Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La cooperazione funziona se il presidente e' competente

La cooperazione, anche nel settore ortofrutticolo, rappresenta una forma di impresa particolare, ancora molto valida, ma a una condizione: che gli amministratori siano persone competenti nel gestire non solo la propria impresa, ma la cooperativa stessa che è una integrazione verticale lungo la filiera.



Questo uno dei concetti espressi dal professor Angelo Frascarelli, docente all'Università di Perugia, che ha messo per iscritto su L'Informatore Agrario. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per approfondire il tema.

"La cooperativa è un'impresa un po' particolare – dice Frascarelli - E' il prolungamento della produzione agricola. Il successo di una coop sta nella gestione da parte dei vertici. Quando il presidente e i componenti del Consiglio sono persone valide, la cooperativa funziona. I problemi sorgono quando le guide sono incapaci o, addirittura, dannose".



Secondo il professore, le strutture migliori sono quelle guidate da un presidente/agricoltore con uno spiccato piglio imprenditoriale, orientato all'innovazione e alle relazioni, in modo da creare "reti", collaborazioni, integrazioni.

"L'approccio del presidente – incalza Frascarelli – deve essere altruista e non opportunista. Le migliori cooperative che ho mai visto sono quelle dove i soci, e il presidente per primo, sono uniti con l'obiettivo di investire per il bene comune. Le peggiori? Quelle in cui il presidente e/o il socio 'succhiano' dalla 'mamma coop' e la svuotano, piano piano".

E ancora: l'identikit del perfetto presidente lo vuole autonomo dai condizionamenti politici, sindacali, gestionali. Un sogno, praticamente. "Ma è innegabile – aggiunge il professore – che molti risultati negativi sono arrivati proprio in quelle coop dove l'ingerenza politica o sindacale è stata predominante. Allo stesso tempo è importante che il presidente sia appoggiato da un Consiglio forte, con consiglieri preparati e capaci di remare tutti nella stessa direzione".

"Una coop non può fare calcoli di breve periodo – conclude Frascarelli – ma avere progetti di respiro decennale. Nei territori presidiati dalle coop in genere c'è stato uno sviluppo notevole non solo per gli agricoltori, ma per tutta la società. Si pensi solo a quanti posti di lavoro offrono certe strutture. Il fallimento si ha quando una coop viene fondata e gestita a mero scopo individualistico".

Data di pubblicazione: 31/05/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Marketing moments: i brand piu' vivaci dell'estate
31/07/2017 Contraffazione marchio IGP: sanzioni fino a 750mila euro e il carcere
28/07/2017 Strategie aziendali: non esistono piu' scelte giuste, esistono scelte coerenti
27/07/2017 Dare identita' al prodotto ortofrutticolo: i nuovi video per il melone Majores e l'anguria Gavina
26/07/2017 Agricoltori, siete diventati i moderni schiavi. La legge della domanda e dell'offerta non esiste piu'
25/07/2017 Bonus pubblicita' per partita IVA e imprese: come ottenerlo e mettere annunci quasi gratis
25/07/2017 Integra spiega come il lavoro in agricoltura puo' prosperare sul benessere dei dipendenti
24/07/2017 A chi darei l'Oscar della comunicazione nel settore ortofrutta? Alla frutta secca
24/07/2017 Licenziare un dipendente disonesto: e' sempre possibile?
21/07/2017 Melone: quando il prezzo puo' moltiplicarsi per 16
20/07/2017 Incontro Cia sulla (imperfetta) Legge contro il caporalato: le perplessita' del mondo agricolo
17/07/2017 Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico
17/07/2017 Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'
13/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - seconda parte
12/07/2017 Orogel premiata da Carrefour
12/07/2017 Resto al Sud: nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno
11/07/2017 La frutta va promossa, non svenduta
11/07/2017 Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?
11/07/2017 Migrazioni e Africa: per la FAO occorre affrontare il nodo della disoccupazione giovanile
10/07/2017 Intervista di FreshPlaza a Massimiliano Giansanti nel suo centesimo giorno da presidente Confagricoltura

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*