccesso, anzi. Però riteniamo che, specialmente la frutta che arriva ai bambini, debba presentare un grado qualitativo di gran lunga superiore. Abbiamo il timore, confermato da vaschette viste con i nostri occhi e da testimonianze di molte famiglie, che la frutta non sia così buona come lo scopo del progetto si prefigge, cioè quello di educare i più piccoli a consumare vegetali non perché vengano loro imposti, ma in quanto gradevoli complementi alla dieta quotidiana. Un buon prodotto, superiore alla media se non eccellente, porta i bambini stessi a chiederlo di nuovo ai loro genitori.


(Foto dal web)

Ma lasciamo la parola al Ministero: "Un Programma che è incentrato totalmente sul consumo di frutta e ortaggi in sostituzione delle merende più tradizionali, basate sui carboidrati. Artefici di questo ennesimo successo, oltre agli alunni e alle loro famiglie, anche gli oltre 110.000, tra insegnanti e personale scolastico, circa 3.000 hostess e steward addetti alla distribuzione, più di 500 tra autisti e personale per la logistica dei prodotti, in circa 50 piattaforme di smistamento dei prodotti, 20 stabilimenti di confezionamento della frutta e degli ortaggi e circa 1.500 addetti impegnati".

"Nonostante le difficoltà oggettive - continua il Ministero - gli alunni delle scuole elementari italiane hanno ricevuto, come prevede il capitolato tecnico del bando di gara, almeno 10 differenti specie di frutta e due di ortaggi, in grande maggioranza di provenienza italiana e in parte di provenienza europea. Sono state, inoltre, eseguite più di 110.000 consegne e circa 25.000 servizi di porzionatura dei prodotti direttamente in classe".

"Vanno anche registrati, grazie anche all'azione esercitata da Agecontrol e Agea, le due strutture deputate al controllo della intera filiera, alcuni casi in cui il prodotto non è pervenuto alle scuole italiane in condizioni ottimali, ma è indubbio che in un programma cosi ampio, unico a livello comunitario per la sua rilevanza qualitativa e quantitativa, può succedere di incappare in alcune problematiche, statisticamente normali. In molti casi, laddove è stato registrato qualche problema di fornitura, gli aggiudicatari, in accordo con il Ministero, hanno provveduto a ripetere la distribuzione del prodotto".

Una proposta: dato che l'importo complessivo a base d'asta è di 25,5 milioni di euro e gli alunni coinvolti 870mila (dati dal sito del Ministero), si tratta di 30 euro a bambino. E' una cifra che, se gestita localmente (a livello di scuole, ad esempio, tramite le Op del territorio oppure i Mercati generali), porterebbe a un risultato qualitativo migliore. Infine non dimentichiamo, comunque, che il progetto nacque 13 anni fa, nel 2004, con il nome di Frutta Snack organizzato dall'Osservatorio Agroambientale di Cesena, su impulso del compianto Romeo Lombardi (cfr FreshPlaza del 26 febbraio 2014).

Data di pubblicazione: 14/06/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2018 Il libro di Fata Zucchina arriva anche a 'Striscia La Notizia'
24/05/2018 Ecoltivo: l'orto idroponico a casa tua
24/05/2018 In Sardegna si coltivano alberi da frutto da 2500 anni
24/05/2018 Regioni UE: la PAC promuova integrazione su innovazione agricola
24/05/2018 Agrofarmaci Sipcam Italia recentemente autorizzati per uso su melograno
24/05/2018 Maltempo e grandine: i sacrifici di un anno distrutti in pochi minuti
23/05/2018 Dole, nuovi video per una comunicazione rivolta al consumatore
23/05/2018 Dole festeggia il 25mo anniversario di una joint-venture impegnata nel riciclaggio della plastica
23/05/2018 Cina: i big del tech investono su agricoltura e zone rurali
23/05/2018 Produttori russi a caccia di novita' presso aziende italiane
23/05/2018 Agricoltura: 9 italiani su 10 favorevoli agli incentivi
23/05/2018 Agea: pagati circa 288 milioni di euro per oltre 75mila beneficiari
23/05/2018 UE: ok definitivo alle nuove regole sul biologico
23/05/2018 Freshness From Europe, il progetto di CSO Italy al China Fruit Logistica di Shangai
23/05/2018 Totoministri: un avvocato in quota Lega indicato quale prossimo Ministro delle Politiche Agricole
22/05/2018 Giornata mondiale biodiversita', Assosementi: grazie all’innovazione salvati 19 milioni di ettari dalla deforestazione negli ultimi 15 anni
22/05/2018 Pomi' apre una piattaforma digitale per l'internazionalizzazione del brand in 13 Paesi
22/05/2018 SQM e Pavoni annunciano la loro joint venture in Italia
22/05/2018 I sistemi di smistamento ortofrutticolo diventano sempre piu' avanzati
21/05/2018 Cesena Fiera: targa e sala convegni alla memoria di Patrizio Morigi

 

Commenti:


30 euro a Bambino??
Però ... caruccia la cosa, peccato che questi soldi non sono mai stati spesi molto bene!!
Gianfranco , Bagnacavallo (RA), Italia - 15/06/2017 01:00:38


Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*