Avvisi

La Clessidra

Ricerca di personale




Specialecontinua »

Top 5 - ieri

Top 5 - ultima settimana

Top 5 - ultimo mese

Commenti recenticontinua »

Altre notizie

Notizie economiche



Paesi Bassi: il settore cipolle investe in ricerca sulla qualita'

Gijsbrecht Gunter, presidente della Holland Onion Association, ci ha parlato della ricerca a livello di catena di approvvigionamento che dovrebbe elevare la qualità delle cipolle olandesi, affinché i Paesi Bassi possano mantenere la propria posizione leader. Nel periodo 2017-2019, infatti, saranno investiti due milioni di euro nella ricerca su larga scala.


Gijsbrecht Gunter, presidente della Holland Onion Association.

La ricerca sulla qualità a lungo termine nella catena di approvvigionamento è stata avviata sotto il patrocinio della Holland Onion Association (HOA). Perché?
"La ricerca è uno dei tre pilastri, oltre alla promozione e alla lobby, cui HOA si dedica. La ricerca è incredibilmente importante. Senza lo sviluppo delle conoscenze, come settore, rimarremmo indietro. Ad esempio, abbiamo finanziato la lista varietale delle sementi di cipolle, la ricerca di fertilizzanti e lo SNUIF, un importante istituto di conoscenza finanziato collettivamente per la catena di approvvigionamento di cipolle olandesi 25 anni fa. Tutto questo però riguarda il passato: il finanziamento collettivo obbligatorio è scomparso e il panorama politico sembra completamente diverso oggi, ma anche gli imprenditori la pensano diversamente e ora vogliono sapere esattamente cosa significa per la loro società far parte di un collettivo. Tutti dobbiamo collaborare e sforzarci di guardare oltre l'interesse della nostra società e dell'organizzazione. Riassumendo, quindi, la ricerca parte dalla necessità di conoscenza per migliorare la cipolla olandese e aumentare le opzioni di esportazione".

Ricerca di base o applicata?
"Entrambe. Nonostante l'accento sia sulla ricerca applicata, ci dedichiamo anche a quella di base. Ciò avviene parzialmente attraverso la ricerca sulla qualità della catena di approvvigionamento, ma abbiamo anche un progetto di quattro anni, per il quale viene effettuata una ricerca di base sui recettori proteici nelle cipolle quando l'impianto è infettato da marciume radicale, marciume bianco o fusarium per esempio. La ricerca promozionale puramente scientifica dell'Università olandese di Wageningen (WUR), con un budget di 6,5 tonnellate, è molto importante per il futuro e per questo la supportiamo. Nella ricerca sulla catena di approvvigionamento, saranno esaminati anche questioni fondamentali come la rilevazione molecolare del fusarium in campo, l'inventario dei tipi noti di fusarium e dei loro agenti patogeni, la tolleranza di alcune varietà di cipolle o forse anche la resistenza al fusarium".

"Oltre a malattie e parassiti, ci siamo anche dedicati al materiale di partenza sano. Questo include la prosecuzione dell'elenco esistente di varietà di cipolle da seme note da anni, ma anche un inventario dei mezzi per garantire la qualità delle cipolle da seme biennali. In primo luogo effettuiamo delle visite con gli esperti di fitofarmaci per poi guardare a quali sono i mezzi necessari e come accelerare l'accesso a questi mezzi. Guardiamo sia ai fitofarmaci convenzionali sia alle alternative biologiche. Infine, guardiamo all'influenza del fertilizzante sulla qualità. Ma non è tutto. Abbiamo recentemente deciso che occorre fare ulteriori ricerche per scoprire se esiste una relazione tra alcune malattie della cipolla e il crescente volume di residui organici applicati ai campi come il compost e il digestato. Quindi, da una parte, la ricerca è abbastanza ampia, ma dall'altro c'è un'attenzione evidente sulla qualità e sui tre canali intrinseci: 1) materiale di partenza, 2) fertilizzante e 3) malattie e parassiti".

Chi partecipa e quando sono attesi i primi risultati?
"Oltre a circa 30 selezionatori ed esportatori, che rappresentano circa il 90% del commercio, partecipano nove aziende sementiere, associazioni di produttori, fornitori, partner della catena di rifornimento ed enti di ricerca. I primi risultati sono attesi nei prossimi mesi. Inizialmente, il progetto è partito per un periodo di tre anni (2017-2019), ma c'è intenzione di portarlo avanti se avrà successo".

Per maggiori informazioni:
Gijsbrecht Gunter
Email: gagunter@gmail.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione: 19/05/2017



 


 

Altre notizie relative a questo settore:

18/10/2017 Nuova Zelanda: coltivatori di patate in crisi per troppa pioggia
18/10/2017 Polonia: le piogge complicano la raccolta delle patate
17/10/2017 E' nata una stella: Rhea F1, la bianca che brilla!
16/10/2017 Germania: nonostante le piogge e' previsto un buon raccolto di patate
13/10/2017 La Turchia utilizza patate da seme locali per contrastare l'import
12/10/2017 Patata di Bologna Dop: +10 per cento rispetto al 2016
11/10/2017 In Veneto torna l’interesse per la patata dolce: richiesta sostenuta e prezzi validi
11/10/2017 Cipolle: quelle bianche si vendono bene all'estero
10/10/2017 Nessun miglioramento per la campagna spagnola delle patate
06/10/2017 Cipolla Rossa di Acquaviva delle Fonti: approvato il disciplinare di produzione
05/10/2017 Patate comuni: offerta stabile, domanda poco attiva
05/10/2017 Focus di Unapa sul mercato delle patate da consumo per la campagna 2017/18
04/10/2017 Germania: raccolta patate 2017 migliore delle due annate precedenti
03/10/2017 Prezzo patate, deciso l'acconto del contratto quadro
02/10/2017 Focus sul mercato globale delle cipolle
02/10/2017 Spagna: grande differenza tra i prezzi delle cipolle di calibro grande e piccolo
29/09/2017 Patate e cipolle: Cesac fa il punto su quantita' e mercato
29/09/2017 Patatas Aguilar celebra il 50mo anniversario e investira' 4 milioni di euro in nuovi macchinari
28/09/2017 Oggi si dovrebbe produrre solo quello che si riesce a vendere
28/09/2017 Il commercio delle patate da seme nel panorama post-Brexit

 

Inserisci un commento:

Nome: *
Email: *
Città: *
Paese: *
  Mostra indirizzo mail
Commento: *
Inserisci il codice
*