Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La cooperazione funziona se il presidente e' competente

La cooperazione, anche nel settore ortofrutticolo, rappresenta una forma di impresa particolare, ancora molto valida, ma a una condizione: che gli amministratori siano persone competenti nel gestire non solo la propria impresa, ma la cooperativa stessa che è una integrazione verticale lungo la filiera.



Questo uno dei concetti espressi dal professor Angelo Frascarelli, docente all'Università di Perugia, che ha messo per iscritto su L'Informatore Agrario. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per approfondire il tema.

"La cooperativa è un'impresa un po' particolare – dice Frascarelli - E' il prolungamento della produzione agricola. Il successo di una coop sta nella gestione da parte dei vertici. Quando il presidente e i componenti del Consiglio sono persone valide, la cooperativa funziona. I problemi sorgono quando le guide sono incapaci o, addirittura, dannose".



Secondo il professore, le strutture migliori sono quelle guidate da un presidente/agricoltore con uno spiccato piglio imprenditoriale, orientato all'innovazione e alle relazioni, in modo da creare "reti", collaborazioni, integrazioni.

"L'approccio del presidente – incalza Frascarelli – deve essere altruista e non opportunista. Le migliori cooperative che ho mai visto sono quelle dove i soci, e il presidente per primo, sono uniti con l'obiettivo di investire per il bene comune. Le peggiori? Quelle in cui il presidente e/o il socio 'succhiano' dalla 'mamma coop' e la svuotano, piano piano".

E ancora: l'identikit del perfetto presidente lo vuole autonomo dai condizionamenti politici, sindacali, gestionali. Un sogno, praticamente. "Ma è innegabile – aggiunge il professore – che molti risultati negativi sono arrivati proprio in quelle coop dove l'ingerenza politica o sindacale è stata predominante. Allo stesso tempo è importante che il presidente sia appoggiato da un Consiglio forte, con consiglieri preparati e capaci di remare tutti nella stessa direzione".

"Una coop non può fare calcoli di breve periodo – conclude Frascarelli – ma avere progetti di respiro decennale. Nei territori presidiati dalle coop in genere c'è stato uno sviluppo notevole non solo per gli agricoltori, ma per tutta la società. Si pensi solo a quanti posti di lavoro offrono certe strutture. Il fallimento si ha quando una coop viene fondata e gestita a mero scopo individualistico".

Data di pubblicazione: 31/05/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

20/10/2017 Con il biologico cresce la dipendenza da Madre Natura
19/10/2017 Caporalato, Giansanti (Confagricoltura): 'Legge giusta, ma vanno migliorati alcuni aspetti'
18/10/2017 Belgio: il settore delle pomacee e' in grosse difficolta'
17/10/2017 Dodici aziende agroindustriali siciliane sbarcano negli States sotto il marchio unico Gustoso
16/10/2017 Mele e web: le prime della classe
16/10/2017 Aziende: arriva online il Rating della legalita'
12/10/2017 Una mostra fotografica che racconta l'impegno delle donne nel settore agricolo
12/10/2017 Mac Fruit Attraction China, l'Italia si presenta unita
11/10/2017 La tappa siciliana dell'VIII Simposio internazionale dell'Uva da Tavola
09/10/2017 Ottavo Simposio Uva da Tavola: confronto sui prodotti freschi e sull'internazionalizzazione
06/10/2017 La riproduzione illegale di piante puo' arrecare un danno notevole
05/10/2017 Come i produttori Amish e Mennoniti forniscono i loro prodotti
02/10/2017 La verdura gode di una reputazione eccellente ma i brand non la comunicano
02/10/2017 Inquadramento previdenziale delle Spa consortili: una sentenza che allinea l'Italia all'Europa
29/09/2017 Confagricoltura: il digitale e' una priorita' per l'Italia
28/09/2017 I Consorzi sono come cooperative. L'Inps non puo' fare differenze
26/09/2017 Ortofrutta e comunicazione: Millennials, un target assente
25/09/2017 L'autunno caldo dell'ortofrutta in Gdo: comunicazione social e web in primo piano
22/09/2017 Bisogna sempre stare all'erta in questo settore
21/09/2017 Aartsenfruit (Paesi Bassi): 110 anni di attivita' e si guarda al futuro

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*