Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale






Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Europa: si preannuncia una grave carenza di mele per la prima volta in 50 anni

I danni da gelo in Polonia, di cui vi abbiamo già riferito nei giorni scorsi (cfr. FreshPlaza del 12/05/2017), potrebbero risultare peggiori di quanto si pensasse.

Dalla compagnia belga Lieverfruit, l'agronomo Bart Lieseborghs, operante in Polonia, riferisce che il crollo di produzione del 40% è stato calcolato sul totale di tutto il raccolto: "Ma se guardiamo solo alle principali cultivar commerciali destinate al mercato del fresco, temo che il danno sarà ben superiore. Potremmo doverci confrontare con un -60%. Tra l'altro, è ancora troppo presto per una stima sulla qualità dei frutti che rimarranno. La percentuale di perdite potrebbe arrivare al 75%. Un vero dramma per i produttori polacchi, anche se i pochi che avranno prodotto da vendere spunteranno prezzi superiori".



Pochi si salveranno
Nel resto dei paesi produttori di mele, le gelate avevano colpito anche prima, intorno a Pasqua: "La Polonia era stata, in quel momento, l'unica zona ancora risparmiata; ma poi le cose sono cambiate in peggio. La prossima stagione dovremo confrontarci per la prima volta con una notevole carenza di mele. I danni sono pressoché generalizzati, in pochi si salvano. La Polonia stessa è fuori gioco. Sarà una stagione catastrofica, a mio avviso... ed è la prima volta che un tale scenario, con perdite e danni ovunque, si verifica negli ultimi 50 anni. In alcuni Paesi, poi, la situazione delle drupacee è ancora peggio di quella delle pomacee..."

Il meteo prima e dopo le gelate
Bart riferisce anche che la principale regione frutticola della Polonia - che conta per il 50% dell'intero raccolto del Paese - è fortemente colpita. Grójec è un comune urbano-rurale polacco a sud di Varsavia ed è il cuore pulsante di questa regione: "E' tutto perduto, tranne antiche varietà come la Idared, che sono più resistenti al gelo. Ma le cultivar commerciali come Golden e Jonagold sono fortemente danneggiate. Prima delle gelate era caduta molta pioggia, quindi le piante erano già stressate. Dopodiché è arrivata l'ondata di freddo e ha fatto il resto".

Ora si sta tutti alla finestra per capire come il meteo evolverà: "In Belgio - prosegue Bart - abbiamo avuto cattivo tempo dopo le gelate, e questo non fa bene alla fioritura. Ora che in Polonia (e anche da noi) il tempo è migliorato, possiamo solo sperare che il resto delle fioriture non sia compromesso".

Proteggere gli alberi
Diversi coltivatori hanno deciso di proteggere le proprie piante a partire dalla prossima stagione: "Se avranno ancora le forze economiche, dovranno necessariamente farlo. Inoltre, sarà necessario un monitoraggio settimanale sulla conservabilità dei frutti. Se le mele risulteranno di buona qualità, forse le scorte basteranno fino a Natale. Parliamo delle mele del primo stacco. La conservabilità delle mele per periodi più lunghi non dovrebbe costituire un problema, viste le attuali tecnologie. In questo modo, si spera potremo navigare per qualche mese ancora. Ovviamente, ciò sarà possibile solo con alcune varietà (come Golden e Jonagold), mentre con altre, tipo Elstar, sarà impossibile".

Per maggiori informazioni:
Bart Liesenborghs
Tel.: +32 472800524
Email: lieverfruit@gmail.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 18/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

23/05/2017 Australia: espansione globale per l'achacha
23/05/2017 I produttori greci sono i migliori partner commerciali della Polonia
23/05/2017 Triple H presenta una nuova gamma di frutti
23/05/2017 Previste vendite maggiori di datteri con il Ramadan
23/05/2017 Gorle (BG): frutteto apre le porte alla raccolta da parte del pubblico
23/05/2017 Fragole, bilancio parziale: piu' luci che ombre al nord
23/05/2017 Uva da tavola: dal profilo fenolico a una raccolta strategica
23/05/2017 Lamponi: la coltivazione in tunnel raddoppia la resa ma non aumenta i gradi Brix
22/05/2017 Messico: vigilantes e paramilitari per difendere gli avocado
22/05/2017 Tunisia: emergenza punteruolo rosso, allarme per le palme da dattero
22/05/2017 Europa: produzione pesche e nettarine in aumento
22/05/2017 Le ciliegie Sweet diventano IGP (e arrivano anche le amarene)
22/05/2017 Francia: +10% nel raccolto di ciliegie
22/05/2017 Valfrutta Fresco presenta Meloro, il melone dolce e croccante
22/05/2017 Il Piel de Sapo ha un grande potenziale sul mercato internazionale: parola di Rijk Zwaan
22/05/2017 Il percorso storico del ciliegio acido: ieri oggi e domani (seconda parte)
22/05/2017 Kiwi: comparsa di ceppi di Pseudomonas syringae resistenti al rame in actinidieti colpiti dalla batteriosi
22/05/2017 Piemonte: dopo la nocciola, ora si punta sulla noce!
22/05/2017 Licata (AG): tavolo tecnico per il crollo del prezzo del melone retato
22/05/2017 Albisole, l'albicocca a marchio si fa strada

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*