Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un ricercatore di UniUdine interviene nel dibattito sui brevetti vegetali

Apprezzamenti sono giunti, nella giornata di ieri, per l'intervista a Maurizio Ventura della Sun World (cfr. FreshPlaza del 18/05/2017). In particolare, vogliamo riportare il parere del dott. Giorgio Miclet dell'Università di Udine, Responsabile Ufficio Protezione e Valorizzazione Proprietà Industriale.

"L'Università di Udine - ricorda Miclet - ha una piccola, ma significativa esperienza di breeding, principalmente actinidia e vite. Quello che abbiamo sperimentato in Italia con la nostra varietà di kiwi giallo Soreli ha dell'incredibile".

"La cultura della Proprietà Intellettuale (PI) da noi è molto debole in generale e a tutti i livelli, dal grande imprenditore al consumatore. La scarsa consapevolezza dei vantaggi che la PI può dare va purtroppodi pari passo con una certa propensione alla violazione dei diritti altrui. E se questo vale per le privative industriali, con quelle vegetali la situazione è disperata. Solo in Grecia abbiamo trovato una situazione simile..."

"Quello che rattrista è il fatto che i primi ad essere danneggiati non sono i breeder, ma i diversi soggetti della filiera. Come ente pubblico nel licenziare una nuova varietà, pur senza sottovalutare il possibile ritorno economico - importante per noi - siamo molto sensibili all'interesse collettivo, al più ampio impatto che una nuova varietà può portare".

"Con le varietà di kiwi giallo abbiamo voluto offrire un'opportunità laddove c'era un'enorme domanda di una tipologia di prodotto e una capacità inespressa dai produttori (esclusi dagli unici due club in quel momento avevano varietà gialle). Con le nostre varietà di viti resistenti a peronospora e oidio abbiamo voluto dare un contributo, che riteniamo importante, per una viticoltura sostenibile".

"E' triste constatare che progetti come questi possano essere sviliti o addirittura compromessi dalla leggerezza, ignoranza o spregiudicatezza di molti operatori. Da tempo penso che i breeder privati e pubblici in Italia dovrebbero attivarsi per denunciare questi problemi e promuovere una maggior consapevolezza dei vantaggi che le privative in agricoltura possono portare".

"Per questo ho apprezzato molto la sua intervista", conclude Miclet.

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

19/06/2018 Un caso di piattaforma e-commerce per ortofrutta al corso SGMarketing 'Il marketing dell'ortofrutta'
19/06/2018 Agriblea in prima linea contro il caporalato
15/06/2018 Come e' cambiato il modo di fare agricoltura dei giovani imprenditori in 60 anni
14/06/2018 AbioMed: ortofrutta, alleata della salute
11/06/2018 Second Home: la 'seconda casa' creativa per imprenditori e innovatori
11/06/2018 Dall'Albania per imparare a fare ortofrutta organizzata
08/06/2018 Southern Seed: esigenze delle aziende e formazione scolastica a braccetto
07/06/2018 Fruit Logistica: disponibile la quarta parte del Trend Report 2018
06/06/2018 Agroinnova: anni di impegno per una difesa sostenibile delle colture
05/06/2018 Se il cliente e' un'illusione ottica
05/06/2018 Il debutto della fattura elettronica anche per le imprese ortofrutticole
04/06/2018 Coldiretti Calabria e OP Agrinsieme: una partnership che punta all’internazionalizzazione
01/06/2018 Quando il marchio non ha stagioni: il caso ClemenGold
29/05/2018 Venti anni di riconoscimenti al settore ortofrutticolo: il Comune di Rutigliano celebra il premio Grappolo d'Argento
29/05/2018 Fra un mese stop ai contanti per pagare i dipendenti
28/05/2018 SGMarketing: al via la III edizione del corso 'Il marketing dell'ortofrutta: dal prodotto alla categoria'
28/05/2018 Nuova privacy e protezione dati, le nuove sfide per le aziende
24/05/2018 I dieci anni di Cherry Passion e le sfide del settore ortofrutticolo nel racconto di Stefano Pezzo
23/05/2018 Vendere all'estero con un aiuto competente
21/05/2018 Europa e marchi d'impresa: cosa cambia

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*