Avvisi

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un ricercatore di UniUdine interviene nel dibattito sui brevetti vegetali

Apprezzamenti sono giunti, nella giornata di ieri, per l'intervista a Maurizio Ventura della Sun World (cfr. FreshPlaza del 18/05/2017). In particolare, vogliamo riportare il parere del dott. Giorgio Miclet dell'Università di Udine, Responsabile Ufficio Protezione e Valorizzazione Proprietà Industriale.

"L'Università di Udine - ricorda Miclet - ha una piccola, ma significativa esperienza di breeding, principalmente actinidia e vite. Quello che abbiamo sperimentato in Italia con la nostra varietà di kiwi giallo Soreli ha dell'incredibile".

"La cultura della Proprietà Intellettuale (PI) da noi è molto debole in generale e a tutti i livelli, dal grande imprenditore al consumatore. La scarsa consapevolezza dei vantaggi che la PI può dare va purtroppodi pari passo con una certa propensione alla violazione dei diritti altrui. E se questo vale per le privative industriali, con quelle vegetali la situazione è disperata. Solo in Grecia abbiamo trovato una situazione simile..."

"Quello che rattrista è il fatto che i primi ad essere danneggiati non sono i breeder, ma i diversi soggetti della filiera. Come ente pubblico nel licenziare una nuova varietà, pur senza sottovalutare il possibile ritorno economico - importante per noi - siamo molto sensibili all'interesse collettivo, al più ampio impatto che una nuova varietà può portare".

"Con le varietà di kiwi giallo abbiamo voluto offrire un'opportunità laddove c'era un'enorme domanda di una tipologia di prodotto e una capacità inespressa dai produttori (esclusi dagli unici due club in quel momento avevano varietà gialle). Con le nostre varietà di viti resistenti a peronospora e oidio abbiamo voluto dare un contributo, che riteniamo importante, per una viticoltura sostenibile".

"E' triste constatare che progetti come questi possano essere sviliti o addirittura compromessi dalla leggerezza, ignoranza o spregiudicatezza di molti operatori. Da tempo penso che i breeder privati e pubblici in Italia dovrebbero attivarsi per denunciare questi problemi e promuovere una maggior consapevolezza dei vantaggi che le privative in agricoltura possono portare".

"Per questo ho apprezzato molto la sua intervista", conclude Miclet.

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

22/02/2018 Venti anni della olandese Freeland: il racconto di Kees van den Bosch
21/02/2018 Piu' reddito per tutti valorizzando il Made in Italy
21/02/2018 FABO S.I.: consulenza per finanziamenti a fondo perduto
20/02/2018 Presentato Skill4agri, il progetto di Enapra Confagricoltura e Intesa Sanpaolo Formazione per le imprese agricole
19/02/2018 Imprese agricole: entro il 25 maggio mettersi in regola con la privacy
16/02/2018 Il lavoro sano e onesto porta i suoi frutti: OP APOC celebra i suoi 40 anni con risultati record
15/02/2018 Prorogata al 31 marzo la scadenza per l’esonero contributivo spettante ai giovani agricoltori
14/02/2018 Digital divide, Confagricoltura: 'Prendere esempio dalla Germania: investimenti per la copertura digitale delle zone rurali'
14/02/2018 Rijk Zwaan riceve il premio Best Employer 2017/2018
13/02/2018 Agroalimentare: crescita prevista di oltre il 2%, ma restano alcune criticita' sui tempi di pagamento tra le aziende
06/02/2018 Il Consorzio Le Galline Felici lavora con i gruppi di acquisto
05/02/2018 Italia Ortofrutta: il 50% della produzione ortofrutticola nazionale si riconosce nel sistema OP
05/02/2018 Mela Val Venosta consegna l'automezzo per il progetto 'Mobilita' in Alto Adige'
05/02/2018 Comparto ortofrutticolo del Sudest siciliano, la sfida del nuovo consorzio
05/02/2018 Da luglio 2018 stop ai pagamenti in contanti
02/02/2018 Giovani e lavoro: nascono 300 imprese al giorno, boom in agricoltura
01/02/2018 Le giuste informazioni permetteranno di sviluppare in anticipo un piano vendite
31/01/2018 Vendere all'estero: la mappa dei Paesi a rischio e di quelli tranquilli
26/01/2018 Giuseppe Calcagni laureato in Kazakhstan
25/01/2018 I produttori ucraini si uniscono per accedere al mercato globale

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*