Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



I disordini in Costa d'Avorio rallentano l'export di mango

L'attuale disordine militare in Costa d'Avorio ha causato lo stop delle esportazioni. Secondo Mohamed L. Diaby, della società d'Esportazione Zatwa Commodities, i confini del Paese non sono stati chiusi. Tuttavia, dato che il governo ivoriano ha raddoppiato le routine di ispezione, il traffico nei porti della Costa d'Avorio è rallentato molto. "Nessuno sa veramente cosa succede. Sono tutti cauti, ma non hanno paura. Aspettano solo che sia nuovamente sicuro".

Secondo Mohamed la situazione è ancora gestibile. "Il governo sta provvedendo a contenere e gestire la situazione. I porti sono stati chiusi solo oggi. Oltre a questo, l'unica cosa è che tutte le operazioni sono state rallentate. La situazione non è terribile, ma il porto al momento è congestionato con carichi di semi di cacao, anacardi e mango".

Attualmente la Costa d'Avorio sta affrontando la stagione dei mango, che è quasi terminata. Anche se Mohamed si dichiara moderatamente ottimista, riconosce che ci saranno conseguenze economiche se questa situazione si protrarrà ancora a lungo. "I mango si rovinano rapidamente. Se i frutti restano troppo a lungo nei porti a causa delle ispezioni, non saranno più adatti alle esportazioni. Se dovesse succedere molti perderanno grandi quantità di denaro".


Issouf Sanogo/Agence France-Presse — Getty Images

La crisi attuale ha a che fare con elementi ribelli dell'esercito ivoriano che sono arrabbiati con il governo perché non hanno ricevuto la paga promessa. Il disordine si concentra principalmente nelle città di Abidjan, Bouké e Korhogo, e quest'ultima è un hub per i mango. Mohamed ha continuato: "È una situazione spiacevole, ma potevamo aspettarcelo. Queste persone hanno aiutato l'attuale governo ad assumere il potere. Hanno perso familiari e ora si aspettano ciò che gli è dovuto. Tutti sanno che la faccenda non si risolverà facilmente".

Inoltre, ci sono diversi centri di confezionamenti di mango che hanno già chiuso. "Il mango è un prodotto deperibile, una volta che arriva nel centro di confezionamento ha un tempo limitato per essere preparato all'esportazione. Quindi, se non si riesce a tenersi nei tempi giusti di confezionamento, la qualità dei mango è compromessa. È un rischio potenziale, per cui molte aziende hanno deciso di chiudere i loro centri di confezionamento oltre ad essere stati intimati di restare nelle case. In ogni caso, dato che ci si avvia verso la fine della stagione, hanno preferito interrompere le attività". Mohamed ha concluso: "Speriamo che la situazione si risolva rapidamente. Nessuno vuole questo e a nessuno importa di continuare a combattere".

Per maggiori informazioni:

Mohamed L. Diaby
Zatwa Commodities
Tel.: +225 20 36 02 16
Email: ml.diaby@zatwa.com
Web: www.zatwa.com

Autori: Peter Duivenvoorde / Yzza Ibrahim

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

31/07/2017 Situazione critica per i prezzi delle pesche: le denunce di Alleanza Cooperative, Cia e Coldiretti Cuneo
31/07/2017 Previsioni WAPA-Prognosfruit: volumi in calo per mele e pere europee
31/07/2017 Performance dell'uva da tavola senza semi BRS Isis, resistente al mal bianco
31/07/2017 Spagna: attesi kaki con calibri maggiori
31/07/2017 Cina: produzione a contratto per i meloni cantalupo
31/07/2017 Jaguar Fruit: come evolve la domanda cinese di frutta importata
31/07/2017 Cina: il mango di Panzhihua
31/07/2017 Veneto: la cimice asiatica devasta i frutteti della Marca, danni fino al 50%
31/07/2017 Agriz coltiva l'Emblema dell'estate grazie alla selezione di anguria della Cora Seeds
31/07/2017 Via libera dall'Unione europea alle albicocche DOP della Turchia
31/07/2017 Analisi sensoriale utile per capire cosa vuole il consumatore. Guarda tutte le foto!
31/07/2017 OP La Deliziosa: prezzi in crescita e strategia di green marketing per il ficodindia Sicilio
31/07/2017 La produzione di pesche percoche presso la lucana Di Stasi
31/07/2017 Spagna: Kiwi Atlantico produrra' anche actinidia gialla e rossa
28/07/2017 La produzione di mele tradizionali e club in Canada
28/07/2017 Un'azienda agricola cilena di Dole ottiene la certificazione Rainforest Alliance
28/07/2017 Nuove acquisizioni per Orsero Spa
28/07/2017 L'impronta ecologica dell'avocado in confronto con quella delle banane
28/07/2017 Cina: produzione di pitaya in serra
28/07/2017 Galilee Export prevede di raddoppiare i volumi di datteri Barhi

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*