Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Commenti recenti continua

Un nuovo passo avanti nella strategia per la sostenibilita'

Rewe introduce le retine riutilizzabili in tutti i punti vendita

La catena Rewe promuove l'acquisto di frutta e verdura non confezionata. A tale scopo, la società è il primo grande rivenditore alimentare in Germania a introdurre retine riutilizzabili. Con questa pratica e igienica alternativa alla plastica, i clienti avranno l'opportunità di ridurre i rifiuti in plastica. 

"Sempre più persone sono in cerca di soluzioni per ridurre i rifiuti in plastica nella vita di tutti i giorni. Riteniamo che il nostro compito sia soddisfare le esigenze dei nostri clienti e continuare a portare avanti le nostre numerose iniziative volte alla riduzione della plastica - ha dichiarato Daniela Büchel, che in quanto membro della squadra amministrativa della Rewe, è responsabile anche della sostenibilità - Siamo quindi molto orgogliosi di poter offrire un'alternativa a chi acquista frutta e verdura sfusa".

100 punti vendita REWE
Il lancio ufficiale è stato preceduto da un periodo di prova di 7 giorni a ottobre e novembre 2017, condotto in oltre 100 punti vendita Rewe. Sulla base dei risultati, la catena ha lavorato per mesi all'ideazione di nuovi modi per migliorare ulteriormente i sacchetti in rete riutilizzabili, il loro aspetto pratico per i clienti e i dipendenti del mercato, oltre che alla forma di presentazione sul mercato. Büchel: "Con oltre 3.300 punti vendita Rewe in tutto il paese e tutte le loro differenze, l'introduzione simultanea di retine multiuso è un progetto complesso, che ha richiesto tempo".

I sacchetti a rete riutilizzabili avranno un prezzo di 1,49 euro per una confezione da due. Chiunque scelga l'alternativa riutilizzabile, potrà utilizzare tali sacchetti per acquistare la frutta e verdura in tutti i punti vendita Rewe. Al momento della pesatura, la tara sarà automaticamente sottratta dal peso del prodotto. A tale scopo, su ogni sacchetto verrà cucito un codice a barre che non dovrà quindi essere rimosso o reso illeggibile dal cliente. Inoltre, il sacchetto presenterà un'altra etichetta contenente informazioni per il cliente (tra cui il materiale e le istruzioni per il lavaggio) che potrà essere facilmente rimossa strappandola lungo le apposite perforazioni.

Riduzione della plastica
Rewe sta lavorando a una serie di iniziative volte alla riduzione degli imballaggi in plastica e al consumo di risorse. La misura più conosciuta finora è sicuramente l'abolizione delle buste in plastica nei supermercati nel 2016, operazione nella quale Rewe si è dimostrata leader nel settore. Altre soluzioni comprendono "l'etichettatura naturale", vale a dire l'etichettatura laser di avocado e patate dolci, la riduzione dello spessore della pellicola e anche il passaggio dall'imballaggio con pellicola alle fascette adesive o alle etichette adesive per le banane.

Un altro passo in direzione della sostenibilità è costituito dall'utilizzo di carta prodotta con erba (e non è stato il primo a farlo: vedi precedente news) per i cartoni di banane oppure il riciclo delle bottiglie di plastica per detergenti e analoghi. Inoltre, questo mese Rewe è stato il primo rivenditore a presentare l'etichetta "Share", cioè le prime bottiglie per l'acqua prodotte interamente da plastica riciclata. Per questo prodotto non vengono utilizzate nuove risorse come il petrolio greggio, chiudendo così il ciclo di produzione e riciclo.

Insieme a Penny e Toom Baumarkt, Rewe sta contrastando gli imballaggi usa e getta, impegnandosi a rimuovere dalla sua gamma tutti gli articoli in plastica monouso entro il 2020. 

Fonte: REWE


Data di pubblicazione :



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018