Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Un ricercatore di UniUdine interviene nel dibattito sui brevetti vegetali

Apprezzamenti sono giunti, nella giornata di ieri, per l'intervista a Maurizio Ventura della Sun World (cfr. FreshPlaza del 18/05/2017). In particolare, vogliamo riportare il parere del dott. Giorgio Miclet dell'Università di Udine, Responsabile Ufficio Protezione e Valorizzazione Proprietà Industriale.

"L'Università di Udine - ricorda Miclet - ha una piccola, ma significativa esperienza di breeding, principalmente actinidia e vite. Quello che abbiamo sperimentato in Italia con la nostra varietà di kiwi giallo Soreli ha dell'incredibile".

"La cultura della Proprietà Intellettuale (PI) da noi è molto debole in generale e a tutti i livelli, dal grande imprenditore al consumatore. La scarsa consapevolezza dei vantaggi che la PI può dare va purtroppodi pari passo con una certa propensione alla violazione dei diritti altrui. E se questo vale per le privative industriali, con quelle vegetali la situazione è disperata. Solo in Grecia abbiamo trovato una situazione simile..."

"Quello che rattrista è il fatto che i primi ad essere danneggiati non sono i breeder, ma i diversi soggetti della filiera. Come ente pubblico nel licenziare una nuova varietà, pur senza sottovalutare il possibile ritorno economico - importante per noi - siamo molto sensibili all'interesse collettivo, al più ampio impatto che una nuova varietà può portare".

"Con le varietà di kiwi giallo abbiamo voluto offrire un'opportunità laddove c'era un'enorme domanda di una tipologia di prodotto e una capacità inespressa dai produttori (esclusi dagli unici due club in quel momento avevano varietà gialle). Con le nostre varietà di viti resistenti a peronospora e oidio abbiamo voluto dare un contributo, che riteniamo importante, per una viticoltura sostenibile".

"E' triste constatare che progetti come questi possano essere sviliti o addirittura compromessi dalla leggerezza, ignoranza o spregiudicatezza di molti operatori. Da tempo penso che i breeder privati e pubblici in Italia dovrebbero attivarsi per denunciare questi problemi e promuovere una maggior consapevolezza dei vantaggi che le privative in agricoltura possono portare".

"Per questo ho apprezzato molto la sua intervista", conclude Miclet.

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Marketing moments: i brand piu' vivaci dell'estate
31/07/2017 Contraffazione marchio IGP: sanzioni fino a 750mila euro e il carcere
28/07/2017 Strategie aziendali: non esistono piu' scelte giuste, esistono scelte coerenti
27/07/2017 Dare identita' al prodotto ortofrutticolo: i nuovi video per il melone Majores e l'anguria Gavina
26/07/2017 Agricoltori, siete diventati i moderni schiavi. La legge della domanda e dell'offerta non esiste piu'
25/07/2017 Bonus pubblicita' per partita IVA e imprese: come ottenerlo e mettere annunci quasi gratis
25/07/2017 Integra spiega come il lavoro in agricoltura puo' prosperare sul benessere dei dipendenti
24/07/2017 A chi darei l'Oscar della comunicazione nel settore ortofrutta? Alla frutta secca
24/07/2017 Licenziare un dipendente disonesto: e' sempre possibile?
21/07/2017 Melone: quando il prezzo puo' moltiplicarsi per 16
20/07/2017 Incontro Cia sulla (imperfetta) Legge contro il caporalato: le perplessita' del mondo agricolo
17/07/2017 Commenti di operatori e aziende nei confronti del nostro articolo su caporalato e prodotto etico
17/07/2017 Controlli in azienda: quando gli Ispettori possono farvi 'chiudere'
13/07/2017 Cosa un imprenditore dovrebbe imparare dal Barcelona Futbol Club - seconda parte
12/07/2017 Orogel premiata da Carrefour
12/07/2017 Resto al Sud: nuovi incentivi per under 35 del Mezzogiorno
11/07/2017 La frutta va promossa, non svenduta
11/07/2017 Caporalato: ma il prodotto etico ha un mercato oppure no?
11/07/2017 Migrazioni e Africa: per la FAO occorre affrontare il nodo della disoccupazione giovanile
10/07/2017 Intervista di FreshPlaza a Massimiliano Giansanti nel suo centesimo giorno da presidente Confagricoltura

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*