Avvisi

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un ricercatore di UniUdine interviene nel dibattito sui brevetti vegetali

Apprezzamenti sono giunti, nella giornata di ieri, per l'intervista a Maurizio Ventura della Sun World (cfr. FreshPlaza del 18/05/2017). In particolare, vogliamo riportare il parere del dott. Giorgio Miclet dell'Università di Udine, Responsabile Ufficio Protezione e Valorizzazione Proprietà Industriale.

"L'Università di Udine - ricorda Miclet - ha una piccola, ma significativa esperienza di breeding, principalmente actinidia e vite. Quello che abbiamo sperimentato in Italia con la nostra varietà di kiwi giallo Soreli ha dell'incredibile".

"La cultura della Proprietà Intellettuale (PI) da noi è molto debole in generale e a tutti i livelli, dal grande imprenditore al consumatore. La scarsa consapevolezza dei vantaggi che la PI può dare va purtroppodi pari passo con una certa propensione alla violazione dei diritti altrui. E se questo vale per le privative industriali, con quelle vegetali la situazione è disperata. Solo in Grecia abbiamo trovato una situazione simile..."

"Quello che rattrista è il fatto che i primi ad essere danneggiati non sono i breeder, ma i diversi soggetti della filiera. Come ente pubblico nel licenziare una nuova varietà, pur senza sottovalutare il possibile ritorno economico - importante per noi - siamo molto sensibili all'interesse collettivo, al più ampio impatto che una nuova varietà può portare".

"Con le varietà di kiwi giallo abbiamo voluto offrire un'opportunità laddove c'era un'enorme domanda di una tipologia di prodotto e una capacità inespressa dai produttori (esclusi dagli unici due club in quel momento avevano varietà gialle). Con le nostre varietà di viti resistenti a peronospora e oidio abbiamo voluto dare un contributo, che riteniamo importante, per una viticoltura sostenibile".

"E' triste constatare che progetti come questi possano essere sviliti o addirittura compromessi dalla leggerezza, ignoranza o spregiudicatezza di molti operatori. Da tempo penso che i breeder privati e pubblici in Italia dovrebbero attivarsi per denunciare questi problemi e promuovere una maggior consapevolezza dei vantaggi che le privative in agricoltura possono portare".

"Per questo ho apprezzato molto la sua intervista", conclude Miclet.

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

13/12/2017 CAMPOSOL ottiene il Good Labor Practices 2017 Award nella categoria 'Promozione e rispetto della libertà' di associazione'
13/12/2017 Nel settore ortofrutticolo, i clienti dovrebbero diventare ospiti
12/12/2017 Nel commercio di ortofrutta, l'etica non sia solo una parola
11/12/2017 Al via il Voucher di 10 mila euro per la digitalizzazione delle piccole e medie imprese
11/12/2017 Le Donne in Ortofrutta: una sensibilita' innovativa, sempre piu' digitale
07/12/2017 E' stata costituita l'Associazione Nazionale Le Donne dell'Ortofrutta
06/12/2017 L'imprenditore non ha tempo per la formazione: ecco una soluzione veloce
05/12/2017 Vendere all'estero con tranquillita' e' possibile
05/12/2017 Le Reti di aziende, soluzione per proiettarsi nel futuro
04/12/2017 Le clementine erano anonime sul web fintanto che non e' arrivata un'idea da Corigliano Calabro
04/12/2017 Fare gli imprenditori e' questione da eroi
01/12/2017 Macfrut in Africa per aprire la strada alle imprese
29/11/2017 A tavola con i Gonzaga: quattro chiacchere insieme su angurie, melone e pomodori
28/11/2017 Con il bonifico istantaneo non ci sono piu' scuse sui pagamenti
27/11/2017 Le spezie e gli aromi: un mondo a parte, ma fino a un certo punto
24/11/2017 Gerard van Loon e' pronto a trasferirsi in Puglia
23/11/2017 La stagione orticola austriaca registra risultati stabili e intensifica il dialogo con i consumatori
22/11/2017 La Linea Verde come caso di successo al corso di Marketing della Facolta' di Scienze Agrarie e Alimentari di Milano
22/11/2017 Export in Cina, e' ora di fare sul serio
21/11/2017 Fru-Italy diventa JoinFruit: un'OP che parte dal nome come simbolo di una svolta

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*