Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



La cooperazione funziona se il presidente e' competente

La cooperazione, anche nel settore ortofrutticolo, rappresenta una forma di impresa particolare, ancora molto valida, ma a una condizione: che gli amministratori siano persone competenti nel gestire non solo la propria impresa, ma la cooperativa stessa che è una integrazione verticale lungo la filiera.



Questo uno dei concetti espressi dal professor Angelo Frascarelli, docente all'Università di Perugia, che ha messo per iscritto su L'Informatore Agrario. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per approfondire il tema.

"La cooperativa è un'impresa un po' particolare – dice Frascarelli - E' il prolungamento della produzione agricola. Il successo di una coop sta nella gestione da parte dei vertici. Quando il presidente e i componenti del Consiglio sono persone valide, la cooperativa funziona. I problemi sorgono quando le guide sono incapaci o, addirittura, dannose".



Secondo il professore, le strutture migliori sono quelle guidate da un presidente/agricoltore con uno spiccato piglio imprenditoriale, orientato all'innovazione e alle relazioni, in modo da creare "reti", collaborazioni, integrazioni.

"L'approccio del presidente – incalza Frascarelli – deve essere altruista e non opportunista. Le migliori cooperative che ho mai visto sono quelle dove i soci, e il presidente per primo, sono uniti con l'obiettivo di investire per il bene comune. Le peggiori? Quelle in cui il presidente e/o il socio 'succhiano' dalla 'mamma coop' e la svuotano, piano piano".

E ancora: l'identikit del perfetto presidente lo vuole autonomo dai condizionamenti politici, sindacali, gestionali. Un sogno, praticamente. "Ma è innegabile – aggiunge il professore – che molti risultati negativi sono arrivati proprio in quelle coop dove l'ingerenza politica o sindacale è stata predominante. Allo stesso tempo è importante che il presidente sia appoggiato da un Consiglio forte, con consiglieri preparati e capaci di remare tutti nella stessa direzione".

"Una coop non può fare calcoli di breve periodo – conclude Frascarelli – ma avere progetti di respiro decennale. Nei territori presidiati dalle coop in genere c'è stato uno sviluppo notevole non solo per gli agricoltori, ma per tutta la società. Si pensi solo a quanti posti di lavoro offrono certe strutture. Il fallimento si ha quando una coop viene fondata e gestita a mero scopo individualistico".

Data di pubblicazione: 31/05/2017
Autore: Cristiano Riciputi
Copyright: www.freshplaza.it



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

24/05/2018 I dieci anni di Cherry Passion e le sfide del settore ortofrutticolo nel racconto di Stefano Pezzo
23/05/2018 Vendere all'estero con un aiuto competente
21/05/2018 Europa e marchi d'impresa: cosa cambia
21/05/2018 Lo sviluppo dell'ortofrutticoltura siciliana passa dall'efficientamento del sistema infrastrutturale e viario
18/05/2018 Le sfide in agricoltura si vincono anche con una buona formazione
18/05/2018 Clust-ER, la nuova frontiera della ricerca
17/05/2018 Collaborazione mediterranea e branding sono il futuro
17/05/2018 L'integrato non e' stato sfruttato. Non facciamoci scappare pure il sostenibile
16/05/2018 Un produttore italiano avvia una produzione di nicchia in Albania
14/05/2018 Fondazione e Cassa di Risparmio di Saluzzo, Agroinnova e Agrion: insieme per nuovi progetti di ricerca in agricoltura
14/05/2018 Imprenditoria giovanile in agricoltura: al via il percorso formativo a cura dell'Ismea e del Mipaaf
10/05/2018 Assosementi: la tutela della biodiversita' passa dal sostegno all'innovazione vegetale
09/05/2018 Minguzzi (Fruitimprese Emilia-Romagna): 'Il mercato chiede imprese strutturate'
08/05/2018 Il problema della Pac non sta nel calo del budget
07/05/2018 L'ortofrutticoltura siciliana riparte dai Distretti Produttivi
07/05/2018 Francia: creata l'Associazione White Flat Nectarines Regal'In™
04/05/2018 Social Farming: agricoltura sociale una 'rivoluzione possibile' per una societa' sostenibile e inclusiva
03/05/2018 Varieta' vegetali in Europa: seminario sulla privativa dei ritrovati e sulla procedura di registrazione
02/05/2018 Agricoltori anello debole della filiera: lo ha capito anche l'Europa. Il rimedio
27/04/2018 Il biodinamico: sfatiamo qualche mito

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*